Home / SMETTERE DI SOFFRIRE / Quanto può far schifo l’essere umano!

Quanto può far schifo l’essere umano!

Buongiorno a tutti, seguo abbastanza assiduamente il forum ed oggi ho deciso di raccontare la mia storia. Ho 29 anni ed un meraviglioso bimbo di 6 mesi. Tutto inizia 6 anni fa quando conosco lui. Io 23 lui 33. Un ragazzo problematico, ma che mi fa perdere la testa. I miei sempre contrari a questo rapporto dopo un po’ lo accettano, lo assumono nella nostra azienda di famiglia, avendo dimostrato doti comunicative gli affidano la parte commerciale. Ci sposiamo dopo 4 anni, dopo un anno sono incinta e per me è il periodo più bello della mia vita. Vedo però in lui dei cambiamenti, freddo, distaccato, assente, lui dice che è il lavoro, che le cose non vanno benissimo.

Qualche giorno prima del parto trovo degli SMS di una ragazza che lavora per noi (azienda) lui accampa delle scuse. Il giorno del parto in teoria lui è fuori regione per ragioni lavorative, ma insieme a lui c’era anche lei, che da qualche giorno era in ferie ufficialmente per motivi familiari.
Ricevo la foto di loro due insieme praticamente mezz’ora prima di entrare in sala parto. La cattiveria è stata opera di lei.  Entro in sala parto disperata, ma avevo la responsabilità del mio bambino. Per fortuna il mio bimbo è nato senza problemi, mi hanno dimessa dopo due giorni e sono andata a casa dei miei, lui si è precipitato a casa ma non l’ho più voluto vedere, e non ha visto nemmeno suo figlio. Gli ho dato il mio cognome. Finché non ci sarà una sentenza (se mai ci sarà) lui non ci avvicinerà a casa mia.
Entrambi sono stati licenziati, ed ora lui si ritrova senza nulla, senza casa, senza soldi e completamente da solo. Mi dicono sia disperato. Ma non riesco a provare nessuna pena per questa bestia. Ho scoperto che i miei suoceri erano a conoscenza della cosa e coprivano il figlio.

da: Lorena

12 Commenti

  1. Ciao Lorena,
    davvero difficile e doloroso quanto hai vissuto. Fortunatamente c’è un figlio, la tua nuova luce. Non farti offuscare da tutto quello che è successo, non provi pena per lui ed il mio consiglio è quello di non odiarlo.
    Ha fatto la sua scelta e ne sta pagando le conseguenze.
    Chiudi il capitolo e goditi tuo figlio!

  2. Mi dispiace molto per quello che stai passando. Sicuramente lui ha sbagliato ed è una m…, lei di una cattiveria disumana.
    Ad ogni modo, almeno secondo me, adesso stai sbagliando anche tu…principalmente nei confronti di tuo figlio…sottraendolo della sua figura paterna.
    Buono o cattivo è comunque suo padre e il tuo bambino è anche suo figlio!
    Mi dispiace dirtelo…ma non hai nessun diritto, neanche legale, se lui richiede di fare il test del DNA per riconoscerlo, di levare la possibilità ad un padre di vedere suo figlio e ad un figlio di vedere suo padre.
    Sicuramente come marito fa schifo, ma non è detto che sarà al 100℅ un cattivo papà.

    • Pazienza sbaglierò, in fondo non sarò meglio di lui ma non me ne frega nulla. E comunque non è che lui si stia ammazzando per vedere suo figlio.
      Vorrei vedere te tradita poco dopo il matrimonio. In sala parto avrei fatto nascere suo figlio, non ero mica dal chirurgo plastico…ma lui ha preferito stare con l’amante. È vero che era questione di lavoro ma lui ha insistito perché voleva occuparsi lui della questione, mio padre sarebbe andato lui.

  3. ciao Lorena, non puoi capire quanto mi sia immedesimato nella tua storia. Anche io presi il mio primo amore (avevo poco piu di 18 anni) a lavorare nella nostra azienda di famiglia. Fino a che dopo 3 anni lei non ebbe l’idea di tradirmi con un mio operaio. Oltre il danno, la beffa.
    Hai tutto il mio appoggio, hai fatto piu che bene a liberarti di loro. Io all’epoca ero forse troppo giovane e non ebbi il coraggio di licenziare lui. Se ne andò da solo poco dopo, lei pure.
    Posso solo dirti di pensare al bene di tuo figlio, conta solo quello ora

  4. Mio padre lo ha fatto, ma se non lo avesse fatto lui lo avrei preteso io. Alla fine la sua natura di uomo di merda è venuta fuori. Mi ha “minacciato” di chiedermi il mantenimento

    • Lorena ti sono vicinissima. Credo che in un frangente simile io avrei avuto la stessa reazione e finiamola con i diritti di un padre sanciti certo dalla legge che tutto bada fuorché i sentimenti di una donna e la sua tutela di moglie.
      Se ci avesse tenuto a quel figlio sarebbe stato accanto a sua madre non a “sollazzarsi” quell’ignobile donna che un giorno riceverà il male che ti ha fatto con gli interessi.
      Lui sta già pagando anche accanto alla donna degna di lui.
      Coraggio. Ti sono vicina. Sei stata una donna con gli attributi che mancano a lui ma tieni in conto che prima o poi lui ti farà un accanita battaglia legale appellandosi all’unico appiglio: il figlio.
      Perciò conserva quella foto e quel messaggio di lei è affila le unghie ancor più per il futuro.
      Sono certa comunque che sarà tuo figlio che da grande non vorrà più vederlo. Serberai la storia della verità per lui quando sarà grande non per metterlo contro al padre ma perché i figli hanno diritto di sapere la verità prima di fare la loro scelta.

    • Dimenticavo scusa ma il tuo bambino quanto tempo ha ora?
      Anche i suoceri devono vergognarsi ma sai dal frutto capisci l’albero!

      • Complimenti….bei messaggi. Il padre ha diritto di vedere e vivere un figlio tanto quanto la madre..punto. Cosi come il figlio ha dei diritti, ha il diritto di frequentare entrambi i genitori..punto. chi usa i figli, uomo o donna che sia, per le proprie vendette personali è un poveraccio, che non tiene minimamente conto del figlio come persona con dei diritti e che mette davanti al figlio la propria sofferenza, egoisticamente.
        Per non parlare della cosa che hai scritto successivamente…e cioè che un giorno potrà dire al figlio di quello che ha fatto il padre e che sarà il figlio a non volerlo vedere più. Ma dico stiamo scherzando? Queste sono cose che NON riguardano i figli, riguardano la coppia. E basta. E mi spiace dirlo, ma questi giochetti di cattiveria in cui i figli vengono MANIPOLATI, li fanno soprattutto le donne. Non tutte fortunatamente. Pretendere la parità dei sessi su tante cose significa anche dare la parità su tante altre. Questi sono miei personali pareri naturalmente, e non mi riferisco a Lorena, anche perché la sua è una situazione fresca, il mio è un parere generale e riferito soprattutto agli sviluppi futuri, di come poi vengono spesso gestite queste situazioni da alcune donne.

  5. ben fatto , avrei aggiunto un calcio nei coglioni così forte da dargli un nuovo set di tonsille ed impedirgli di impregnare qualche altra poveretta

    • Bravo Rado. Io aggiungo che i figli sono di chi li partorisce con dolore e li cresce con amore di chi fa salti mortali per esserci SEMPRE fin dal primo giorno di quel parto NON cavalcate grilline con una DEGNA di lui.
      Questa donna gli aveva dato TUTTO.. Una casa. il calore di una famiglia. un lavoro che lui non ha avuto nemmeno le palle di cercarsi.
      Ma DI CHE COSA vogliamo parlare.
      Dei diritti di un padre che mentre la madre partorita sto figlio stava facendo i porci comodi suoi?
      Oggi,. Figuriamoci un domani.
      Un padre che ha ringraziato così la propria madre???
      Mi dispiace. I figli hanno diritto ad avere un padre RESPONSABILE e lui ha dimostrato tutto il contrario finora!
      La legge fino a 3 anni è dalla parte della madre che con la tutela legale del minore ha diritto di averne l’affido esclusivo.
      Poi si vedrà ma certo lui non la spunterà perché se un diritto hanno i figli è quello di sapere la VERITÀ su chi è e cosa ha fatto il padre.
      Se qualcuno chiama vendetta la verità e ricatto proteggere un bambino da un fannullone e grande irresponsabile della vita NON ha capito un tubo e deve augurarsi solo di non trovarsi mai nella stessa posizione prima di parlare e giudicare situazioni e dolori che non si conoscono.
      Il padre se DAVVERO vorrà i suoi diritti dovrà strisciare ai piedi di madre e figlio e lavorare col sudore della sua fronte e passare a quel figlio gli alimenti.
      Poi e solo POI se ne parla.
      Fermorestando che sarà il figlio un giorno a scegliere se riconoscergli quel diritto di padre in un abbraccio o nella stima verso un padre che ha sbagliato ma si è pentito veramente e si è fatto in quattro per lui…
      Nessun diritto è a prescindere nemmeno per la legge.
      Deve lavorare e dimostrare di percorrere la retta via e passare gli alimenti. Con queste premesse ne hai di tempo Lorena per goderti questo figlio di cui FINORA lui non ne è degno.
      Solo il tempo sarà padrone poi della verità è di quel che poi si rivelerà.
      Per ora hai fatto più che bene tu e i tuoi genitori.
      Sei una grande donna e la vita ti compenserà.
      Se non con il rinsavimento e ravvedimento di quest’omignolo… vedrai che troverai l’uomo Degno di te e di questo angioletto.
      Auguri per entrambi. Un forte abbraccio solidale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.