Home / SOFFRIRE PER AMORE / Sofferenza Amorosa

Sofferenza Amorosa

[quote style=”boxed”]

La vera sofferenza amorosa si annida alle fondamenta della nostra esistenza, ci stringe inesorabilmente nel nostro punto più debole e pervade ogni cellula del nostro corpo, ogni aspetto della nostra vita. Se siamo disperatamente innamorati, tutti gli altri dolori, preoccupazioni o inquietitudini, diventano la molla che fa scattare questa sofferenza sempre pronta a esplodere.

(da “Il museo dell’innocenza” di Orhan Pamuk – Premio Nobel nel 2006)

[/quote]

Ma perché è così difficile porre fine a storie che non danno altro che sofferenza? La risposta può essere banale e scontata, ma sempre la stessa “La pauradi restare soli!”. Proprio così, la solitudineè un sentimento che accompagna molte persone, anche quando si è circondati da miliardi di amici o familiari, perché non basta avere qualcuno vicino, bisogna avere la consapevolezza che quel qualcuno sia capace di sorreggerci e confortarci nei momenti di crisi e sofferenza. Questa paura è associata al pensiero che non si incontrerà mai nessuno nella propria vita come il proprio ex.

Lui/lei era unico, capace di capirmi, di essermi vicino, di amarmi. Con lui potevo essere me stessa. Con lui ho provato emozioni che non ritroverò più.

Questi tipi di pensieri sono come ancore che non riescono a farti ripartire bloccandoti in una situazione apparentemente senza via d’uscita. Eppure bisogna trovare la forza di sollevare quell’ancora (o meglio quel peso nel tuo corpo e nella tua anima) e ripartire verso nuovi orizzonti.

Il dolore, la sofferenza amorosa, ci fa perdere di vista la persona più importante di questo mondo: Te stessa. Ogni tuo pensiero è rivolto al tuo ex, ai momenti vissuti insieme, alle sensazioni che avevi provato, al calore che riusciva a darti…ma sono sempre concentrati su di lui, non su te stessa.

Ma probabilmente non sai che i pensieri sono così importanti perché possono determinare la tua gioia e non solo la tua “sofferenza amorosa”.

Devi riprendere in mano la tua vita, anche se adesso pensi di non farcela o di non averne le forze devi svegliarti da questo incubo.

La vita che ti aspetta è meravigliosa, al di la di ogni tuo più roseo pensiero, ma devio lottare per riemergere, dare il tuo meglio, alzarti la mattina e sentirti felice perché stai rinascendo. Devi sorprendere te stessa, meravigliarti di te stessa, AMARE TE STESSA!

La guida che ho realizzato ti indica un percorso graduale che ti porterà di nuovo a dormire senza medicine, a mangiare regolarmente, a respirare di nuovo. Ti porterà a sentirti bene con te stessa e così potrai vedere che la realtà che ti circonda è migliore di quello che credi.  Ma non dimenticare che la tua “sofferenza amorosa” non è stata del tutto negativa, anzi, è stata il motore che ti ha spinto a cambiare e migliorare la tua vita.

 

un commento

  1. Il tuo articolo mi da coraggio e soprattutto speranza che le cose possano cambiare. Sono 5 mesi che non riesco a ricominciare a vivere. Lei mi ha lasciato dicendomi semplicemente..non ti amo più. Sono andato via dalla mia casa e sono in affitto a circa 10 km dalla mia famiglia. E si perchè abbiamo due splendidi figli che mi mancano da morire.
    Ho provato a fargli capire quando ci tenessi a lei, ho provato a capire dove la nostra storia si era rotta ma da lei ho avuto pochissime spiegazioni.
    Solo che non vuole più saperne di me, che ha bisogno dei suoi spazi e che deve iniziare una nuova vita…senza di me.
    Non so dove ho trovato le forze per ricominciare, forse nella solidarietà degli amici, nel calore della mia famiglia, nei miei figli che quando sono con me mi riempiono d’amore.
    Non è giusta questa società, è fatta solo di egoismi e da poco spazio alle cose davvero importanti nella vita.
    Adesso ho deciso di riprendere in mano la mia vita, continuare con ciò che di buono già ho…e creandomi una vita migliore.
    Grazie dello sfogo e di avermi permesso di condividere la mia storia.
    Un abbraccio a tutti
    Piero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *