Home / CONSIGLI / Trasforma la tua passione in lavoro

Trasforma la tua passione in lavoro

Come trasformare la passione in lavoro

Quella che stiamo vivendo, da un tempo che possiamo definire interminabile, è una grande crisi economica.

Disoccupazione sempre in aumento, basse retribuzioni, posti vacanti, hanno creato quell’infinita insoddisfazione generale che appare insormontabile. I tg inoltre, appesantiscono il carico, spegnendo qualsiasi tipo di speranza resista nelle nostre menti :  <<Nessuna notizia positiva sulla nostra economia, l’Istaat è sempre sotto la soglia, la povertà busserà alle nostre porte.>>.

Bisogna sapere che, quelle persone che guardano ogni giorno i telegiornali, vedono il mondo in maniera meno realistica rispetto invece a chi non lo fa. Questo perchè esercitano il loro cervello a pensare che la vita sia fatta di rapine, di guerre, negatività continua e che il peggio dell’umanità sia il minimo comune denominatore di noi esseri umani. Cerchiamo quindi di guardare meno notiziari possibili e di dare più importanza ai libri o al web, che sicuramente riportano la realtà che accade a 360°.

Come avevano predetto grandi studiosi, infatti,  la nostra è un’era sicuramente di crisi ma anche di grande cambiamento.

Una volta tutto era improntato sul trovare un impiego stabile, guadagnare e risparmiare in vista di un futuro migliore. Questo futuro però di fatto, corrispondeva al meritato periodo della pensione, nel quale, dopo una vita di sacrificio, ci si poteva godere un’esistenza tranquilla e serena.

Ora è presente un’altra filosofia di vita che pone le sue basi su un interrogativo ben preciso: “Vale davvero la pena fare una vita sacrificata di lavoro massacrante per poi beneficiarne in tarda età? Non è meglio godersela tutta questa esistenza, ogni singolo giorno?”  

Oggi l’obiettivo ed il principale motore non sono più i soldi, ma la felicità. Quello che ci sta più a cuore é il benessere interiore, lo star bene con sé stessi, trovare un lavoro appagante che ci dia soddisfazione e ci faccia sentire realizzati. Possiamo dire con certezza di aver fatto un salto di qualità in termini di benessere mentale e psicofisico.

La sensazione di cambiamento deriva da quell’insoddisfazione generale presente attualmente nel mondo del lavoro, la quale sta portando le persone ad agire, ad inseguire ciò per cui si sentono portati, a realizzare i loro sogni. La professione, mentre una volta raramente rispecchiava la predisposizione di una persona, oggi è diventata il mezzo principale attraverso il quale si può esprimere il proprio talento e la propria inclinazione.

Con il tempo, sono cambiate le persone sicuramente, ma anche la società. Quello che ci viene offerto attraverso questa fase di crisi ma anche di opportunità è l’occasione di esprimere le nostre attitudini naturali, la nostra unicità, facendo ciò che ci piace fare. Prova ad immaginare una mattina in cui ti puoi svegliare e assaporare quella sensazione di entusiasmo e voglia di metterti al lavoro, sei talmente pieno di energie con tante nuove idee in testa che non credi possa bastarti un solo giorno per riuscire a fare tutto. Ti sembra impossibile vero? Una volta sì lo era, ora non più.

Ma arriviamo al concreto. Come può una persona arrivare a trasformare la sua passione in lavoro? Servono diverse componenti fondamentali, ecco quali :

  • Prima componente: L’importanza di avere obiettivo ben chiaro. Imparare a conoscersi, a prendere consapevolezza del proprio talento e sapere cosa si vuol fare è un elemento fondamentale per dare una svolta alla propria vita. Senza un traguardo da raggiungere è impossibile definire la strada da percorrere. E’ importante che tu fissa nella tua mente ciò che vuoi ottenere per non far restare i tuoi propositi solamente idee vaghe e fluttuanti. Procurati un’agenda, inizia a scrivere uno per uno i tuoi obbiettivi, definisci per iscritto il tuo piano. Una volta che avrai definito le tue aspirazioni, potrai notare automaticamente una pressione positiva che si verrà a creare intorno a te. Significa che l’universo si sta muovendo per aiutarti nella tua missione, noterai delle coincidenze, eventi positivi che ti stanno indirizzando piano piano verso i tuoi obiettivi.

 

  • Seconda componente:Avere tanta motivazione. Questo motore psichico è la base per raggiungere tutti i grandi successi. Non solo permette di realizzare i propri progetti a piccoli passi ma anche di mantenere quell’entusiasmo necessario per superare i momenti difficili, che sicuramente arriveranno. Quando sei realmente motivato, il tuo obbiettivo resta bene chiaro nella tua mente e nessuna persona o evento avrà il potere di condurti fuori strada. Nella vita non conta quanto impressionanti siano le tue capacità o i tuoi talenti, perché senza motivazione non andrai da nessuna parte. E’ un ingrediente necessario per poter scalare la tua montagna ed arrivare fino in cima, altrimenti dovrai accontentarti della mediocrità.

 

  • Terza componenteUna solida pazienza ed un incrollabile perseveranza. Sembrano parolone che necessitano di tanta energia ma la seconda componente (motivazione) ti aiuterà a coltivarle. Non perdere la speranza durante i momenti difficili e quando le cose non stanno andando come avevi previsto perché questo, sarà determinante nella realizzazione dei tuoi sogni. Prova e riprova ancora, considera ogni ostacolo come una semplice deviazione della meta e come una sfida alle tue capacità. Pensa che ogni cosa negativa che ti accadrà, in realtà ti sta conducendo sempre più vicino al tuo obbiettivo. Ogni sfortuna di oggi reca in sé il seme della buona sorte di domani. Devi avere la notte per apprezzare il giorno. Devi fallire spesso per avere successo una volta soltanto. E come riuscire in tutto questo? Pazientando e perseverando 😉

Ok, starai pensando, sono super motivato e pronto a superare tutte le difficoltà che dovrò affrontare. Ma quali mezzi posso utilizzare per farlo? Ho tanti sogni ma nessun appoggio economico che mi possa aiutare a realizzarli. E’ proprio qui che arriviamo ad una delle grandi opportunità che abbiamo oggi : internet. Attraverso questo spazio virtuale il mondo può comunicare e chiunque può esprimere la propria opinione senza vincoli, parlando delle proprie passioni. Oramai non ha più senso avere un negozio o usare il passaparola per crearsi la propria clientela, perché abbiamo a disposizione una rete virtuale che raggiunge una quantità di persone inimmaginabile, la visibilità si è quadruplicata.

Questo dà a tutti la possibilità di mostrare le proprie conoscenze, di fornire una consulenza o un aiuto a chi non ha le stesse competenze in materia ed ovviamente farsi pagare per questo. In parole povere, al mondo d’oggi, una persona può far diventare la propria passione un vero e proprio lavoro! Ad esempio, anni fa se qualcuno voleva fare consulenza di web marketing, come minimo doveva avere una laurea in economia ed una specializzazione in marketing.

Quanti blog ci sono attualmente che forniscono un servizio di web marketing o tecniche di vendita? Tantissimi, e molti hanno milioni di followers. Se si legge la storia di questi blogger, quasi nessuno è laureato in economia però hanno un sacco di esperienza, hanno letto moltissimi manuali e si tengono sempre informati. Così, arrivano a mettere in vendita il loro prodotto, creano curiosità, infondono fiducia, e le persone decidono di acquistarlo. (Ci vogliono un paio di anni per monetizzare tramite un blog, non è una cosa così semplice). Però quanti sono pochi anni in confronto ad un intera vita passata a fare un lavoro che non piace?

Anche in ambito psicologico vale lo stesso discorso. Tantissimi neo laureati in psicologia, dopo aver affrontato un lungo e dispendioso percorso di studi, arrivano a chiedersi << Ed ora? Cosa devo fare? Come si aiuta un paziente? >> . Questo perché la maggior parte delle università italiane sono unicamente improntante sulla formazione teorica, tralasciando o dando poca importanza a quella che è la cosa più importante : la formazione sul campo.

Micheal O’Leary , CEO di Raynair, si laurea in economia facendo il barista per mantenersi gli studi, poi dopo un incontro fortunato, prende in gestione Rayaniar nel 1984, trasformandola in una compagnia di voli low cost : «Ho iniziato da piccole attività: aprivo alle 7 di mattina e chiudevo alle 11 di sera. È così che ho imparato come si gestisce un’impresa. Non sui libri».

Se non conoscete invece Renzo Rossi, CEO di Diesel, dovreste leggere la sua storia.  Figlio di agricoltori, vede già la sua vita su un trattore, a lavorare per l’impresa del padre. Poi però accade che verso i 15 anni scopre la sua vera passione : la moda. Decide di creare la sua prima linea di jeans utilizzando la macchina da cucire della madre. A poco a poco con grinta e determinazione raggiunge il successo, inseguendo solamente quella che era la sua inclinazione :«Essere alla moda e trendy, significa investire continuamente in cose e persone nuove, abbracciare i rischi. Senza tenere conto della situazione economica e delle crisi».

Per riassumere, mai come oggi possiamo usufruire di un mondo colmo di possibilità. Le crisi portano mutamenti, cambiamenti che possono rendere la vita migliore se solo li accettiamo e ci adattiamo alle nuove situazioni. Realizzare i propri sogni ora è possibile, armati di tanta motivazione e sii paziente perché i tuoi sforzi porteranno i risultati sperati.

Spero che questi consigli ti siano serviti e se hai dubbi o domande che vorresti farmi scrivimi a pensidisapere@gmail.com

Se inoltre hai piacere di leggere altri miei articoli motivazionali, visita il mio blog:  http://pensidisapere.it/

 

“Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. 
La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perchè la crisi porta progressi. 
La creatività nasce dall’angoscia, come il giorno nasce dalla notte oscura. 
E’ nella crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie.

Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. 
Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e da più valore ai problemi che alle soluzioni.

La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. 

L’inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie d’uscita. 
Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. 
Senza crisi non c’è merito. 
E’ nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perchè senza crisi tutti i venti sono lievi brezze.

Parlare di crisi significa incrementarla e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. 
Invece, lavoriamo duro. 
Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla.”

 

(Albert Einstein)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.