Home / SOFFRIRE PER AMORE / Paura di amare troppo?

Paura di amare troppo?

Qualcuno forse si ricorda la mia storia, raccontata in due parti. Farò un piccolo riassunto, poi vi spiegherò quali sono le due cose che mi fanno talvolta soffrire.

Io 33 lei 17, io Italia lei Brasile. Io con una separazione alle spalle (cause mio comportamento un po’ infedele), tante donne, una vita piena di esperienze, lei con un paio di baci ad un paio di ragazzi, cresciuta nel suo paesino a due ore da Rio, famiglia tradizionalista e alle prese col suo primo amore (io).

La nostra storia nasce su instagram, condividiamo per mesi tutto, diventando migliori amici, lei si innamora di me, e io solo dopo del tempo, mi innamoro e la contraccambio.
Ci incontriamo diverse volte (sempre io in Brasile), durante le quali prima ci dovevamo vedere in segreto con l’aiuto della mamma, perchè il padre non ne voleva sapere di un fidanzato gringo (straniero), e sempre con la presenza sua, o del fratello o della sorella.

Finalmente conosco il padre, e i primi momenti non sono facili: non crede ad un amore nato su internet, non credeva che la figlia fosse pronta, aveva paura della differenza di età (e la madre gli ha dovuto mentire sulla mia età, per fortuna ho il viso da angioletto biondo con gli occhi chiari, quindi  non è stato difficile togliermi 10 anni).
Mi fa molte domande: prima di tutto mi chiede come è possibile innamorarsi senza vedersi (non sapeva dei precedenti appuntamenti in segreto, o meglio di uno solo ne era al corrente), che lavoro faccio, come mai un bel ragazzo come me che può essere pieno di donne ha bisogno di sua figlia, come mai ho tutti questi tatuaggi, ecc…
Le mie risposte sono sempre cordiali e pacate, e sottolineo l’autenticità dei sentimenti verso sua figlia, specificando che mettendomi nei panni di un padre, tutto ciò che mi ha chiesto è più che lecito, e che io stesso sono meravigliato di quanto accaduto.

Gli piaccio a pelle, e mi invita ad una festa nella base militare, dove lavora suo fratello come ufficiale. La figlia, cioè la cugina della mia ragazza, riceve la proposta di matrimonio dal proprio fidanzato.
La famiglia mi prende tutta in simpatia, nei giorni che seguono il padre mi invita persino a casa sua, a casa dei nonni, mi presenta al lavoro dicendo “mio genero”. Il padre mi adora, la mia ragazza e gli altri familiari sono sorpresi nel vedere non solo questo suo affezionamento nei miei confronti, ma anche il cambiamento emotivo del padre, felice nel vedere che la figlia (che lui ha sempre reputato un disastro) si è fidanzata prima della sorella maggiore (che è sempre stata la preferita del padre, cosa che ha sempre fatto soffrire e abbassando l’autostima della mia ragazza).

Si fida a tal punto di lasciarla sola con me, dandomi orari che ho sempre rispettato. Durante questi giorni, lei ha la sua prima volta insieme a me, e il nostro amore cresce a dismisura. Nonostante la sua giovane età, l’intensità delle cose che mi dice è maggiore di qualsiasi donna io abbia mai conosciuto, anche piccole cose, come camminare in spiaggia e sentirmi dire “hai un’ombra bellissima”, mi fa emozionare. Mi arriva direttamente al cuore.
Il nostro sogno è sposarci e avere dei figli, lei ha sempre preservato la sua verginità per l’uomo che avrebbe voluto amare, non avrebbe mai pensato nè che sarebbe stato italiano, nè che sarebbe stato così presto.
Più si avvicina la partenza e più aumentano le sue lacrime.

Finchè ieri torno a casa, e seppur non piango, sto malissimo. A causa di lavoro e impegni, non potrò vederla per circa due mesi e mezzo. Siamo entrambi innamorati, ma lei che è più sensibile è distrutta, fa fatica a mangiare, a dormire. Ha passato tutta la notte a pregare che in aereo andasse tutto bene.
La amo alla follia, e questo mi spaventa.
Sono sincero, ho sempre pensato che le donne si debbano far correre, alternando bastone e carota, e sono sfuggente di indole. Non voglio tirarmela, ma con questo mio atteggiamento si sono sempre prese tutte grandi cotte per me. Poi alla lunga questo mio atteggiamento stanca, e si allontanano, come la mia ex moglie.

Con lei, la mia attuale ragazza, all’inizio ero un po’ così, ma è durato poco, la sua dolcezza, la sua sincerità (è l’unica ragazza che ha il coraggio di dirmi che guarda ogni minuto il telefono sperando in un mio messaggio o in una mia chiamata) i suoi messaggi di amore estremo e folle, mi hanno fatto diventare diverso: la amo senza remore, le parlo e le scrivo come se non ci fosse un domani. Contraccambio completamente il suo amore (l’unica differenza è che non mi “annullo” come fa lei, che ogni tanto mi scrive “non sono niente senza di te”, anzi le rispondo di imparare che lei è importante anche senza di me, ma che chiaramente insieme siamo più forti).
Ma ho paura di questo, ogni tanto mi chiedo se sia giusto far vedere così tanto che si ama. Se una donna può prima o poi può darmi per scontato se faccio così.
Anche se una voce dentro di me dice di non temere, che una donna come lei (perchè anche se ha 17 anni, è già una donna moralmente) può solo che apprezzarlo.
Se a volte mi trattengo dal dirle le cose, se ne accorge subito, e mi esprime il bisogno di essere amata, di sentirselo dire ogni volta. E lei stessa me lo ripete continuamente.

L’altra paura, è quella della distanza: ho avuto flirt a distanza, ma mai storie d’amore, e questa è LA storia d’amore.
Ho paura che questa sofferenza possa frenarla, anche se è una paura remota, il non essere lì mi distrugge.

Abbiamo un canale youtube insieme dove mettiamo i video dei nostri momenti insieme, ma non so se posso postarlo non vorrei fare spam! 😀

da: Aldo

8 Commenti

  1. E’ molto bello ciò che scrivi, sono felice per te, ma ho sempre creduto e lo credo tutt’ora che sia molto vero il detto “moglie e buoi dei paesi tuoi”. Non discuto il vostro sentimento, ma avete una differenza di età molto marcata se non altro dal fatto che lei ha 17 anni. Hai mai pensato che prima o poi dovrete fare delle scelte radicali? Sei sicuro che lei sarebbe disposta a venire qui da te o tu eventualmente lasciare tutto per andare da Lei? Io sono molto categorico, è vero, ma ho provato l’amore a distanza tra Lombardia e Marche e già questo è stato difficoltoso. Ognuno con la propria vita, certo ci siamo amati, ma nessuno dei due, ha avuto il coraggio di spostarsi, perchè ora siete freschi, ma non potrete vivere una vita a distanza. Ragiona anche su questo per evitare che vi illudiate e poi dobbiate soffrire. Chiaramente mi auguro di sbagliarmi e ti faccio il mio più grande in bocca al lupo

    • Ciao Alberto, grazie per la risposta, questi due non sono problemi: lei ha da sempre desiderato un uomo più grande (non sopporta i coetanei, è troppo matura per loro), un europeo (non sopporta la mentalità brasiliana) e da sempre sogna di vivere in Italia.

      Al momento i miei problemi sono altri, o magari sono solo paranoie che mi insinua la distanza..

      • Storia bellissima ma quando si concretizzerà e lei verrà in Italia il sogno dopo qualche anno potrebbe sgretolarsi perché la differenza di età é abnorme… il che sarebbe poca cosa se lei fosse almeno maggiorenne da un pezzo e avesse almeno quei 23/24 anni vissuti all’europea maniera. In questo caso tempo qualche anno le divergenze di età costumi abitudini e soprattutto ASPETTATIVE temo prendano il sopravvento per sfociate in una rottura! Pondera bene e pensaci più di mille volte visto che hai alle spalle già un matrimonio fallito anche se sono la prima a tifare per voi perché l’amore quello VERO non conosce distanze ed età. Così dovrebbe essere e così é ma per pochi esseri umani vedasi Sofia Loren, Rita Pavone e pochi altri..
        tanti altri compreso Gigi D’Alessio sono IMPLOSI…

      • Grazie Melody per il tifo! 🙂
        In realtà questa cosa non mi spaventa, non abbiamo differenze culturali per fortuna. La visione della vita è la stessa.. e fidati che posso dirlo con certezza, perchè abbiamo un trascorso da amici (seppur lei era già innamorata) in cui si parlava ampiamente di tutto. Motivo in più per cui lei non si trova bene in Brasile, si sente come un pesce for d’acqua.
        Sull’età discorso analogo, è molto matura, e 16 anni sono una differenza non così alta (mio nonno e mia nonna per esempio ne avevano 25 di differenza).

        Nessuno ha ancora risposto al mio maggior dilemma però 😀

  2. Intendi dire che bisogna usare tattiche in amore, bastone e carota e non far vedere quanto si ama veramente? Bè l’amore non ha tattiche, non ha che io me la tiro così tu mi vieni dietro. Evidentemente l’amore che provavi per tua moglie non era vero amore, e le tue tante storie erano solo storie.
    Se si ama veramente non ci sono schemi da seguire se non l’istinto e il dire che si ama quando lo si prova. Amare vuol dire essere sinceri, aprirsi e non mettere paletti, e rischiare, rischiare di brutto di essere feriti. Insomma non si usano maschere, non si usa il paracadute, non si usa il salvagente e non si usa il giubbotto a prova di proiettile.
    Si accetta quindi di essere completamente disarmato e inerme di fronte a un altro essere umano.
    D’altronde non è quello che sta facendo lei con te? Si è messa completamente nelle tue mani, e forse quel che ti attira molto di questa ragazza e l’assenza di ipocrisia, tattica che magari hai visto nelle donne che hai conosciuto prima.
    Quindi il mio consiglio è di essere quel che sei, se provi amore dimostralo o diglielo, perché è raro provarlo e se sei fortunato, non lo mandare via, e soprattutto non ti crucciare per questo motivo.
    Quel che invece magari mi preoccuperebbe molto è qualcosa cui tu non hai pensato: cioè quando lei finirà la scuola forse la porterai in Italia e lei dovrà subire un grosso distacco dalla sua famiglia di origine. Soffrirà per questo e ci vorrà tutto il tuo amore per farle pesare meno questa lontananza. E ti do un ultimo consiglio. Quando vivrete insieme, per favore, non mettetevi subito a far figli. Lei è giovane e può aspettare ancora molto tempo.
    Lo dico perché una unione, prima di metterci dei bambini innocenti di mezzo, va collaudata e per un bel po’. E già è difficile andare d’accordo da persone cresciute nella stessa nazione e coetanee, mentre voi invece avete una bella differenza di età e poi lei è di un altro paese.
    Inoltre benché tu dica di non notarlo lei sta crescendo ancora. E’ una adolescente se non te ne sei accorto, e un domani potrebbe cambiare idea su molte cose in cui voi siete adesso molto d’accordo. E questo lo devi mettere in conto. Ti faccio i miei più grandi auguri. L’amore è una cosa rara oggigiorno e se uno ha la fortuna di trovarlo bè… coltivalo e tienitelo stretto.

    • Giustissimo ciò che dici Dany!
      Ma non fraintendermi.. io non uso tattiche (le usavo solo con le ragazzette sceme per portarle a letto, perdona l’onestà) ma non le ho mai usate con la mia ex, con la mia attuale ragazza e in generale con tutte le ragazze con cui c’è stato qualcosa a livello sentimentale. La mia è solo paura di amare, paura che amando troppo e con troppa onestà tutto svanisca prima.
      E per quanto questa ragazza sia bella, intelligente e per bene, una delle cose che mi ha fatto innamorare di più è proprio questo, la totale assenza di ipocrisia, il coraggio di amare, anche quando all’epoca non la contraccambiavo ed eravamo solo amici, e solo in questi giorni mi ha raccontato quanto ha pianto quando l’anno scorso le dissi “potremmo essere amici poi un domani chissà..” e non avrei mai pensato che nel tempo mi sarei tatuato il suo nome, che per l’esattezza ho tatuato giusto ieri.
      Con grande commozione sua..

      Sul cambiare, ho i miei dubbi subisca grandi cambiamenti, a differenza degli uomini, le donne quando a questa età hanno determinate idee, non le cambiano, parlo per esperienza personale, perchè salvo eccezioni le mie migliori amiche tali sono rimaste, da quelle serie a quelle meno serie, con visioni della vita molto simili.

      Sui figli ne abbiamo parlato, averli con me è il suo sogno, vorrebbe farli dopo un anno che stiamo insieme, io asseconderò il suo desiderio, dopotutto la mamma è lei..

      Grazie per gli auguri, dentro di me so che andrà tutto bene, ma ho ugualmente paura per il futuro 🙂

      • Invece no Aldo le donne cambiano eccome. Soprattutto quando hanno 17 anni. So che sei innamorato e per questo certe cose non le vedi, ma è una ragazzina ancora, anche se molto matura per la sua età. Non ti far fuorviare da alcune stupide ragazze che ti sarà capitato di abbordare, perché certo lei è ben diversa, ma non sottovalutare che tu hai 33 anni e lei 17. Sono 17 non 22 o 23. Che fanno parecchio la differenza tra una donna che si sta formando e una già formata.
        Sul fatto di fare figli subito, davvero non sarei così accondiscendente. Come puoi dopo solo un anno di convivenza pensare di mettere al mondo dei bambini? Lo sai che lei avrebbe magari 20 o 21 anni (massimo da quel che ho capito)? Che motivo c’è di fare per forza una famiglia a quella età quando ha davanti almeno altri 20 anni di fertilità? Io credo che un minimo di collaudo per vedere se la vostra coppia va avanti ci vuole. Un anno è veramente poco, e se lo vuoi sapere se la coppia non funziona o potrebbe non funzionare, un bambino è il sistema migliore per farla scoppiare prima.
        Ti dirò una cosa: ti vedo troppo preso, troppo entusiasta. Ho sempre paura delle persone che si buttano così a capofitto in una relazione: è come se quell’amore se lo sparassero tutto insieme in una volta per poi rimanere svuotati. Insomma l’amore deve durare, dovrebbe essere per tutta la vita e tu vai a 400 all’ora. Calmati, rifletti, non è solo la tua vita che stai mettendo in gioco ma anche quella di questa giovanissima donna. Perciò ti prego di rallentare, tanto se è il grande amore e se durerà tutta la vita lo sarà anche se vai a un’andatura più tranquilla. E un figlio non mettetelo subito in cantiere. Lo dico per voi come coppia e per il bene del bambino, che con una coppia più affiatata e collaudata sicuro verrà su ancora più sereno.

      • Su questo non sono d’accordo.. Per una serie di ragioni, prima fra tutti che il figlio deve tenerlo lei in grembo, quindi quando vuole, io ci sono.

        Sul resto parlo per esperienze di tante persone che conosco.. Le coppie che fanno le cose con calma e stanno insieme negli anni non sono davvero innamorate.
        Stanno bene, ma non è vero amore, è amorevole convivenza, il che è diverso.
        Quando sei davvero innamorato non hai bisogno nemmeno di un anno, capisci in una settimana come stai con una persona, come sarà il tuo futuro con lei.

        Puoi sperare che cambi, come fanno tanti, ma non cambierà, può solo limare il proprio carattere. Sulla maturità idem, mentre un uomo cambia ancora e ancora, perchè la maturità tarda ad arrivare, le ragazze dalla fine dell’adolescenza in poi (quindi circa 17) cambiano davvero poco.
        Una delle mie migliori amiche, è rimasta sempre la stessa da quando aveva 16 anni. Una mia zia sta con lo stesso ragazzo da quell’età (ora hanno tre figli e ha 20 anni più di me). Quelle sceme, oche, tali rimangono finchè ad un certo punto decidono di sistemarsi (mi care amiche ne sono la prova, mia mamma stessa ne è la prova), quindi sinceramente al cambiamento credo molto poco, nel bene e nel male.

        La mia ex moglie era la stessa a 20 anni, e non è cambiata quasi per niente a 30, solo un po’ più pacata. E mi lasciò perchè appunto, come dicevo prima, ero cambiato io: meno presente, meno attento, sempre più tempo fuori casa che in casa.

        Quindi la mia visione della vita è che quando ci si ama non bisogna perdere tempo, perchè si vive una volta sola, domani puoi ammalarti, morire, o anche solo perdere i soldi che hai.
        La vita va vissuta senza paura, senza inutili rallentamenti, certo stando attenti, ma se uno ha un po’ di cervello si accorge se una ti ama o sta con te per i soldi, se finge o se è se stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.