Home / PROBLEMI DI CUORE / Un sogno venuto dall’EST

Un sogno venuto dall’EST

Ho 37 anni e sono una libera professionista.
A 17 anni mi sono fidanzata con un mio coetaneo e, da allora siamo sempre stati insieme, non ho avuto altri uomini oltre a lui, siamo stati insieme 19 anni. Qualche volta abbiamo anche progettato si sposarci.
Gli ho sempre voluto bene, ancora gliene voglio, ma non l’ho mai amato, anche perché io non ho mai creduto all’amore, ho sempre pensato che le persone fossero pazze a complicarsi la vita per qualcosa che non esiste.
Lui era l’uomo perfetto, dolce, gentile, amorevole e mi proteggeva da tutto, per questo quindi non avevo nessun problema.
Piano piano ho iniziato a sentire un vuoto dentro, una solitudine che non capivo, ho iniziato a parlare con tanti ragazzi soprattutto in Facebook, per me era solo un gioco, in realtà volevo solo parlare con qualcuno.
Un giorno mi compare un suggerimento per l’amicizia, era una foto stupenda, gli mandai la richiesta di amicizia e lui accettò.
Il giorno dopo mi manda un messaggio ed inizia a parlare con me, scriveva male in italiano, per cui gli chiesi di dove era e lui mi disse Albania, non mi piacevano gli albanesi e non mi fidavo di loro, ma lui sembrava gentile e senza doppi fini. In realtà non sapevo nemmeno se era realmente lui quello della foto,   parlavano di musica e arte era dolce.
Un giorno mi disse che io gli piacevo, così iniziammo a chattare tutti i giorni. Un giorno gli chiesi quanti anni avesse e lui mi disse 23, io volevo morire era solo un ragazzino, però nonostante tutto continuai a parlare con lui in chat, fino a che un giorno mi chiese di farlo venire in Italia.
Tra i miei mille dubbi accettai, gli inviai una lettera di richiamo per un viaggio turistico di tre mesi, nella quale io mi assumevo la piena responsabilità civile e penale di lui.
Voleva conoscermi di persona. Alla fine ho pensato che fosse solo un’avventura nulla di importante e magari lo avrei rispedito a casa dopo una settimana.
Andai a prenderlo al porto di Bari, quando me lo ritrovai davanti, non so descrivere cosa mi è successo, lui era lì davanti a me bellissimo, il suo volto delicato i suoi occhi dolcissimi e spaventati, sembrava un angelo, un fiore delicato, mi sono innamorata di lui senza nemmeno capire, mi sentivo le gambe deboli, il cuore battere all’impazzata, tremavo come un gattino bagnato. Non sapevo niente di lui, a parte il suo nome.
Dopo una settimana ho lasciato il mio fidanzato.
Dopo poco mi ha chiesto di sposarlo, ma io non ho voluto, avevo paura che stesse con me solo per la cittadinanza, pensavo che lui era troppo bello per me, io sono bruttina e lui era un fotomodello, perché stava con me? Mi chiedevo e, la risposta che mi davo era sempre la stessa -“vuole la cittadinanza”, non mi spiegavo altrimenti.
però lo amavo da impazzire, ma la paura era troppa.
Poi è andato via.
Al porto mi disse di andar via con lui perché non viveva più senza di me.
Ma la mia paura mi ha frenato.
Dopo qualche mese mi ha lasciata, senza spiegazioni, sono entrata in depressione, la mia azienda stava fallendo e lui mi aveva lasciata, sono entrata in depressione, ho sofferto e ancora soffro per lui.
Non voglio più incontrare nessuno ho abbandonato tutti i miei amici.
Ho capito di aver sbagliato con lui, non gli ho mai dato fiducia e questo lo ha ferito molto, ha sempre detto che mi voleva bene ma io non gli ho mai creduto  l’ho sempre trattato come un ragazzino come se fosse di mia proprietà, mi ha dimostrato più volte che a me ci teneva, ma io non ho saputo vedere poi la lontananza e io sono diventata troppo gelosa penso che lui non abbia più avuto la forza di sopportare tutto questo.
Ora ci sentiamo di nuovo io cerco di modificare il mio comportamento e non fargli scenate però penso che adesso avesse solo bisogno di me.
Penso questo perché una notte ho sognato che lui mi chiedeva di ritornare insieme, gli ho raccontato il sogno e lui mi ha risposto “è solo un sogno”, un paio di giorni dopo ha cominciato a chattare di nuovo con me a dirmi che gli mancavo, che voleva rivedermi, mi ha chiesto di andare da lui.
In questi giorni sta lavorando ad un progetto di mi ha chiesto se collaboravo con lui per girare un video. Dopo che gli ho mandato il materiale mi ha detto “grazie per tutto quello che hai fatto per me”. A me questa frase sembra tanto un addio, sono quattro ore che non mi dice più nulla.
Stavolta so che non riuscirò a superare il dolore per la sua perdita

