Home / SOFFRIRE PER AMORE / Come affrontare la fine di una storia amore?

Come affrontare la fine di una storia amore?

Salve a tutti. Ho scoperto questo sito navigando nel web per una sofferenza incredibile che mi sta spaccando l’anima.
Ho 43 anni, mi chiamo Stefano e tempo fa, quando ero sposato ho conosciuto una ragazza che poi e’ stata la causa della fine del mio matrimonio nel senso che per lei ho divorziato. Vivo con lei da sei anni, abbiamo due fogli piccoli e da qualche mese la vedevo cambiata. A letto non si avvicinava più’ a me, durante il giorno le sue telefonate al mio posto di lavoro erano sempre più scarse, non mi chiamava più’ amore ed a casa era sempre strana, assente, e non faceva più nulla con me ma usciva sempre e sola con i due bimbi in giro o andando a casa dei suoi.

Ho cominciato a chiederle cosa non andasse e lei dopo molte mie pressioni piangendo mi ha detto che non mi amava piu’ e comunque aveva bisogno di tempo per capire e stare sola ma al tempo stesso mi diceva che aveva paura di lasciarmi per paura poi di pentirsene. Ogni volta che le chiedevo se ci fosse un altro si innervosiva molto e mi diceva di no….ma ogni giorno la vedevo sempre assente, sempre con il suo maledetto cellulare, fino a quando un giorno mi disse che voleva vivere da sola con i bimbi e che era stanca di me e di tutto. Continuava pero’ a giurarmi che non ci fosse nessuno. Un pomeriggio ha messo a letto i bimbi e mi ha detto che sarebbe uscita sola a fare una passeggiata al centro commerciale nei vari negozi. Io le dico ok….vai ….ma attenzione attenzione cosa succede? Entra in bagno a lavarsi, poi entra in camera a prepararsi e quando esce fuori la vedo super tirata! Pantaloni stretti, elegantissima, tacchi, profumo e rossetto rosso super sexy!!!!

Sono rimasto a bocca aperta….ero morto dentro! Tristissimo! Lei e’ uscita e vedendo il mio stupore mi ha chiamato ogni mezzora per rassicurarmi ma io non le ho risposto! Adesso lei vuole lasciarmi, io mi sento triste e solo, soffro come un cane, non dormo la notte, non mangio, non riesco ad andare al lavoro perché’ soffro e non mi va di far finta di niente con i colleghi per otto ore. Ho paura di restare solo, non ho amici.. Ho solo i due bimbi, cosa dovrei fare? Dovrei soffrire solo in silenzio per metabolizzare tutto fino a quando mi passa? O dovrei andare da uno psicoterapeuta per curarmi? O dovrei fare chiodo scaccia chiodo e quindi conoscere qualcun altra via chat…o iscrivermi a qualche corso di ballo per cercare nuovi amici? Aiutatemi, come si affronta la fine di una storia d’amore? Grazie a chi vorrà’ rispondermi almeno questo mi fa sentire meno solo. Grazie!

da: Stefano

6 Commenti

  1. Hai capito bene cosa devi fare per superare la fine di un amore, conosci altre ragazze, vai a ballare, fatti bello e esci, ma non startene e soffrire e vedrai che riuscirai a conoscere una ragazza con sani principi per te.
    Però veniamo al dunque, è chiaro che la tua ex aveva un altro ma difficilmente queste cose si dicono. Però hai due bambini e già questo è moltissimo, ti danno carica e la voglia di andare avanti. Ma ricorda, quando conoscerai un’altra ragazza e ti innamorerai di nuovo non fare a lei quello che ti ha fatto la tua ex. Sii sempre sincero e vedrai che andrà tutto bene.

  2. Caro Stefano, è inutile girarci intorno, quello che stai vivendo è un periodo davvero difficile. lasci una moglie perché sicuramente credevi che l’amore con questa ragazza potesse durare per sempre, e d’altronde avete avuto anche due figli. Ma eccoti qui, in mezzo a tante persone che soffrono per amori incompiuti, tradimenti, inganni. Lo so che non tira su il morale sapere che non sei solo a vivere queste situazioni ma certamente poni una ottima domanda: come si fa a superare la fine di un amore? C’è una ricetta? Cerco di dimenticare affogando i pensieri nell’alcool oppure tra le braccia di un’altra donna? Non lo so se c’è una ricetta, io posso dirti che ci vorrà tempo, anche io ho sofferto per amore perché sono stato mollato e anche quando pensavo che ne fossi uscito…non era così.
    Quanto tempo ci vorrà? Credo sia molto soggettivo, mesi, forse anni, ma di certo con l’aiuto di un buon psicologo e tra le braccia di un’altra donna i tempi si accorciano.

  3. Ciao! Ho appena letto le due risposte. Grazie innanzitutto. Di certo leggere di gente che come me sta vivendo queste situazioni o magari le ha gia’ vissute …mi fa stare un po’ meglio nel senso che in questi casi si ha bisogno proprio di qualcuno con cui parlare e visto che non posso farlo con aualcuno di persona almeno lo faccio attraverso il web.
    Da uno psicoterapeuta sinceramente ci avevo pensato anch’io ma piu’ che altro presso qualche consultorio visto che magari si puo’ risparmiare qualcosa. La cos che mi frena e’ un po’ di vergogna di imbarazzo…..non so come cominciare….. Mi sembra di essere lo sfigato di turno che va a chiedere aiuto. Devo pensarci un po’ …..
    Intanto aggiornamenti…… L’altro giorno ho aspettato la mia compagna fuori dal lavoro ma lei appena uscita come una vipera mi ha aggredito minacciandomi di denunciarmi lerche’ secondo lei io ero li per seguirla (???????. Incredibile!!!!) e poi mandandomi via mi ha detto che non voleva piu’ stare con me. Cosi’ sono andato via e per sms le ho scritto che a questo punto era inutile continuare a stare insieme nella stessa casa ma da separati in casa e che per me la cosa migliore sarebbe stata quella di allontanarci per cominciare subito il mio percorso di sofferenza…altr in questo modo soffrivo ancora di piu’ …vedendo lei ogni volta prepararsi, uscire e truccarsi per chissa’ chi! Lei , non mi ha risposto poi una volta a casa, era piu’ calma e con molta tranquillita’ mi ha detto che non ha nessun altro ma che vuole riprendersi la sua vita e provare a stare un po’ da sola per capire. Ma intanto voleva stare ancora a casa. Questa situazione e’ davvero imbarazzante per me….. Io nel frattempo seguiro’ i vostri consigli che poi sono anche le mie intenzioni….. Di non dire nulla a lei ma intanto di cercare svago altrove …….tanto di quello che faccio a lei non importa nulla….sembra non controllarmi nemmeno piu’ .
    Grazie!!!!!,

  4. Ciao Stefano.
    COME stai? Anche io da qlk gg sono stata lasciata. So quello che significa…Ti abbraccio fortissimo. Non isolarti. Se vuoi parlarne ci sono.

  5. Mi aggiungo alla folla dei dannati :::). In questi giorni la mia sofferenza sta superando ogni limite!
    Tieni duro Stefano e stai attento ai consigli che non è detto che siano quelli giusti.

  6. Rieccomi a distanza di qualche settimana.
    Buon anno a tutti! Sono rientrato dopo un po’ perché nel frattempo per un corso di lavoro sono stato fuori citta’ ..e poi sinceramente con questo sito non ho molta dimestichezza.
    Nel frattempo la situazione e’ cambiata un po’ nel senso che lei dorme dai genitori con i bimbi ….ma per il resto e’ quasi tutto uguale. ha ancora le chiavi di casa ….la mattina quando io sono al lavoro lei entra, pulisce casa, avvolte mi lava i piatti … quando ci sentiamo per msg mi dice che le manca la famiglia e che forse sta facendo male ai bimbi ma cmq vuole capire bene che cosa vuole. io in questo stato sinceramente non ci sto benissimo perché ho la sensazione che non riusciro’ mai a cominciare il mio percorso di sofferenza. Grazie a Marika ed Efram .. io come sto? diciamo che avvolte sembra che il peggio sia passato, che la sofferenza del primo periodo sia passata –poi invece quando sono fuori e sto per tornare a casa penso che non c’e’ nessuno che mi aspetta e che mi sentiro’ solo in casa… avvolte non capisco se e’ lei che mi manca o forse e’ solo il fatto di essere solo. Credo che dopo queste festivita’ mi iscrivero’ ad un corso di salsa cosi’ per cominciare a farmi una vita sociale ..a conoscere qualcuno…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *