Home / AMORE FINITO / Non lo amo più

Non lo amo più

E’ da tempo che mi sento un peso dentro e non riesco più ad andare avanti. Viviamo insieme da 2 anni, dopo un anno di fidanzamento. Fino a qualche mese fa andava tutto bene poi qualcosa è cambiato. Mi riempiva di attenzioni e mi sono sempre sentita desiderata ma da un pò di tempo mi sento come se fossi di sua proprietà. Come se avesse raggiunto la sicurezza che io e lui staremo insieme per sempre ha cominciato a comportarsi diversamente. La sua gentilezza si è trasformata in esigenza, le sue forme carine di chiedermi le cose lasciamo perdere. Ormai pretende, non chiede. Mary fai questo, vai a pagare la bolletta, cucina questo. Il tutto senza un grazie!

Io so che non è cattivo però temo che adesso non stia più fingendo e quello che vedo è il vero lui. Ingannata per qualche anno mi ero illusa che lui fosse una persona gentile ed amorevole, adesso scopro l’opposto.

Lo amavo tantissimo ma sento che il mio amore giorno dopo giorno si spegne. Non mi piace nemmeno più come facciamo l’amore. Tutto è diverso ed io ho solo una gran voglia di fuggire…….anche se non so dove. Mi sono trasferita per stare con lui ed adesso dovrei tornare dai miei ed anche questa soluzione non mi piace affatto.

Sono in completa confusione esistenziale, non so più cosa fare ne tantomeno cosa voglio, l’unica cosa certa è che non lo amo più! Vi prego, datemi qualche dritta, ne ho bisogno.

da:  Mary

9 Commenti

  1. Situazione difficile ma non credo che tu abbia scelta, perchè se non lo ami più devi lasciarlo.
    Oppure viceversa puoi dirgli tutto quello che provi e se lui è disposto a parlarne seriamente…allora forse troverai una via d’uscita altrimenti credo ci sia ben poco da fre. Comunque non preoccuparti perchè li fuori c’è un mare pieno di bei bocconi!

  2. LASCIALO!!!!! NON PUOI STARE CON UOMO CHE NON AMI PIù. LO DEVI A TE STESSA E LO DEVI A LUI, PERCHè LO STAI INGANNANDO COSì. FAI LE VALIGIE E VATTENE
    DEVI AVERE GLI ATTRIBUTI PER ANDARTENE
    VATTENEEEEEEEEEEEE!

  3. penso che spesso non avete il coraggio di ammettere a voi stesse che le cose non stanno più come prima e se non amiamo più troviamo tutti i difetti di questo mondo all’uomo che vive con noi. Siete espete in questo. Lo tradisco perchè mi trascura, non lo amo più perchè è cambiato e quindi lo mollo, e via dicendo.
    Fai quello che devi fare ma non incolpare lui di questo, credo che se lui è diverso in parte possa dipendere da te.
    Ti auguro di trovare un uomo che si innamori di te e dal quale verrai lasciata un giorno perchè … sei cambiata!

    • Non condivido quello che dici…. L’Amore non è eterno, e per far si che questo viva dentro di noi, bisogna coltivarlo giorno per giorno….La maggior parte degli uomini all’inizio di un rapporto tendono a dimostrare il meglio di loro stessi, a volte anche fingendo. Una volta conquistata la donna dei loro desideri, credono che ormai sia di loro proprieta’ e smettono di essere cortesi.. gentili.. premurosi.. e in alcuni casi di fingere!!
      E allora la nostra gentile Mary avrebbe tutti i torti?? Forse uno si, se non Ami piu’ quell’uomo che senso ha continuare questa storia?? Ti fai del male tu, e involontariamente prendi in giro il tuo lui…. In bocca al lupo!!

      • Rispetto il tuo pensiero Tony ma non lo condivido. Sono stato lasciato all’improvviso dalla donna che amavo e prima di allora credevo andasse tutto bene. Quando abbiamo parlato delle ragioni della rottura mi ha rifilato una serie di colpe che non avevo. Perchè tu sei così, perchè non hai fatto questo, perchè mi hai trascurata, perchè se ci tenevi a me dovevi fare questo o quello. Mi diceva tutto questo mentre il mondo mi crollava addosso.
        Dopo un mese aveva un altro con il quale sta convivendo. Un suo collega di lavoro. Permettimi di dubitare di chi vuole lasciare un partner incolpandolo di tutto.

  4. Grazie Tony delle tue parole. Non lo amo più perchè lui è cambiato e non è quello di una volta. Ieri sera avevo preso il coraggio di dirglielo ma poi una telefonata a rotto il momento di forza che avevo preso. Lo farò alla prima occasione e scusami Greg, non lo lascerò per colpa mia, mi addolora farlo, ma non riconosco più in lui il ragazzo di cui mi ero innamorata. Come dice Tony molti di voi portano una maschera e continuano a fingere finchè non si sentono sicuri della propria donna. Io non ci sto!

  5. non lo ami più? lascialo!

  6. Arrivo tardi e sarei curioso di sapere come è andata a finire questa storia, se l’hai lasciato o meno anche se immagino di sì.

    Mi rendo conto però che alcuni qui fanno fin troppo presto a dire “non lo ami? lascialo!”, quando so perfettamente che spesso questa finta sicurezza serve solo per giustificare a se stessi certe scelte di pancia fatte nella vita, per farsi forza. Ma quante volte nella vita succede anche che si fanno scelte che in quel momento ci sembrano la cosa più giusta da fare, e poi col tempo ci si rende conto di aver fatto la cosa più sbagliata per noi stessi? Di rimpiangere quel che avevamo? Quante volte….
    Spero che non vi vergognate di ammettere questo, in quanto siete tutti esseri umani che nella vita avranno sbagliato qualche volta.
    Questo è il rischio della vita, ma in quanto tale bisogna anche esserne sempre consapevoli. E non dimenticare mai che non si può giocare con il cuore delle persone, che non è così facile lasciarsi per poi magari decidere di riprendersi in caso di “errore”. Non bisogna dimenticare che le persone sono uniche e non sono sostituibili. E che tutte le persone hanno un cuore e possono soffrire a causa nostra. Quando il giocatto si è rotto è difficile riaggiustarlo.

    Riconosco in questi meccanismi mentali rappresentati dal pensiero del “non lo ami? lascialo!” una perdita totale di valori che caratterizza i nostri giorni. Persone che si mettono insieme, stanno insieme per anni, e poi improvvisamente uno dei due cede al “non ti amo più!”, spesso per inseguire chimere. Non dico che accada sempre, ma spesso c’è una buona probabilità che sia così.
    Ma com’è possibile che una persona non ci manchi dopo anni che abbiamo condiviso con lei tantissime cose, passioni, situazioni, esperienze?
    Non so voi, ma io generalmente concedo TUTTA la mia persona fin nel profondo solo a persone molto intime, una delle quali corrisponde al partner.
    Com’è possibile quindi che oggi siamo diventatì così egoisti da decidere di rinunciare tanto facilmente ad una persona cara? Come possiamo essere così sicuri che non sia solo un momento passeggero? Un colpo di testa? Una nostra immaturità? E che questa scelta in futuro non diventi un rimpianto? Come mai oggi ci permettiamo di usare a nostro piacimento le presunte persone care?
    Se non siamo dei robot o degli emeriti st.ron.zi, le persone care che abbiamo lasciato non possono fare altro che mancarci, prima o poi.

    Quindi pensiamoci prima di fare una sciocchezza e lottiamo fino alla fine, coinvolgendo anche il partner, per maturare insieme. Dialogando con lui!
    L’assenza di un dialogo sincero e non condizionato da elementi esterni, spesso è la causa principare di questo comportamento un po’ vigliacco e opportunista che contraddistingue gran parte delle decisioni di lasciare il partner storico, al giorno d’oggi.
    E quando dopo 5, 8, 12, 24 mesi in cui eravamo sicuri di noi stessi e delle scelte fatte, ci rendiamo conto che l’ex-partner ci manca alla follia…generalmente è troppo tardi! Perchè a quel punto l’ex-partner dopo mesi di sofferenza per l’abbandono ha ormai finalmente trovato la sua serenità, un nuovo partner che lo ama, e ha imparato a comportarsi diversamente con l’altro sesso, più sgamato e anche più affascinante. E così tutte le sicurezze che contraddistinguevano chi aveva lasciato, crollano improvvisamente come un castello di carte…

    Impariamo a credere nei valori e a rispettare le persone che ci amano e si fidano di noi.

    PS: naturalmente il mio discorso è valido solo da una certa età in poi (dai 20 anni in su), dopo essere stati insieme come minimo qualche anno e in relazioni dove non ci siano state violenze o motivi di serie sofferenze (tradimenti, ecc).

  7. la penso come te Jack! Non so perché siamo arrivato a questa situazione ma torvo davvero incredibile che oggi basti così poco per finire una storia d’amore. Sembra che l’amore venga trattato come un prodotto con la data di scadenza sopra, e questa data può essere addirittura anticipata se l’amore non viene alimentato giorno dopo giorno.
    Anche l’amore ha ricette per durare a lungo, ciò che bisogna evitare ecc….
    Ma dove è la normalità? Dove è vivere un sentimento senza farsi tante paranoie? Dove sta scritto che debba finire un amore quando le cose non vanno tanto bene?
    E mi meravigliano sempre di più coppie giovani che si sposano per divorziare 2-3 anni dopo perché hanno problemi di coppia!
    Non so più che realtà stiamo vivendo, so solo che bisogna sempre di più fingere di essere ciò che non siamo e l’unicità è diventata un onere da pagare a caro prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *