Home / SOFFRIRE PER AMORE / Storia per programma tv

Storia per programma tv

Gentilissimi,
lavoro in un programma televisivo di Rai Uno e sto cercando una persona che venga in studio a raccontarci la sua esperienza di tradimento.
Qualcuno se la sentirebbe?

da: Sabrina

6 Commenti

  1. Vi divertite con poco, parassiti come voi che lavorano sulla sofferenza delle persone, riescono a dormire la notte? Oppure non avete sentimento?

  2. Se fosse vero devo dire che mamma Rai si sta adeguando agli ottimi standard Mediaset. Grazie a Dio manco da un po’ dal Bel Paese. Buona fortuna con la tua ricerca, Sabrina

  3. Massimo, davvero non ti capisco, critichi che si faccia un programma basato su storie di tradimenti perchè si gioca sulla sofferenza delle persone, quando la televisione è piena di programmi che si basano su cose molto peggiori.
    Un programma basato su storie di tradimento potrebbe essere d’aiuto a molte persone che vivono questa situazione. Per esempio io sto soffrendo molto in questo periodo perchè credo che mio marito mi tradisce, però non riesco a parlarne con le mie amiche. Mi è molto d’aiuto questo blog, in quanto molti sconosciuti mi danno la loro opinione. Un programma televisivo basato sul tradimento mi aiuterebbe ulteriormente a comprendere cosa fare in queste situazioni.
    In poche parole, non ci vedo il male che tu vedi, anzi, trovo che un programma del genere possa essere solo d’aiuto

    • Le persone si aiutano con i fatti, standogli vicino, aiutandole, l’unico scopo di questi programmi è fare ascolti per poter guadagnare di più, non possono aiutarti, non possono curare le ferite arrecate. Ti mostrano realtà distorte, gonfiate fino all’estremo pur di prendere un ascoltatore in più, quando si aiuta una persona che soffre la si ascolta non gli si propone un rapporto dove chi soffre deve ascoltare altre persone senza poter aprire il proprio cuore, è un rapporto a senso unico non ti fa crescere non ti aiuta-
      L’unico intento è fare ascoltatori per lucrare, quando aiuti una persona lo fai per compassione per empatia, sai cosa sta passando perché a suo tempo lo hai passato anche tu e cosa chiedi in cambio? Solo che tale persona si senta un po meglio,uche non sia sola , un piccolo sorriso , una lacrima in meno , trovare amici con cui si può parlare e essere consolati e consigliati, ora dimmi un programma del genere ti da tutto questo? Rispondi in sincerita’

  4. Condivido il tuo pensiero ma metti che non hai nessuno con cui parlare? E credimi, come nel mio caso non posso parlarne con nessuno.
    Per quanto riguarda il lucrare sulle sofferenze altrui, mi sembra che la televisione di oggi non faccia altro dalla mattina alla sera.

    • Parla con noi, ti capiamo abbiamo e stiamo soffrendo, ma sta a te aprire il tuo cuore, per quanto mi riguarda sei sempre la benvenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *