Home / TRADIMENTO / Tradito da fidanzati e forse anche da sposati

Tradito da fidanzati e forse anche da sposati

Salve, mi chiamo Daniele sono cinquantenne è vivo in un piccolo centro della sicilia. La mia storia inizia molti anni fa, con il primo tradimento dopo appena 10 giorni che ci eravamo messi assieme, fu anche dimostrato con prove, ma lei continuò ad ignorare le mie ragioni con scuse che non avevano ne testa e ne piedi. Comunque visto che ancora non ero innamorato decisi di spassarmela anch’io come gli altri. Morale della favola con il passare del tempo mi innamorai follemente di lei e anche se lei ricambiava con tanto affetto e amore (apparentemente) ha continuato a tradirmi. Dopo tre anni che finalmente mi ero deciso a lasciarla pur sapendo che avrei molto sofferto, arrivò la notizia da parte sua che era rimasta incinta. Mi giurò che io ero il padre che lei era stata onesta e mi disse anche che potevamo fare il test del dna.

Mi feci di nuovo convincere e per amore della VITA e per non lasciarla in mezzo alla merda si decise di sposarci in bravissimo tempo. Infatti programmammo tutto in tre mesi. Altra doccia fredda 10 giorni prima del matrimonio. Mentre ci trovavamo nella sua stanza a casa sua a parlare lo sguardo mi si diresse sotto il suo lettino notando un pacchetto ben avvolto con dello spago, chiesi di cosa si trattava ma lei cambio colore in faccia e anche la usa voce si fece tremante. Presi allora il pacchetto lo aprii, è sorpresa vado a trovare tutte le lettere di un suo ex finito per parecchio tempo in galera, con tanto di foto di lui e tante paroline di promesse d’amore a vita. Chiesi spiegazioni su tutto ma lei come al solito cercò di sorvolare facendo leva sempre sulla mia buona fede. Io andai via deciso a non andare più sull’altare ma convinto dai parenti che io non dissi i veri motivi ci sposammo.

Dopo il matrimonio lei messa alle strette e tramite amici che mi avvicinarono raccondandomi inediti, scoprii di altri tradimenti da fidanzati che lei aveva fatto addirittura con amici miei, e a detta di qualcuno anche orge. Io da allora (ora sono 27 anni) non vivo più, mi sono avvicinato all’alcol, con diverse disintossicazioni e diverse ricadute, nel frattempo mi sono incattivito pure io tradendo anche lei, ma non riesco a starle lontano perchè rovinerei una famiglia con tre figli. Non solo ho anche il sospetto che da sposati sono stato pure tradito, perchè tante cose mi portano a pensare questo( ex che girondolavano per giorni sotto il balcone e tante altre cose che non sto a raccontare). Ora non riesco più a guardarla perchè mi fa schifo, non faccio altro che pensare alla dignità che mi ha tolto e all’ onore anche dei miei figli. Cosa fare ?

da: Daniele

3 Commenti

  1. La tua storia fa davvero molto male, dirti che mi spiace molto è poco però santo cielo, anche te, sapendo tutti i precedenti prima del matrimonio, puoi decidere di avere altri due figli? Detto questo, che in fondo non è affare mio mi concentro sul tuo post. Ti sei rovinato una vita, l’alcol non aiuta di certo e nemmeno l’idea della famiglia felice quando non lo è aiuta. DEVI prendere in mano la tua vita, se pensi sia giusto, chiudere con tua moglie, perchè può benissimo non amarti, ma questo non deve permetterti di rovinarti la vita, perchè E’ TUA e devi esserne padrone. I figli capiranno e fidati, forse soffrono di più nel percepire le tensioni tra te e tua moglie piuttosto che sapervi in due case distinte. E’ difficile, chiaro che io faccio in fretta a parlare, ma te lo chiedo come un favore personale: non rovinarti la vita, non essere tu a rovinartela, butta via la bottiglia, tira fuori gli attributi e comincia a VIVERE. Solo alla morte non c’è rimedio, tutto il resto può aggiustarsi semplicemente dando una svolta alla tua vita ed iniziando a percorrere una strada diversa, magari all’inizio molto in salita, ma ti assicuro che poi, lungo la strada troverai il piano e la discesa. Un abbraccio ed un grande e sentito IN BOCCA AL LUPO

  2. Ho recentemente scoperto l’esistenza di “The Red Pill” e di “MGTOW” (men going their own way) che potrei definire come “movimenti per i diritti del maschio” ma sotto l’effetto di polvere d’angelo . Sono dell’idea che quanto professato dai suddetti sia esacerbato dalle pessime esperienze personali di coloro che ne fanno parte e tendo a considerare fuffa l’ottanta per cento di quanto riportato sui loro forum eppure, tutte le volte che leggo storie come quella di Daniele, non posso fare a meno di provare profonda empatia verso chi si avvicina a questi “movimenti”. Mi spiace Daniè, se riesci molla tutto e rifatti una vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.