Home / RIFLESSIONI / Superare la fine di un grande amore

Superare la fine di un grande amore

Riporto questo mio scritto che deriva da esperienze personali, dalle quali ho molto sofferto ma anche appreso. Spero di essere di aiuto a qualcuno che in questo attuale momento o passato o futuro soffre per amore. Buona lettura 🙂

Nel momento in cui una storia finisce, il dolore che si prova è sconfinato. La sofferenza provocata da un problema fisico non è nulla in confronto a quella che è insita nella mente, che trafigge il cuore ed uccide la speranza. Si perché la prima sensazione che la fine di un amore porta, è la percezione che l’immenso dolore provato sarà insuperabile ed eterno e che niente potrà essere di alcun aiuto per superarlo.

Purtroppo è vero. Non c’è uscita con le amiche, iscrizione in palestra, falò di tutte le foto con l’ex, che possano alleviare la sofferenza. Tenete a mente il falò perché vi servirà in un secondo momento 😀

Una fase che io chiamerei prologo, come in un libro, si chiama disperazione. Prevede una prima non accettazione della cosa, ricerca continua dell’ex, se non fisicamente (per i più orgogliosi) psicologicamente, tappezzamento della camera di vecchie foto adibite a sacri santini da commemorare, il raduno di tutti i regali ricevuti, che fanno sentire ancora la sua presenza. Una cosa comune inoltre è quella di passare mentalmente in rassegna tutto il corso della storia flagellandosi con continui “quello non dovevo farlo..”, “ potevo reagire in un’altra maniera”, cose che sicuramente non avrebbero condotto a questo tragico finale. Credenza assolutamente falsa perché se un amore è finito era destinato a finire, e se siete stati voi stessi fin dall’inizio, non avete nulla di cui rimproverarvi.

La primissima fase che equivale al primo capitolo, prevede l’abbandono totale allo sconforto. Questo non significa assecondare quelle momentanee idee di suicidio ma ascoltarsi, lasciarsi andare alle emozioni che si provano. Non si può pretendere di star bene fin da subito e la sofferenza è un qualcosa che bisogna accettare senza cercare di essere felici per forza. Sicuramente la famiglia e gli amici spingeranno per una pronta ripresa, ma lo star male, che apparentemente sembra una cosa orribile da evitare come la peste, poi un giorno, più avanti servirà. Vi avrà reso più forti, più maturi e non vi farà ripetere gli stessi errori. Quindi accettate il dolore e piangete tutte le volte che sentite le lacrime assalirvi e il magone distruggervi, tenete a mente che ogni giorno andrà meglio anche se non ve ne accorgete.

Fase di ripresa. Il secondo capitolo si intitola “ E’ ora che iniziate ad andare avanti con la vostra vita”. Qui il falò sconsigliato all’ inizio è ora fattibile, bruciate e bruciate se vi fa sentire meglio. E’ finita e non era la persona giusta, iniziate a smettere di pensare che avete sbagliato tutto e che l’altro invece era perfetto. Sicuramente ci sono delle cose che non vi andavano bene del vostro partner, come vi trattava, i suoi terribili lati caratteriali, come si comportava con gli altri, qualsiasi cosa negativa, che sicuramente era presente. Pensate che potreste trovare di meglio, qualcuno che si incastri con il vostro carattere e che vi faccia stare bene, al 100%. Dovete raggiungere la consapevolezza che se è finita, non era la persona giusta. Avreste dedicato una vita intera per una persona che non lo meritava?

E’ importante tornare entusiasti della vita, di ciò che vi circonda, ritrovare gli amici che si erano dimenticati, gli hobby accantonati, i piccoli piaceri personali che si erano eliminati. Ritrovando l’amore per sé stessi, i ricordi dell’ex piano piano affievoliranno e arriveranno a tartassare meno spesso

Fase di benessere. Fate tutto ciò che vi fa piacere, che fa bene a voi stessi. Dal leggere libri, fare sport, escursioni, guardare solo i film che piacciono a voi, uscire quando vi pare senza costrizioni, rendervi belli per voi stessi e trovare gratitudine nello sguardo compiaciuto degli altri. Ritroverete l’individualità che avevate perduto. Dovete tornare a pensare prima a voi stessi e poi agli altri, e soprattutto essere felici di essere single. Sì perché è necessario stiate bene soli e che troviate piacere nella vostra compagnia, e quando un giorno, la persona giusta farà breccia nel vostro cuore, diventerà la ciliegina sulla torta del vostro benessere e non sarà un elemento essenziale.

“Lasciamo che la sofferenza si manifesti e ci invada, sarà una sensazione temporanea che una volta passata, lascerà tornare calma e quiete a regnare nel nostro animo”

dal sito www.pensidisapere.it

Jasmine

9 Commenti

  1. quello che non ti hanno detto è che lo scrittore è George R.R. Martin .

    Comunque quando si parla di Grande AMMore mi viene in mente Godzilla .
    ” Generale , un Grande AMMore è appena approdato ad Enoshima e sarà a Tokyo entro venti minuti ! ” “Bene mobilitate aviazione e fanteria pesante !”
    https://www.youtube.com/watch?v=nsAdMK2f-aQ

  2. Grazie veramente tanto di questo scritto.

  3. Leggere queste parole mi ha sollevato l’anima, credo ne avessi bisogno. Posso chiederti come si chiama il libro?

    • Ciao Marina sono davvero felice che le mie parole ti abbiano dato conforto. Non è un libro ma un articolo tratto dal mio blog http://www.pensidisapere.it , se hai voglia dagli un’occhiata mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi anche degli altri scritti 🙂 a presto Jasmyne

  4. Le tue parole mi sono d’aiuto, aimè io sono ancora nella primissima fase. Grazie!

    • Tranquillo Luca, tempo al tempo! vedrai che con pazienza giorno dopo giorno ti avvicinerai alle altre fasi, fino all’ultima 😉