Home / RIFLESSIONI / Che intenzioni ha?

Che intenzioni ha?

Salve a tutti, ho bisogno di voi.
Esco da 3-4 mesi con un ragazzo (entrambi 23 anni) il quale fondamentalmente ha lasciato la sua ex (con cui specifico che andava già male) per uscire con me.
Da subito ha detto di voler prendere le cose con calma, perché voleva pensare alla sua laurea, a stare con gli amici senza i vincoli di una relazione immediatamente dopo la precedente. Per me era scontato non mettersi subito insieme, ci mancherebbe, un minimo di frequentazione è d’obbligo, poi si vedrà.
Da subito lui si è dimostrato insicuro di una cosa … l’anno scorso ero innamorata persa di un ragazzo che mi ha rifiutata, il quale poi è andato in erasmus 6 mesi.
Il ragazzo attuale è sempre stato in ansia per il suo ritorno, continuava a dirmi “mi devo aspettare un ritorno di fiamma?”  E io dicevo sempre di no. Infatti non c’è stato nessun ritorno di fiamma, specifico.

Certe volte sembra quasi che questo ragazzo voglia fare quasi finta che non gliene importi nulla, ma poi invece ha degli atteggiamenti che mi fanno pensare il contrario.

Faccio una premessa: si potrebbe pensare che lui voglia solo divertirsi con me senza gli impegni di una relazione, ma lo escludo a priori perché, per vari motivi che non elenco, fidatevi di questo.
Ha anche detto che lui non è il tipo che frequenta più ragazze contemporaneamente, perché se esce con una esce solo con lei, prima di uscire altre ragazze per lo meno la “lascia”.

Lui è sempre stato un pò contradditorio certe volte, inoltre aggiungo che è una persona molto insicura.
Spesso ha aspettato che io dicessi certe cose “dolci” prima di dirle lui. Per esempio una volta ha fatto in modo che io gli dicessi che mi era mancato, come se volesse essere sicuro che io sentissi la stessa cosa prima di sbilanciarsi e dirmelo.
In molte altre occasioni ha fatto così. Altre volte mi diceva cose per vedere la mia reazione, per vedere se ero gelosa.
Ha iniziato a darmi un nomignolo. Ha fatto quasi pressioni per fare in modo che io dicessi ai miei che esco con lui e poi lui ha anche aggiunto che farà volentieri due chiacchiere con mio padre quando riuscirà a venire da me (abitiamo a 2 ore di distanza).

Una volta mi ha detto che si è addormentato pensando al mio profumo, dice che si sente molto protettivo nei miei confronti,  dice che vuole che io mi senta a suo agio con lui…dice che si sente triste quando ci dobbiamo salutare..
Gli ho regalato un pensierino una volta e lui ci ha pensato su un po’ e poi ha detto “io invece mi sto innamorando di te per tutti questi regali che mi fai”. Ma perché dire una cosa del genere? Io sono sicura che lui sia una persona splendida, sincera e buona, ma perché dire ciò? Lo pensi davvero?
Perché poi mi dici che non c’è fretta di avere una relazione e sembra quasi che tu stia temporeggiando? Non lo capisco davvero!

da: Lea

3 Commenti

  1. Grazie mille a chi avrà la pazienza dii leggere.

  2. Sono passati solo 4 mesi da quando uscite insieme e lui ha lasciato la sua ragazza per te. Non credo sia stato semplice e penso anche che abbia voglia di sentirsi libero, stare con te senza ufficializzare la cosa.
    State andando a due velocità diverse. Tu vuoi subito una relazione, lui no.
    Se accelleri richi di perderlo, quindi goditi questa fase, state bene insieme, no?
    Poi verrà tutto da se, senza che te ne renderai conto.

    • Non è corretto dire che io voglio subito ufficializzare la cosa.
      L’unica cosa che vorrei è che lui mi parlasse apertamente di ciò che vuole. Se lui mi dicesse chiaramente “voglio aspettare perché…” sarebbe perfetto! Io non ho nessun problema a vivere questa cosa tranquillamente senza correre, non ho nessuna fretta di ufficializzare la cosa, mi basta solo che lui mi renda note le sue intenzioni al momento,giusto per capire fin dove vuole spingersi ora.
      Non penso di chiedere cose dell’altro mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.