Home / AMORE FINITO / Non riesco ad accettare che lui ama un’altra

Non riesco ad accettare che lui ama un’altra

E’ passato un anno da quando mi ha lasciato il mio ex ed ho saputo che sta con un’altra e che è davvero innamorato. Lo so, la mia può sembrare solo retorica e non può essere compresa, ma fino a quando sapevo che era single anche se con grande difficoltà mi sentivo tranquilla, ma adesso non riesco ad accettare che lui ama un’altra. Provo rabbia, delusione, forse anche odio, per quanto è brutto dirlo.

Mi sto facendo del male di proposito guardando le loro foto su Facebook, spero di convincermi che è finita davvero con me, ma poi c’è quella piccola convinzione che se lui sapesse ancora quanto lo amo, forse tornerebbe con me. Sto vivendo così male questa situazione, vorrei che tutto fosse diverso … ma mi sto illudendo e non riesco a guardare in faccia alla realtà!

Da: Lisa

78 Commenti

  1. Ciao ragazze, ho bisogno anche io di raccontare la mia storia. Una settimana fa è finita la mia relazione con un ragazzo di cui mi sono subito invaghita. Lo conosco a giugno, stessa università, e ho sempre pensato fosse carino ma io all”epoca mi vedevo con un altro (storia senza importanza). A settembre succede che lo incontro casualmente ad un concerto ma non riesco a salutarlo perché lontano. Rimango comunque folgorata, in quel momento non so cosa mi è preso ma ho sentito il desiderio di scrivergli su Facebook. Gli mando un messaggio, parliamo fino alle 3 di notte, parliamo anche il giorno dopo ma poi la conversazione muore lì. È il 5 settembre. Poco meno di un mese dopo lo incontro all’università e capisco che a pelle mi piace tanto, che lo voglio conoscere. Iniziamo a parlare, prima su Facebook poi su whatsapp, e a mano a mano capisco che è un ragazzo serio, deciso, con i piedi per terra, razionale… Ed in più è bellissimo. Però è sempre sfuggente, e forse è anche questo che mi attira. Sta di fatto che un giorno mi dichiaro dicendogli che non mi era indifferente, lui dice che è la stessa cosa anche per lui e decidiamo di uscire. Da lì inizia la nostra storia, da sempre sbilanciata… Io super presa, l’ho sempre dimostrato, ho addirittura rinunciato ad una esperienza di studio all’estero per iniziare la storia con lui. Sapevo che se fossi partita l’avrei perso. Lui dimostra di tenerci a me ma a modo suo, sempre distaccato e sfuggente. È un modo a cui io non sono abituata. Ci sentivamo comunque tutti i giorni, non era un tipo che spariva, però non era il ragazzo a cui ero abituata, non è il classico ragazzo dolce che ti dà attenzioni, lui bada più alle cose concrete. Questo era quello che mi piaceva di lui, ma per una insicura come me non è stato il massimo. Ero sempre insicura di lui, di quello che provava, che pensava, ho sempre pensato di provare troppo rispetto a lui. Tutte queste insicurezze, queste ansie, queste paure hanno ovviamente influito sul rapporto poiché lui le percepiva, si sentiva “forzato” nelle cose e oppresso.. Mi diceva sempre di avere pazienza, di tranquillizzarmi, che lui era preso ma aveva i suoi tempi… Ed io scema non l’ho mai capito davvero. In realtà dimostrazioni da parte sua c’erano solo che io non le vedevo: abbiamo fatto capodanno da soli a casa sua (stavamo insieme da due mesi), ci sentivamo sempre, c’era un’intesa fisica e sessuale assurda. Abbiamo litigato tanto, non solo per colpa mia ma anche lui ha un carattere difficile e pesante, però abbiamo litigato davvero tanto… Più lui mi diceva di stare serena, più io non lo ero e più anzi gli stavo dietro mettendogli ancora più pressione… Insomma, con il mio atteggiamento l’ho fatto scappare. Inoltre lui proveniva da una brutta esperienza poiché era stato lasciato a marzo dopo due anni e mezzo senza grandi spiegazioni, quindi era sicuramente frenato, io avrei dovuto capirlo e invece spesso ho preteso da lui delle cose solo per colmare le mie insicurezze. Io, abituata a ragazzi che dopo poco già si professavano innamorati di me, non ho mai sentito da lui in tre mesi nemmeno un “ti voglio bene”. E questa cosa mi faceva male perché io ero innamorata ma per paura non gliel’ho mai detto. Mi sono trovata di fronte ad una persona per cui provavo ciò che in 25 anni non ho mai provato per nessuno, ma questa persona mi sfuggiva, ed io sono impazzita. Cioè non ho saputo gestire le mie emozioni, non ho vissuto con tranquillità ed ogni pretesto era buono per lamentarmi.
    Ed arriviamo ad una settimana fa. In un un periodo stressante, di esami e di litigate quotidiane in cui lui mi ha SEMPRE detto di calmarmi e di vivermi la storia serenamente, decide di lasciarmi. Il mio comportamento lo ha fatto allontanare, i sentimenti si sono affievoliti, lui si stava aprendo ma io ho forzato le cose e adesso in lui qualcosa si è rotto. Non ha più stimoli e curiosità per andare avanti. All’inizio pensavo fosse più una presa di posizione per farmi spaventare, in fondo nonostante tutto tra noi il sesso va benissimo, poi lui apprezza di me che sono una ragazza dolce, non egoista e sempre pronta a dare dimostrazioni. E invece no, è categorico… Ci sono state troppe incomprensioni e troppe polemiche e ora lui sta così, non è convinto e preferisce tagliare. Io adesso non so come fare. So solo che vorrei riconquistarlo, vorrei fargli capire che sono cambiata davvero e che ho capito. E in più vivo con l’ansia che lui possa uscire a breve con qualcun’altra.
    Ditemi cosa posso fare… È davvero tutto finito? 🙁

    • Ciao Chiara, adesso ti dirò una cosa che forse mi prenderanno a mazzate tutti. Sei sicura che questo ragazzo non sia affetto dalla sindrome di asperger? E’ un’idea che mi è venuta leggendo la lettera in cui descrivi i comportamenti che il tuo ragazzo ha sempre avuto con te. Probabilmente sbaglio, ma magari vatti a leggere qua e la di questa sindrome e poi vedi se questo ragazzo non ci si adatta un po’. Certo una diagnosi può farla solo un medico specialista e forse io ho detto solo una montagna di cacchiate, anche perché il comportamento del ragazzo può essere anche attribuito a quello di una persona normale non troppo innamorata.
      Comunque quel che mi preoccupa è questo tuo estremo attaccamento per un ragazzo che non ha poi dimostrato questo profondo affetto. Perché ti attrae uno che fugge? E comunque purtroppo nella vita Chiara non sempre si può ottenere quel che si vuole. Ricorda che non si può costringere qualcuno ad amarci per forza. E che un rapporto in cui l’amore pesa troppo da un parte è troppo sbilanciato per funzionare. Tra l’altro io penso che difficilmente si possa cambiare. Quindi quando dici che sei disposta a cambiare, non solo non ti credo (cioè sono sicura che tu la buona volontà ce la metteresti tutta) ma alla fine finiresti per stare male. Se infatti hai bisogno di rassicurazioni da parte di un uomo del suo amore, non puoi farne a meno troppo a lungo. Rischieresti dopo un piccolo lasso di tempo in cui cerchi di soffocare la tua vera natura, di ritornare a litigare per le stesse cose per cui hai sempre litigato con lui e che lo hanno fatto scappare. Ovvio che questo è solo il mio pensiero. Magari senti anche altri pareri di chi ti risponderà qua. Forse loro hanno altri suggerimenti migliori del mio da darti. Ti auguro tanta fortuna.

      • Brava Daniela, ben detto non si può costringere un uomo ad amarti. Nel tempo non cambierà nulla, ho avuto due figli con un soggetto del genere. L’ho amato e rispettato ma a nulla è servito, mi ha tradita con un numero illimitato di donne ho perso anch’io il conto eppure sono una bella donna lo sono sempre stata.
        Non tradiscono o vanno via perché qualcuna ti toglie lo scettro di reginetta di bellezza o di brava donna ma c’è l’hanno scritto proprio nel DNA. Pultroppo non cambieranno mai, sono anaffettivi, provengo da situazioni familiari fallimentari, non gli è stato insegnato ad amare e non credete che ameranno la prossima ma ripetersi all’infinito il repertorio.
        Fidatevi, NON AMANO, sono mostri camuffati da esseri umani. Il mio ex dedicava a tutte le stesse canzoni, roba da non crederci. Pensavo d’essere l’unica ma negli anni mi sono ritrovata in un harem, questi uomini hanno troppa rabbia, non sono stati amati in famiglia e se la prendono con le donne che incontrano, nel corso della loro vita.
        Io ho amato da morire quest’uomo ma lui ha messo a dura prova il mio amore per lui. Alla fine non c’è l’ho fatta più, umiliazioni e maltrattamenti di ogni genere. Non voglio più ricordare, BASTA

        • Sono stata lasciata dopo quasi 9 anni, una storia meravigliosa a dir poco, da film, credetemi.
          Tutto era perfetto, fin quando lui non conosce un’altra, la cui esistenza è venuta fuori solo pochi mesi fa, quando io ho scoperto tutto. Dal momento che con lui ci siamo frequentati ancora durante questo anno.
          Scopro che in realtà lui frequentava e anche bene entrambe. Il delirio! Lui resta con lei, poi torna da me. Io lo rifiuto, non riesco a superare questo dolore “atroce”, come se mi fossi lasciata per una seconda volta. Ritorna da lei e per finire dopo 15 giorni da me, pensavo fosse sincero, decido però di mettere ugualmente il punto e credetemi, metterlo, quando ami ancora quella persona, è di una difficoltà unica.
          Per due giorni mi sono chiesta se avessi fatto bene o no a dirgli di no se in realtà potevamo cancellare tutto e ricominciare la nostra storia e la risposta non è tardata ad arrivare. Dopo 3 giorni ho saputo che stava assieme all’altra, fu lì che è subentrata una sorta di delusione, sfiducia, diffidenza. Tutte sensazioni che ti dimostrano di aver fatto bene a mettere un punto definitivo questa volta e sei anche soddisfatta.
          Che dirvi, non lo vedo e non lo sento da quasi un mese oramai, ed è vero”lontano dagli occhi lontano dal cuore”. Non vi nego che ho alti e bassi e l’idea di poterli vedere assieme non mi fa impazzire, ma poi penso che io cammino a testa alta, sempre e vederli magari mi farà stare male al primo impatto, ma poi mi faccio una gran bella risata, pensando alla pochezza e all’egoismo di questo uomo, se cosi lo posso definire.
          Le persone non cambiano ragazzi e come dice stella58, ce l’anno scritto nel DNA, sono persone infelici e aggiungo che non riescono a stare da soli, femmine o maschi che siano, per cui vi sono vicina, davvero
          Perchè chi passa storie come queste ti cambiano totalmente, ti rendono forte ma diversa allo stesso tempo. E’ vero però, conoscere, frequentare o semplicemente sentire un’altra persona, ti aiuta tanto sia che sia amcizia, sia che sia altro. Aiuta a non sentirti inferiore ma apprezzata per le qualità che tu hai e che magari a lui nn piacevano, perchè l’altra ne aveva altre migliori.
          Non bisogna fare chiodo schiacccia chiodo, ma spesso questo secondo chiodo potrebbe essere il vostro futuro marito.. Mi sto rialzando ragazze, piano piano. La piaga è ancora fresca ma ce la faremo tutte. Vi auguro il MEGLIO..

      • Io ho vissuto la stessa esperienza di Chiara con la mia ex…in due anni mi ha detto ti amo una volta sola,per il resto niente da dire intesa sessuale alle stelle,presenza in caso di problemi,passioni condivise…ma alla fine mi ha lasciato con una scusa( avevo ripreso banali conversazioni su wapp con mie vecchie amiche)

    • … Ma se lui ti diceva di star calma e viverti la storia rilassata perché tu non ti sei sforzata di farlo?
      I ti amo e le parole dolci non servono, i fatti contano e lui a modo suo ti è stato vicino.
      Io sono come lui (almeno da come lo hai descritto), non sono tipa da gesti romantici e sdolcinati, conservo e difendo la mia indipendenza, libertà e spazi nel rapporto in due…infatti nella coppia quella che più ama starsene per i fatti suoi quando può sono io ma lui non ha mai dubitato del mio amore e se ho voluto metterci su famiglia è perché come uomo sa capirmi, non mi pressa, non mi impone niente.
      Quelli prima li ho tutti lasciati proprio perché o volevano impormi le loro scelte di vita o erano insicuri, ansiogeni, gelosi…per carità dopo un po’ mi veniva l’orticaria e tagliavo. Non sono mai tornata con un mio ex. Mai, quando lascio è per sempre e non mi frega nemmeno di restarci in buoni rapporti. Quindi direi che se la pensa come me puoi metterti il cuore in pace, difficilmente tornerà.

  2. Ragazze vi capisco benissimo anche se io sono un uomo che dopo 6 anni di storia è stato lasciato in 30 minuti e lei, la persona che diceva di non poter nemmeno pensare ad una vita senza di me, una persona gelosa di tutti, dopo 3 giorni già pranzava con il suo compagno di università…a voi dopo anni, è passata? Siete sopravvissute? Il nuovo amore , vero, esiste?!

  3. Capisco benissimo cosa si prova…è passato un anno ma io lo amo ancora..lui è innamoratissimo di un altra vede un futuro solo con lei e dice che senza lei nulla avrebbe senso. Sono a terra…non riesco a dimenticare.non ho voglia di vedere altri ragazzi . sono a pezzi

  4. L’ultimo commento É di giugno.. C’é qualcuno che legge ancora ? Come state? Per me in questo momento sarebbe fantastico sapere come vi siete ripresi, come ce l’avete fatta.

  5. So che sono passati mesi dall’ultima conversazione, ma sono nella stessa situazione e vorrei davvero sapere se alla fine questo dolore si supera…
    Mi ha lasciata dopo 4 anni e dopo neanche un mese sta già con un’altra, che fa parte del suo ambiente, associazione e mai potrà essere solo un’avventura, come tutto dimostra.

  6. Ciao, io dopo otto anni, ho rifatto l’ amore con lui, fino a pochi mesi fa neanche ci saltavano adesso mi ritrovo con le farfalle nello stomaco.
    non voglio consolare nessuno ne so cosa capiterà domani ma volevo condividere questo momento meraviglioso con voi. quando tutto sembra perso o finito succede sempre qualcosa che ribalta tutto.
    Un grande in bocca Al lupo a tutte.

  7. Lui, unico amore della mia vita; Io, un’altra delle tante fidanzate da portare a casa.
    Ho 24 anni e lui 27. Siamo stati insieme 5 anni e mezzo, ma c’è di più. Siamo già stati insieme una volta, io avevo 16 anni e lui 19; la nostra prima storia è durata 1 anno, lui ai tempi mi lasciò per un’altra ragazza con cui ha fatto una storia di un anno e qualche mese circa. Poi siamo tornati insieme; in quell’anno io non ho toccato ragazzo, perché continuavo a sentirmi con lui… Con cui a quei tempi tradì l’altra con me diverse volte.
    Cioè un gran casino, che non fa di me una gran persona… ma sono da sempre stata convinta che fosse lui la mia persona, che fosse lui a migliorarmi. Da sempre agli antipodi: io quella razionale, più riservata, chiusa, taciturna, tutta cervello (per quello che m’è rimasto…); lui quello sensibile, dolce, romantico, dalle grandi gesta e i paroloni romantici. La nostra seconda storia è finita questo luglio e io ancora adesso sento di non riuscire a uscire dall’incubo. E’ stato lui a lasciarmi, di nuovo… incerto dei suoi sentimenti, dall’oggi al domani. Ora è insieme ad un’altra, di nuovo, e questa volta purtroppo ho avuto anche il dispiacere di conoscerla. Mi lascia il 6 luglio e sta con lei dal 9 luglio… è stato lui stesso a dirmelo, per “rispetto” mio, mi ha dato delle spiegazioni… avevamo grandi progetti, per questa estate e per il futuro prossimo… si parlava di convivenza, matrimonio. Tra l’altro lui è il fratello della mia migliore amica, che si è tirata subito fuori dalla cosa, della quale sento un enorme distacco a causa della situazione orrenda. Mi manca tutto. Una persona, che mi sono accorta di aver idealizzato, che ha tradito di nuovo la mia fiducia spudoratamente, senza scrupoli; un’amica, che si è allontanata; la sua famiglia, che era la mia seconda famiglia… ad oggi non credo più che lui sia la mia persona, anche se tante volte mi chiedo cosa avrei potuto fare per non farlo andare via da me in questo modo, perché ho seguito la testa e il mio cuore ad oggi fa fatica a ricomporsi. Lo scoraggiamento è forte, come la rabbia e la delusione. Ma la cosa che più mi preoccupa è che non mi vedo tornare. Sono da sempre stata molto determinata, pretendo molto da me stessa e do sempre il massimo; ma da luglio non ci sono più. Ho poca voglia, sono svogliata, ho perso la mia bussola; il mio confidente numero uno, il mio amante, tutto… la cosa mi ha fatto così male, che gliene ho dette tante, ci sono andata giù pesante… mai successo nella mia vita. Non avrei mai pensato di poterlo odiare così; ma ho visto tutto il mio mondo, che era il suo, andare in frantumi, sparito così dall’oggi al domani. E subito mi sono vista sostituire, di nuovo, come se in me alla fine non ci fosse proprio niente di speciale, anche se a sentirlo uno non l’avrebbe mai detto… ho già letto di grandi dichiarazioni d’amore che mi hanno fatta completamente a pezzi.
    Mi chiedo: è normale che io sono ancora così ridotta come uno straccio dopo 5 mesi? Cosa posso fare per ripartire? Mi sento ferma, col cuore a pezzi e trasformata dalla testa ai piedi, ad oggi in peggio purtroppo.

    • Si, è normale che tu sia cosi ridotta, anzi non è normale che non lo sia lui.
      Il tuo dolore è comprensibile e come puoi vedere siamo in molte ad averlo provato.
      Se ci fosse un pozione magica per poter dimenticare penso la berremmo tutte quante, sarebbe fantastico, ma purtroppo nella realtà dei fatti la pozione magica siamo noi con la nostra volontà.
      So perfettamente di dare consigli che io per prima non seguo, ma ti posso dire che dopo 5 mesi dalla rottura io stavo malissimo come te, e anche ora dopo un anno non sto una meraviglia. Si alternano momenti di felicità e spensieratezza e momenti in cui ti torna una nostalgia incredibile e pensi a cosa hai fatto per meritarti tanto dolore.
      Dicono che si soffre i primi mesi e poi tutto passa.
      Forse lo dice chi non ha mai sofferto per amore.
      Non voglio scoraggiarti con questo messaggio ma solo farti capire che non sei sola e che magari starai male per un altro po’ di tempo ma alla fine ci riderai su. Tutte quante ci rideremo su. Tutte quante andremo avanti e conosceremo sicuramente un’altra persona in grado di poterci dare quello che il nostro ex non ci ha mai dato.
      Adesso si è troppo tristi per poter pensare a un futuro migliore ma stai sicura che arriverà.
      Prendi in mano la tua vita, fai cose che non hai mai fatto prima, ma non pensare a lui o alla sua nuova storia.
      Con lei è felice? E che ti frega! Era felice anche con te, e non potrai mai sapere se lo era più con te che con lei.
      Molte cose non possiamo saperle.
      Impara a vivere senza di lui, e impara ad essere completa con te stessa senza il bisogno che ci sia lui a completarti.
      La vita va avanti e tutto scorre.
      Tra qualche mese mi darai ragione.
      Ti auguro il meglio. Buona fortuna.

  8. Disperata.
    So che è passato più di un mese dall’ultmo commento in questo articolo, ma ho bisogno di aiuto, e se qualcuno potesse darmelo gliene sarei infinitamente grata.
    Vi spiego la situazione in breve. Stavo con il mio ragazzo da un anno.. Non è molto in confronto a molte altre storia.. Ma, credetemi, é stato un anno intenso. Proprio a causa dalla durata relativamente “breve” della nostra storia, eravamo ancora innamorati come se fosse stato il primo giorno (o almeno.. Io lo sono ancora). Piccolo dettaglio.. Io sono di Milano e lui é di Palermo.. Ci ha sempre fatto male questa distanza.. Ma in un modo o nell’altra l’abbiamo sempre superata. Eravamo veramente felici. Ci siamo fatti tante promesse. Frequentiamo entrambi il quinto liceo..e i piani erano davvero promettenti: a settembre lui sarebbe venuto a frequentare l’università a Milano e saremmo stati finalmente insieme.
    Accade questo.
    I miei si decidono a regalarmi un biglietto per andare a Palermo 4 giorni. Felicissimi.. Dopo tanti mesi.. Davvero appagante.
    Una settimana prima della mia partenza iniziano i problemi. Lui mi parla troppo di una sua compagna di classe.. Arriva addirittura a dirmi che durante la lezione l’ha abbracciata per riscaldarla.. Io, persona esageratamente gelosa, non ci vedo più.. Scenata di gelosia. Lui si incazza, sparisce per un giorno dicendomi che devo farmi curare.
    Torna il giorno dopo, ci calmiamo, mi dice che mi ama, che vuole me.. Mi illude un’altra volta.
    Il giorno dopo sono di nuovo gelosa. Mi netto in testa che lui vuole lei.. Anche perche lei é li con lui.
    Inizio a sbagliare.
    Inizio a dirgli che lui vuole lei.. Inizio a dirgli di dichiararsi, di andarsela a prendere. Lui non nega niente. Io impazzisco. Insisto, gli ribadisco che lui vuole lei. Mi dice “si”. Io muoio. Mi manca l’aria, rimetto. Mi sento davvero distrutta. Ora lo imploro di dirmi che non è vero.. Di dirmi che vuole me. Non lo fa. “voglio lei” é l’unica cosa che dice. Io penso davvero di morire. Lo scongiuro di stare con me, di pensare a quanto lo ho reso felice e a quanto potremo essere felici fra 3 giorni quando io andrò da lui.
    Non ne vuole sapere.
    Mi dice “devo farlo.. Preferisco essere rifiutato ma devo farlo”.
    Io sono davvero disperata.
    Fra 3 giorni ho il volo per Palermo.. E non ne sono mai stata così triste. L’ho implorato comunque di vederci.. Ma lui non ne vuole sapere. Dice che mi vuole bene, che non vuole vedermi soffrire.
    Io sto male come un cane..
    Mi mannca l’aria, il respiro.. Non dormo di notte, non mangio.. É tutto così logorante…
    Non so cosa devo fare. So di dovermelo dimenticare.. Ma veramente non ho più forze.
    Aiutatemi…

    • Elisabetta in parte ti capisco.
      Mi sono lasciata da un anno con il mio ragazzo dopo una relazione di tre anni, e lui dopo soli tre mesi si è fidanzato con un’altra. Penso potrai immaginare benissimo il mio dolore. Lo amavo alla follia e ti confesso che anche adesso lo penso spesso, penso a quanto eravamo felici insieme, era per entrambi il primo amore, litigavamo spesso ma sapevamo di essere perfetti l’uno per l’altra. Mi diceva che ero la donna della sua vita e che non avrebbe avuto senso la sua esistenza senza di me.
      Mi ricordi la mia storia perché quando lui mi lasciò all’inizio disse per i troppi litigi, in seguito disse di non amarmi più.
      Lì tutte le mie certezze erano crollate.
      Gli dissi che era impossibile, che non potevo crederci.
      Continuai a cercarlo, e dopo pochi giorni mi disse di provare interesse per un’altra persona (di cui, come te, già sospettavo).
      Ed ecco che da lì cominciò il mio calvario.
      Non mangiavo, non dormivo, non studiavo.
      In più li vedevo sempre insieme. Non nelle foto, ma proprio dal vivo. Li vedevo felici. Lui sorrideva e io invece morivo ogni giorno.
      Non posso dirti che sarà una passeggiata. Avrai i tuoi momenti di crisi, di pianti, di isolamento da tutto e da tutti. Penserai a loro insieme e la cosa ti ucciderà.
      Solo il tempo guarirà queste ferite. So che può sembrare scontata come frase, ma non c’è niente di più vero.
      Ci sarà un momento in cui lui sarà semplicemente un ricordo. Un bellissimo ricordo ma farà parte del tuo passato.
      Non pensare di non essere nessuno per lui. Questo è un errore che spesso facciamo tutti. Spesso le storie finiscono per mancanza di coraggio o semplicemente perché si decide di prendere strade più semplici.
      Se tu pensi che la vostra storia sia stata importante, lo è sia per te che per lui.
      Purtroppo gli uomini (non tutti ovviamente) hanno il vantaggio di dimenticare prima di noi, di consolarsi in fretta e di riuscire a buttarsi tra le braccia di un’altra persona. Ma ti posso assicurare che il tempo dara’ risposte anche a lui.
      Tu adesso vai avanti, esci con le amiche, fai nuove amicizie, non stalkerarlo sui social perché fidati ti faresti solo del male.
      Ritorna ad essere felice. Dobbiamo essere in grado di essere la nostra felicità. Questa non dobbiamo affidarla a nessuno. Dobbiamo essere forti da soli. Trova la forza in te stessa e vedrai che cosi facendo la tua prossima relazione avrà sicuramente un lieto fine.
      Ti abbraccio e ti auguro buona fortuna.

  9. Incontro perfetto lui mio cliente inizia a corteggiarmi e io ci sto al corteggiamento inizia a piacermi…dopo mesi di frequentazione ci fidanziamo tutto bello fino a quando non scopro che sente la sua ex e che la chiama per sapere come sarà sta come se il rapporto non fosse mai finito(l’ho saputo al tel da lei quando l’ho costretto a chiamarla davanti a me) dopo tante settimane lo perdono ma non serve a nulla!lui mi ha fatto perdere la fiducia e per di più mi dice che dovrei essere sicura di me stessa dopo che è stato lui a farmela perdere morale:l’ho lasciato nonostante lo ami ancora perché nella nostra storia ormai c’era l’ombra di questa ragazza!!!sto male perché è un non andare avanti mi sento insicura e una ragazza che deve essere paragonata sempre a qualche altra donna io vorrei essere l’unica per il mio uomo!!!consigli??

  10. Il mio cuore è a pezzi.
    3 anni. Gli ho regalato 3 anni della mia vita… 2 dei quali lui ha avuto un’altra. Ma non potevo dire niente, perché noi non stavamo insieme, non eravamo niente. E poi lei c’era da prima di me…
    Lui, l’uomo che non deve chiedere mai. Quello sempre perfetto, freddo, duro, affascinante, il classico scapolo 40enne…
    Un anno fa, circa, mi dice di aver scelto me, che lei non la vede più… ma continua a sentirla. Da brava paranoica comincio a rendergli la vita impossibile, perché volevo che smettesse anche di sentirla ma lui non voleva. “Non puoi impormi di fare qualcosa che non voglio fare!” mi rispondeva.
    In questo anno mi ha portata al mare, in montagna, in moto, all’Ikea (lontano dalla mia città), in alcuni paesi qui vicino… ma mai una volta siamo andati in giro nella nostra città. Mai. Mai una cena, una passeggiata, una birra. E se mi incontrava la sera, con gli amici, mi dava un bacio sulla guancia.
    A me però andava bene tutto! Per me lui era un dio, a letto avevamo un’intesa incredibile, mai provata in 33 anni! A me andava bene tutto.
    Ma le mie paranoie hanno preso il sopravvento. Due settimane fa decido di chiudere, tutto, basta. L’ho pure insultato, e me ne pento profondamente. Lui non fa una piega. Niente. E sparisce.
    Provo a frequentare un ragazzo più giovane di me, un ragazzo che da mesi mi veniva dietro, un ragazzo profondamente innamorato di me… ma niente, non ci riesco. Riesco ad allontanare anche l’unica persona che teneva veramente a me, che avrebbe fatto di tutto per me.
    Ieri sera impazzisco. Alle 2:30 decido di andare verso il suo ufficio, il posto dove portava me, quello che per me era il nostro posto.
    Era lì. La luce accesa di fuori, la sua macchina parcheggiata. E io lo conosco bene: non era solo.
    Fosse stato per me avrei spaccato tutto. Fortunatamente non ero sola in macchina, c’era una mia amica, altrimenti mi avrebbero probabilmente arrestata.
    Ora sono qui, a piangere da ore. A pensare che io ancora sto in questo stato mentre lui invece ha già trovato la mia sostituta… o semplicemente è tornato da quella di prima.
    Non riesco a trovare un modo per uscirne, sono senza forze. Non vedo vie d’uscita.
    Non ha mai voluto me, ora lo so. Dovrò usare quello che ho visto ieri sera come incentivo per staccarmi definitivamente e capire, una volta per tutte, che non glien’è mai fregato niente di me, di noi.
    Ma per il momento vorrei solo sparire.