Home / SOFFRIRE PER AMORE / Un Dolore Insopportabile
Io sto soffrendo moltissimo, ci tengo molto a lei, e si, sono disposto a dire che la amo, anche se è una parola che non ho mai usato e che non userei mai con leggerezza. sono convinto che la colpa sia mia per il suo allontanamento, credo di averla delusa in qualche modo

Un Dolore Insopportabile

Devo condividere qui la mia storia perché sta volta non riesco a tenermi tutto dentro. Sono un ragazzo di 23 anni, ho conosciuto una ragazza di 18 anni un paio di mesi fa tramite un’amico. Inizialmente non provavo nulla per lei, era solo una ragazza come un’altra; non avevo la minima intenzione di buttarmi in una storia, avevo già sofferto abbastanza in passato. Poi ho cominciato a parlarle ed ho trovato subito una grande intesa con lei, ci capivamo, ci assomigliavamo a livello emotivo.

A quel punto ho deciso di provare a rimettermi in gioco, ad impegnarmi, perché ero fermamente convinto che con lei potesse funzionare. Ci siamo frequentati per un po’ come amici, e quando sono stato certo che i miei sentimenti per lei erano reali e non passeggeri mi sono dichiarato. Lei pur essendo molto dolce non ha ricambiato i miei sentimenti limitandosi a dirmi che per lei ero speciale, che non voleva perdermi ma che in questo momento non era mentalmente stabile. Io ho pensato che anche lei come me avesse sofferto in passato e che non se la sentisse di iniziare una storia.

Dopo la mia dichiarazione comunque abbiamo continuato a frequentarci e per qualche settimana si è dimostrata ancora più affettuosa, credevo che sarebbe andato tutto bene e che prima o poi ci saremmo fidanzati. Poi ha iniziato pian piano ad allontanarsi dicendomi che era impegnatissima con la scuola, le ho creduto e anzi le credo ancora ma è da quel punto che ha cominciato tutto ad andar male. Di li a poco c’era il mio compleanno e ovviamente l’ho invitata; lei pur avendo un compito il giorno successivo è venuta, anche se mi ha ignorato per quasi tutta la serata.

Io un po’ turbato da questa cosa ho chiesto consiglio ad un’amica in comune che mi ha detto che probabilmente voleva parlare un po’ con tutti e così mi sono tranquillizzato. passato il mio compleanno è degenerata ancora la situazione, ha cominciato a non scrivermi più, limitandosi a rispondere solo quando le scrivevo io; io da stupido le ho chiesto se c’era qualcosa che non andava e lei semplicemente mi ha risposto che era impegnatissima con la scuola; io ancora ho pensato che andasse tutto bene e che non ci fossero problemi. ad un certo punto un giovedì ha ricominciato a scrivermi ed era contentissima perché era una giornata stupenda per lei, ha addirittura invitato me e degli amici per festeggiare.

Io a quel punto credo di aver fatto l’errore più grande, pur sapendo che lei non ricambiava i miei sentimenti le ho chiesto, visto che alcuni degli amici erano impegnati quella sera, di spostare il festeggiamento a un’altra data e invece trovarci noi due da soli. Alla fine l’appuntamento è stato rimandato del tutto e da li è sparita del tutto; se le scrivevo rispondeva dopo svariate ore e non aveva mai tempo per scrivermi. Nell’ultimo fine settimana le ho scritto di nuovo chiedendole come mai fosse cosi schiva nei miei confronti e pregandole di dirmi la verità, mi ha risposto dopo parecchie ore dicendomi ancora una volta che era impegnatissima con la scuola aggiungendo però sta volta che non era pronta e non aveva il tempo materiale per una relazione. Io dolorosamente ho messo da parte i miei sentimenti e ringraziandola per la sincerità le ho chiesto se quanto meno potevamo restare amici, in quanto non voglio perderla, cosa alla quale ha acconsentito. su consiglio degli amici non le ho più scritto per non infastidirla e ieri, dopo una giornata che non le scrivevo, mi ha scritto lei. ero felicissimo e convinto che c’era ancora speranza, e le ho risposto.

Dal messaggio che le ho mandato non si è più fatta viva. Io sto soffrendo moltissimo, ci tengo molto a lei, e si, sono disposto a dire che la amo, anche se è una parola che non ho mai usato e che non userei mai con leggerezza. sono convinto che la colpa sia mia per il suo allontanamento, credo di averla delusa in qualche modo. Vorrei solo capire i miei errori, in modo da recuperare il nostro rapporto. per concludere farò una riflessione pesante: il mio intuito mi dice che non c’è più nulla da fare, e che la perderò. spero di sbagliarmi ma credo di aver sprecato la più grande opportunità della mia vita per non aver saputo aspettare che lei fosse pronta ad impegnarsi.
Spero che ciò che ho scritto sia capibile, l’ho scritto di getto, per sfogarmi e spero di ricevere qualche consiglio.

da: Jorah

4 Commenti

  1. Non ti ricambia, fattene una ragione e cerca altrove. Sei giovane, pensa al tuo futuro.

    • Proverò ad andare avanti, non è semplice ma ci proverò. Lei comunque anche se ora mi sta facendo passare il momento peggiore della mia vita mi ha donato anche il periodo più bello quando ci frequentavamo. Non la dimenticherò e se dovesse ripresentarsi le darò una seconda possibilità perchè comunque si è comportata in modo corretto e gentile.

  2. Jorah, se non è pronta e non se la sente non puoi cambiare il corso delle cose. Non sarebbe cambiato nulla se non le avessi chiesto l’appuntamento, l’allontanamento ci sarebbe stato comunque perché non è pronta per avere una relazione. E tu non puoi star lì ad aspettare finché non se la sente. Anche perché, potrebbe non sentirsela con te ora è magari domani conosce uno che la fa andare in tilt e si fidanza. I sentimenti sono imprevedibili e lei non ricambia i tuoi. Prova a guardarti intorno se decidi di attenderla. In bocca al lupo

    • Ho pensato molto a questa possibilità e a mio rischio e pericolo la attenderò comunque perché qualcosa c’è stato e spero si possa recuperare nel tempo. Comunque non mi bloccherò, cambierò, perché dopo aver vissuto dei sentimenti così forti è inevitabile, ma non mi lascerò buttare giù. Se ritornerà io ci sarò, se invece non lo farà andrò avanti per la mia strada.