Home / SOFFRIRE PER AMORE / Soffrire per Amore

Soffrire per Amore

 

Soffrire per Amore

Quando finisce, quello che si ritiene un grande amore, si prova una sofferenza indicibile, si pensa che non si può più continuare a vivere, si provano sentimenti quali: tristezza, delusione, senso d’angoscia, sensi di colpa e fallimento. Sopratutto se quell’amore ha preso tutte le nostre forze, ha preso la nostra vita, perchè come in ogni amore che viviamo, pensiamo sempre che sia quello “giusto”, quello che durerà in “eterno”. Ed è doloroso accettare che possa finire, che ci siamo sbagliati. E si inizia a Soffrire per Amore.

Il più delle volte non si riesce a comprendere perchè sia finito, non rendendosi conto che quella fine non è stata improvvisa ma era in qualche modo preannunciata in tanti piccoli gesti, occasioni, sfumature, o pur avendo notate quest’ultime si viveva comunque nell’illusione che nonostante tutto non sarebbe mai finito quell’amore.

Nella stragrande maggioranza dei casi ci si dimena, non ci si arrende, si tenta l’impossibile per recuperare quell’amore.  Si scrivono poesie d’amore, lettere d’amore, frasi d’amore e tutto nasce così naturalmente da dentro di noi da convincerci ancora di più che l’altro è l’unica persona al mondo che mai ameremo. Sopratutto si continua ad amare la persona perduta, a volte più di prima. A volte si prova qualche timida speranza di recuperare l’amore perduto, sopratutto se l’altra parte, incautamente, manifesta qualche piccolo segnale d’affetto o di comprensione, che si tende subito ad interpretare come segnale di una rinnovata disponibilità ad amarci e non lo si vede nel suo reale significato (tipica la frase “forse mi ama ancora un pò? forse non è tutto finito?”). Le canzoni d’amore, soprattutto quelle struggenti, diventano la colonna sonora di tutti i minuti di una giornata.  Le foto d’amore le nostre immagini nella mente.
Quando finisce un amore, sopratutto se si è lasciati, si compie una vera e propria analisi di quelle che sono state le cause che hanno portato alla fine. Il più delle volte la persona lasciata tende ad attribuirsi le colpe, imputando a propri comportamenti errati la fine della relazione. Questo perchè permette di poter sperare che cambiando il proprio comportamento la relazione può iniziare di nuovo, se l’altro ci dà un altra possibilità. Non ci si vuole rendere conto che molto più semplicemente l’altro non ama più.

Molti ti diranno che il tempo è un ottima medicina che allevierà il tuo dolore e pian piano si dimenticherà, altri che forse lei cambierà idea e tornerà indietro, ma una cosa è certa… tu non sai cosa fare.

 

Inserisco una lettera che ho ricevuto davvero significativa:

 

Da quando sono stato lasciato leggo libri sull’argomento e forum su internet. Tutti cercano di razionalizzare ciò che non lo è.
L’amore non è razionalità, la fine dell’amore non viene superato perchè il tempo passa e ci si dimentica. L’amore è una unione che va oltre, è una unione di anime che si incontrano e decidono di vivere insieme per tutta la vita. Dovremmo spiegare alle nostre anime che alla fine tutto passa, che ci si dimentica…ma loro viaggiano leggere, e quello che vogliono è tornare a volare perchè da quando è finito l’amore…sono agganciate al suolo…un suolo fatto di dolore.

Non hai alternative, hai solo due scelte davanti: provare a riconquistare l’amore perduto o  ricominciare una nuova vita senza il partner. Tuttavia in mezze a queste due scelte ne hai solo una a cui non puoi proprio rinunciare e non hai alternative. Ricominciare a vivere, ricominciare a dormire, lavorare, sudare, divertire, gioire della vita che è solo tua!

In bocca al lupo!

Massimiliano

 

2 Commenti

  1. Mi trovo in una situazione simile. La mia donna dopo tanti tentennamenti ha preso la sua decisione. Dice che le cose tra noi non sono più come prima e che vuole sentirsi viva e con me non ci riesce.
    Siamo sposati solo da due anni, abbiamo una casa stupenda e credo di essermi sempre comportato correttamente fino a questa doccia fredda.
    Era da un po che la sentivo diversa nei miei riguardi, diciamo più fredda. Avevo pensato che fosse solo un periodo ed invece lei mi ha lasciato, o meglio, mi ha detto che devo andare via di casa perchè d’altronde abbiamo un figlio di un anno e quindi sono io che devo uscire da casa mia.
    Non mi importa della casa mi importa di nostro figlio e del nostro amore.
    Voglio farle aprire gli occhi, voglio riconquistare il suo amore. Anche se dovesse esserci un altro (eventualità che lei ha sempre negato, ma d’altronde chi direbbe la verità) so che è solo una sbandata. Voglio farle capire l’importanza del matrimonio, l’importanza della famiglia.
    Cosa le è successo? Come può essere cambiata così radicalmente?

    • Ciao Raffaele
      Che dire…purtroppo anch’io da un mese a questa parte sto vivendo lo stesso incubo. Convivo da 7 anni (dopo 10 di fidanzamento) ho una splendida figlia di 2 anni e mezzo ed una moglie del quale sono perdutamente innamorato. Un giorno mi son sentito dire….ti voglio bene…resterai per me una persona importante ma non ti amo piu’…..da quel momento ed ancora oggi, mi e’ letteralmente crollato il mondo addosso….continuo disperatamente a concentrarmi su mia figlia perché in questo momento rappresenta l’unico momento di gioia ma solo quella perché continuo a soffrire….soffro perché anch’io vorrei recuperare la mia compagna ed ho un disperato bisogno del suo affetto, delle sue carezze, e di tutto quello che semplicemente mi dava….l’unica colpa che mi sto dando e’ quella di aver dato per scontato diverse cose quando in realtà non lo erano. Vorrei risvegliarmi ed avere il sollievo di aver fatto un incubo perché in queste condizioni non ce la faccio a vivere…per fortuna ho qualche buon amico ed amica che con il loro affetto e la loro presenza mi stanno aiutando ad affrontare la cosa. Concludo con un filo di speranza perché voglio comunque essere positivo. Ho letto di tante storie come la nostra e molte a distanza di uno o due anni si sono sistemate…a che prezzo non lo so ma mi piace pensare che anche la mia sara’ così ! Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *