Home / AMORE FINITO / Ho paura di non riprendermi mai più

Ho paura di non riprendermi mai più

Sei anni, in cui lui e tutti i suoi problemi personali sono stati il centro della mia vita. Sei anni in cui ho dato e ho provato di tutto per far funzionare un rapporto che era segnato fin dall’inizio: litigi, pianti, frustrazione, solitudine. Perché se contro il male di vivere non ce la fanno i terapeuti, io cosa potevo fare? Eppure io l’amavo e quel che mi faceva andate avanti era la profonda convinzione che, una volta “guarito”, saremmo stati felici. Finché un giorno, disperata dal suo atteggiamento, lo lascio pentendomene il giorno successivo; speravo mi pregasse di restare, sono tornata io. Altri sei mesi di tira e molla ed è finita per sempre, con lui che mi ha detto di non essere innamorato. È stato feroce e da allora mi sembra di vivere con un pugnale conficcato nel petto.
Dopo 2 mesi dal nostro ultimo incontro finisco tra le braccia di un altro uomo che, fingendosi amico, mi ha riempito la testa con tutte le paroleche sognavo sentir pronunciare dal mio Amore. Finisce nel giro di 15 gg lasciandomi un’amarezza indefinibile.
Sono 6 mesi da quando sono single e sto peggio del primo giorno, quando l’illusione di un ritorno mi teneva a galla.
Ora ho il timore di rimanere sola per sempre, mi disgustano tutti e ho la convinzione che non mi innamorerò mai più. C’è un destino peggiore? Mi riprenderò mai?

da: Mellie

8 Commenti

  1. Ti riprenderai vedrai. Passa tutto, ci vuole solo tempo. Tempo per cercare di curare la tristezza di essere stati gettati via così nonostante l’impegno che abbiamo investito nella nostra relazione. Pian piano coglierai anche i lati positivi. E vedrai che non sarai sola.
    Un abbraccio…

  2. Sei un pò troppo negativa, ma credo sia comprensibile. Il mai ed il sempre non esistono … siamo noi padroni del nostro destino. Ora sei ferita ed hai perso la fiducia, ma quando imparerai a bastarti da sola, allora avrai modo di conoscere nuove persone e ad essere capace di valutarne il loro reale interesse. Quando si è deboli abbiamo bisogno di un appiglio e molto spesso questo nostro stato d’animo può essere compreso da qualcuno che invece ha solo voglia di farsi una sana scopata oppure siamo talmente negativi che una persona dopo che ci frequenta per un pò non ci ritiene interessanti.
    In fondo se uscissi con un ragazzo nella tua stessa situazione che ti scarica addosso tutti i tuoi problemi tu che faresti?
    In bocca al lupo!

  3. Concordo con Alberto, quanta negatività nel tuo racconto. Sei stata con uno che non aveva voglia di vivere per 6 anni, che ti ha lasciato dicendoti che non è innamorato di te. Non ti ha lasciato perchè tu lo avevi lasciato prima, renditene conto!
    L’altro è stata un’avventura di 15 giorni.
    Non farei tutto questo dramma, piuttosto utilizza questa fase per realizzare qualcosa per te stessa.
    Tutti attraversiamo momenti bui, anche io pensavo che mai mi sarei innamorata ma poi è successo e succederà anche a te. Ma non essere troppo dipendente dal tuo futuro partner altrimenti continuerai a soffrire

  4. Ringrazio tutti per le vostre parole. Ma al momento mi è davvero difficile vedere un futuro. Se sto imparando a razionalizzare e a capire che la mia storia non poteva avere alcun futuro, l’amarezza profonda nasce dal fallimento della “storiella”. Tra me e questo soggetto non c’e stato sesso, tante coccole, baci e belle parole.
    Forse ho avuto troppa fretta, forse era talmente tanto grande il bisogno di sentirmi amata, invece è stata l’ennesima illusione, vissuta solo nella mia testa.
    Nella vita di tutti i giorni sembro stare alla grande: faccio sport, esco, sorrido, sono sempre curatissima ma dentro di me sento di essere morta dentro..come se dalle macerie del mio amore fosse rimasto il suo male di vivere, come se mi avesse contagiato. Vorrei esistesse una medicina o svegliarmi tra qualche anno, quando tutto questo soffrire sarà svanito

  5. Ciao Mellie, guarda che il tuo stato è piuttosto comune. Intorno a noi ci sono moltissime persone che sembrano vivere una vita normale e felice ma così non è.
    Credo che il vero problema è che ci preoccupiamo troppo di cosa pensino gli altri di noi che a cosa ci rende davvero felice.
    Ti sei mai fermata a chiederti cosa ti renderebbe davvero felice? Cosa renderebbe ogni giorno della tua vita speciale?
    Credo proprio di no, non abbiamo mai tempo per le cose più importanti.

  6. Non me ne voglia, ma non ho capito se il problema è che si è lasciata con la persona che amava o se ha paura di rimanere sola.

  7. Il dolore per la persona che ho perso è enorme ma a distanza di mesi ho imparato a fare a meno della sua presenza e ho la consapevolezza che sia finita per sempre..ma gli strascichi me li porto addosso e non riesco a pensare positivo. È come se il mio serbatoio d’amore si fosse esaurito e ho il terrore di restare sola per sempre perchè il fantasma di quel che è stato non mi.lascerà mai. Scusate lo sfogo…

  8. Ti capisco. Mi sento come te, dopo una relazione di anni finita da qualche mese. Mi sento depressa, come se avessi un filtro grigio che rende tale ogni cosa che penso, vivo, faccio. Comprendo bene la tua negatività. A me sembra tutto inutile, anche vivere a volte. Avverto una sensazione di vuoto costante che mi logora. Esco e sento che non ha scopo uscire, qualcuno ci prova e la cosa mi fa sentire ancor più vuota e inutile, oltre al fatto che mi fa schifo, vedo gli amici, visito luoghi e ogni persona così come ogni posto mi appaiono insignificanti. E non credo più nell’amore e nelle parole altrui. È come se mi avessero strappato qualcosa da dentro, così da non sentire più nulla se non la mancanza di in senso. Fa schifo. Spero il tempo guarisca le ferite, ma chi lo sa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.