da: Luna

7 Commenti

  1. Sai, credo che alla fine è meglio per te. Forse incontrerò molte critiche ma credo che una relazione funzioni meglio quando è l’uomo più grande, nel tuo caso invece avresti solo sofferto in questa relazione.
    saresti diventata dubbiosa, gelosa, impaurita.
    Adesso è vero che soffri molto ma alla fine credo che quello che ti succede è per il tuo bene.
    Qui non è un discorso di etnie diverse, poteva tranquillamente essere un italiano, ma di fatto io credo non avrebbe funzionato!

  2. Sai, sono stata per un po’ con un Albanese. ne ero talmente innamorata che non pensavo all’inizio a quante differenze avevamo, soprattutto culturali. Fidati, alla lunga ti avrebbero pesato certe cose. A partire dal fatto che pur conoscendomi poco voleva sposarmi. Io gli dicevo di dare il tempo al tempo ma lui non voleva saperne. Perché tutta questa fretta? Sai, ho sempre pensato che in realtà non mi amasse davvero, diciamo che voleva qualcos’altro da me. forse una nuova posizione sociale, un nuovo lavoro, una donna che lavorasse (mentre lui era alla ricerca di un lavoro).
    Mi sono smarcata con difficoltà da tutto questo e credo di aver fatto bene.
    Ma la scelta rimane sempre la tua.

  3. Per esperienza vedo che quando noi siamo più grandi di almeno 10 anni più di loro la storia d’amore non funziona o almeno ti condanni ad un eterno supplizio.
    Ahimè la stessa cosa non funziona quando sono loro più grandi. Quindi non c’entra molto che lui è albanese ma che tu hai 14 anni più di lui, poi lui è un bel ragazzo mentre tu ti definisci bruttina…..insomma i giusti ingredienti per soffrire.

  4. La differenza di nazionalità non c’entra niente, forse più la differenza di età potrebbe essere un problema, e condivido il pensiero degli altri, una relazione così ti porterebbe solo sofferenza e poca gioia.
    Non lo so, ma quanto sento queste storie penso che durino poco.
    Sono forti all’inizio, ma poi… cosa può darti un ragazzino a te che sei già una donna affermata lavorativamente?

  5. Fermati perché questa storia non ha futuro, se non quello di farti star male. Se ti vuoi un po’ bene fa la cosa più difficile. Mollalo per sempre, altrimenti sei destinata a star male per molto tempo!

  6. Io ho avuto una storia con un rumeno e sai, all’inizio sembrava come il tizio che tu descrivi, bello, dolce, romantico.
    Passato poco e come l’ho presentato hai miei genitori ha cominciato a mettermi fretta. Voleva sposarsi ed andare a vivere a casa dei miei. Io gli dicevo che era fuori, io mai avrei vissuto con i miei ne tantomeno loro volevano e da li ha tirato fuori quello che era davvero. prepotente, manesco, per lui ero una sua proprietà privata e non potevo più vestirmi come una volta ed i miei amici li dovevo allontanare tutti.
    All’inizio ho retto perché ne ero innamorata ma alla fine lo cacciato dalla mia vita!
    Non è stato facile, avevo anche paura ad uscire ma a distanza di un anno la situazione è totalmente cambiata. Io ho un nuovo ragazzo e lui una nuova ragazza (poverina).
    Fidati, meglio così per te, non ci pensare.

    • Ciao, stessa tua identica storia con la differenza che io ho retto sette anni. Bene bene, che dire…io l’amavo ma sai come mi ha ripagato? Negli ultimi periodi andava spesso nel suo paese ed era sempre più scostante finché’non ho scoperto che si era fidanzato cioè’ con scambio degli anelli con una sua coetanea compaesana. E li allora non ho retto e l’ho mollato. Mi ha fatto molto male la sua falsità’ ed egoismo, li’ mi sembra aver capito sono tutti uguali! Tutti bugiardi e sposano solo quelle del loro paese quindi persone che non sanno veramente che cosa vuol dire amore. Vigliacchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *