Home / SMETTERE DI SOFFRIRE / Togliermi dalla testa un ex

Togliermi dalla testa un ex

Salve a tutti, vi chiedo consigli su come potermi togliere dalla testa un ex.
Mi chiamo Marco, 33 anni e vivo in un paesino del Salento. Verso la fine del 2014 conosco in chat un ragazzo di 26 anni (ora 28), dopo diversi giorni di scambio di messaggi per conoscerci decidiamo di vederci e, cosa mai successa prima, mi ha davvero rapito il cuore. Iniziamo a frequentarci, e mi sentivo sempre più coinvolto sentimentalmente, eppure era un ragazzo troppo diverso da me, frequentava le discoteche, faceva sempre tante nuove amicizie, viaggiava spesso.. Questi aspetti, che io non avevo, mi piacevano molto.
Purtroppo c’erano tanti aspetti negativi, alcuni amici che lo conoscevano non me ne parlavano affatto bene, ma io vedevo che mi amava e mi stava bene così, purtroppo ero davvero accecato dai miei sentimenti.
Non racconto tutta la storia perché sarebbe troppo lunga, fatto sta che non si è mai fatto problemi a tradirmi e io per questo ci ho sempre sofferto tanto.
Nell’ultimo anno le cose sembravano davvero cambiate, lui lo vedevo più coinvolto, finalmente si parlava di progetti di vita, di viaggi, di convivenza.
A settembre si è trasferito al nord per un corso Oss che si sarebbe concluso a giugno (2017), se poi avesse trovato lavoro lí avrei lasciato il mio lavoro precario e lo avrei raggiunto.
Purtroppo a marzo ho cominciato a vederlo diverso, era più assente del solito. Gli chiedo se c’erano problemi e mi risponde che era tutto ok. Non convinto installo l’app di incontri (romeo) che spesso usava per conoscere e scopro il suo profilo. Glielo faccio notare e mi risponde con le solite scuse assurde, fatto sta che da quel giorno son cambiato anche io, mi sono disilluso, ho cercato di disinnamorarmi, ci si scriveva e sentiva sempre di meno, e quelle volte che scendeva nel Salento dai suoi ci si vedeva poco.
Un paio di settimane fa, in seguito ad alcune cose che non mi son per niente piaciute, ho deciso di chiudere la storia, lui mi ha accusato di essere stato assente, che in questo anno di corso non sono mai salito a trovarlo, io gli ho ribattuto che ero davvero stanco delle continue menzogne, e delle cose che mi nascondeva.
Quindi chiudiamo, eliminiamo tutti i contatti, foto, lui mi blocca su Facebook.
Purtroppo mi manca tanto, e nei giorni successivi lo contattavo per un chiarimento, per provare ancora una volta a sistemare le cose, ma non voleva più saperne, ho fatto anche pazzie come controllarlo su Facebook da un altro profilo e lì ho scoperto che aveva già un altro, quindi questo mi ha abbattuto davvero perché penso che tutti quei progetti che ci facevamo ora li realizzerà con lui.
Sto facendo un lavoro enorme per togliermelo dalla testa, da una settimana son riuscito a non visitare il suo profilo e a guardare le sue foto, ma lui continua ad essere lì, fisso nella mia mente.
Devo dire che rispetto alle due volte precedenti che ci siamo lasciati (e poi ripresi) in questa sto soffrendo di meno, in queste settimane ho anche acquisito la consapevolezza che non poteva continuare e che magari avrebbe continuato a farmi soffrire. Ma non vuole andarsene dalla mia mente, specie appena mi sveglio la mattina, o durante il riposo pomeridiano, come un lampo mi torna in mente qualche ricordo, il pensiero che è tutto finito o il pensiero che adesso in quel momento starà tra le braccia di un altra persona.

da: Marco

4 Commenti

  1. Io credo che quando si conosce una persona e ci accorgiamo da subito che è troppo diversa da noi dobbiamo essere capaci di finirla prima di arrivare a questo punto…lo so è difficile ma da quello che hai scritto si capisce che nn era un tipo affidabile.Non perdere altro tempo a stare male perché non sarà mai veramente tuo da come si comporta.

  2. Verissimo, hai ragione, l’ho appreso a mie spese con questa storia.
    Devo dire che non ci sto soffrendo, certo, non sono felice se penso che chi mi chiamava amore ora chiama qualcun altro ma riesco a tollerarlo, non mi viene da chiudermi in bagno e versare lacrime, come succedeva le volte precedenti che ci eravamo lasciati.
    Mi sento un po’ apatico, per diversi giorni mi sono isolato, non ho parlato con nessuno.. Ora mi sento che sto guarendo, ma quello che desidero è soltanto togliermelo dalla testa… mi distraggo, leggo, ascolto musica, esco, ma poi lui ritorna nella mia mente, e con lui ritorna anche un po’ di angoscia e di rabbia.
    Non voglio durare a lungo cosí.

  3. Caro Marco,
    l’ amore è materia molto ribattuta nei nostri anni. Purtroppo nessuno sa realmente di cosa si tratta; in molti ci soffrono ma inesorabilmente corrono alla ricerca di qualcuno che possa stare insieme nel tempo. All’ età di 23 anni ho sofferto per una ragazza e ho deciso di chiarirmi tutte le idee riguardo l’amore, visto che era l’ennesima persona per la quale soffrivo. Le mie domande erano semplici:-Cos’è l’amore, dove nasce, cosa è e perché fa così male-. Le mie ricerche mi fecero comprendere che le persone inquinano la parola con attributi che non centrano niente con la parola amore. Il libro che più mi aiutò su questo tema si intitola “Messaggio per un aquila che pensa di essere un pollo, di ANthony de mello” te lo consiglio vivamente. La convinzione di sapere cosa l’amore sia, ci fa credere sia giusto pretendere da un altro essere umano attenzioni e affetto. In psicologia questo disturbo viene chiamato attaccamento e non ha nessuna spiegazione logica infatti e’ completamente emozionale. Il sesso(e l’intimità) portano attaccamento, cioè una dipendenza cronica di una persona specifica. Ci sono diversi modi per superare l’attaccamento: a suo tempo io utilizzai la meditazione zen e il training autogeno, ma ci sono diverse pratiche che possono aiutarti: come il lavaggio energetico, il lavaggio californiano, il reiki a tanti altri. Una cosa che devi sapere è però che certi momenti non si risolvono, ma si superano. Questo significa che uscirai da questa storia contento di aver incontrato questa persona, perché ti avrà aiutato a crescere e che senza il suo incontro non avresti mai sviluppato ne sofferenza ne doamande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *