Home / AMORE FINITO / Non so se mi riprenderò da questo incubo

Non so se mi riprenderò da questo incubo

Sto pensando che mi sento molto male e non so nemmeno se mai mi riprenderò da tutto questo incubo, da questo dolore profondo e vorrei tanto sapere cosa ne pensate e che opinione avete della seguente storia di vita che mi ha travolto.
Io vivo insieme ad una donna da 15 anni, ne abbiamo fatte tante insieme di belle è di brutte, ma non ci siamo mai lasciati. Volevamo avere un figlio, era l’unica cosa che non avevamo ancora fatto, un grande sogno comune che avrebbe riempito la nostra vita, un evento straordinario, un miracolo che solo due persone che si amano tanto come ci amavano noi avrebbero vissuto, dare una vita, solo il grande amore fra due persone può generare un miracolo così grande.
Però, nonostante tutto questo grande amore, il miracolo non arriva, la mia anima gemella, il mio grande amore, la mia unica compagna di vita, colei che mi ha sempre promesso amore eterno, ed io, abbiamo iniziato a preoccuparci, a chiederci come mai nonostante il grande amore non avveniva il miracolo, i bambini sono il frutto dell’amore di due persone, perché non arrivava?

Facciamo degli esami per saperne di più è scopriamo che io ho qualche difficoltà e avremmo bisogno di un aiutino per dare la vita al quella piccola creatura che sarebbe stato il frutto del nostro grande ed unico amore. Bene, penso io, e inizio ad assumere vari integratori, vitamine. Io so bene che la mancanza gravidanza per una donna è una tragedia, ma ho sempre avuto la convinzione che con l’amore, con la complicità, stando unti, stando insieme tutto si può vivere, tutto si può risolvere, tante coppie lo hanno fatto e lo faremo anche noi. Trascorrono settimane, mesi e la situazione non migliora e vi garantisco che lo stato d’animo per un uomo che non riesce a dare un figlio alla propria donna inizia ad essere pesante, doloroso, insostenibile,  mi sentivo a metà’, una nullità, un fallito.

Nel mio dolore, nella mia sofferenza che mi mangiava la mia serenità di uomo e di coppia, ci stavo solo ed è uno degli stati d’animo peggiori e più devastanti che un uomo che ama la propria donna possa vivere. Non riuscire a darle un figlio, la vivi come una disgrazia, una malattia che proprio a te a colpito, una punizione. Ma  ad un certo punto, la mia cara, dolce, sensibile, adorabile, insostituibile compagna di vita, il mio grande Amore, la persona che mi è sempre stata accanto con grande dedizione, con totale onestà e altruismo, trova la soluzione al problema, la sua soluzione.Otto mesi fa inizia a tradirmi, comincia ripetutamente a fare sesso con un altro uomo all’unico scopo di farsi fecondare, purtroppo per lei non ce l’ha fatta, peccato, mi dispiacque davvero molto, però l’ho vista ieri sera, era agitata, nervosa, spaventata….l’ha fatto ancora, ha fatto ancora sesso con lo stesso uomo per farsi mettere incinta e, come una fucilata al petto, me lo ha detto proprio a me, dicendomi anche che non è stata una squallida scopata, che io non riesco a vedere la profondità delle cose. Comunque caro lettore, la buona notizia è che forse questa volta ce ‘ha fatta, forse nascerà il frutto dell’amore della mia ex fidanzata per se stessa, per il suo egoismo.
Grazie

da: Ugo

 

4 Commenti

  1. Ciao Ugo, ho letto con attenzione la tua storia…posso dirti solo che ti riprenderai, ci vorrà del tempo, ma la cicatrice ti rimarrà a vita. Io sono stato lasciato da una compagna alla quale avevo dato tutto, credimi, ma proprio tutto , perchè ho avuto una disfunzione erettile, guaribile in poche settimane…ormai sono guarito, era solo un blocco psicologico e tanto stress da lavoro, ma adesso sono solo…per avere accanto persone del genere, lascia perdere, meglio stare soli.

  2. Spesso anche quando veniamo presi a schiaffi ci rendiamo conto che la cosa fa male. Una donna così ti merita?
    Il punto è proprio questo, dalle tue parole si sente tutto l’amore che provi ma da come lei agisce si comprende che non ti ama più. Sai che succede in realtà? Che quando questo accade diventiamo troppo deboli per vedere la realtà, continuiamo a ricordare la nostra compagna come la migliore, l’unica, l’assoluto.
    Ma se non avessi più paura ti renderesti conto che il corso del vostro amore è finito (figlio o non figlio) e che per il tuo bene devi andare oltre, superare la sofferenza e ricominciare.

  3. Non metto in dubbio l’amore che tu provi per lei ma sai, la mia donna mi ha lasciato dopo 13 anni insieme per diverse ragioni ma io mi sono fatto un’idea, cioè che non mi amava più. E’ come se il suo amore per me fosse esaurito e a quel punto ogni ragione diventa una buona scusa per finire tutto.
    Se davvero ti amava avrebbe agito così? Lo so che fa male però avere una chiara visione di quello che succede spesso ci aiuta ad uscirne fuori più velocemente.
    In bocca al lupo amico

  4. Ugo, veramente mi dispiace. Da come hai parlato del tuo amore per lei si sente davvero tutto quel che provavi e una persona dovrebbe ritenersi fortunata a essere stata amata così. Il problema forse però stava nell’ossessione di questa donna nel voler diventare madre a ogni costo. Per come la penso io quando si arriva a fissarsi in questa maniera, non ci sono nemmeno i presupposti per diventare una buona madre (poi magari sbaglio). Sembra in questo caso più un atto di egoismo mentre invece far nascere un bambino è tutta un’altra cosa. Alla luce di quanto è stato non capisco perché non siete ricorsi alla fecondazione assistita o a un donatore anonimo (ma immagino che i costi purtroppo sarebbero stati proibitivi).
    Mi viene da pensare a quanto ti amasse questa donna e a quanto invece fosse ormai troppo malata (fissata con la maternità) da non riuscire più a pensare ad altro.
    Non dici se questa persona avrà il bambino da sola o se questo avrà un padre. Probabilmente immagino lo terrà solo lei e già questo è egoismo. Sono convinta infatti che per mettere al mondo un figlio ci vogliano tutti e due i genitori. Certo può accadere che un uomo si defili, di rimanere vedova, di divorziare, ma queste cose, quando si concepisce, a volte non si possono prevedere, mentre invece concepire con la certezza di non dare un padre a un figlio è diverso. Sono scelte che personalmente non prenderei ma ognuno la pensa alla sua maniera.
    Quel che posso dire Ugo è che non è certo colpa tua di come è andata a finire con la tua compagna. Sono sicura che la tua ex ti abbia amato veramente ma la sua ossessione era più grande. La vita a volte è crudele. Ti auguro di ritrovare presto la serenità e poi quella felicità che ti meriti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *