Home / RINASCERE / se una relazione finisce con il tradimento

se una relazione finisce con il tradimento

Vi racconto la mia esperienza.
Sono sposato da 16 anni ed abbiamo tre bambini deliziosi.
Tre anni fa abbiamo una crisi coniugale, io esco di casa per tre mesi, vado a vivere a studio,  ma sono sempre presente a casa: esco quando i bambini vanno a letto e rientro prima che si sveglino.
Nessuno si accorge di nulla.
Dopo tre mesi decidiamo di intraprendere, su sua proposta, un percorso di terapia di coppia su suo suggerimento.
Per due anni ci raccontiamo davanti una persona fantastica che riesce a tirar fuori tutte le mie insicurezze, le mie difficoltà ad aprirmi nella relazione , a donarmi completamente.
Ad Agosto 2013 abbiamo una lite.
A fine settembre, nel corso dell’incontro per la terapia di coppia lei comunica che non voleva più continuare.
Io invece continuo, vorrei migliorarmi anche perchè lo devo ai figli.
Acquisto sempre maggiore serenità.
Il lavoro ne risente positivamente e fatturo come mai negli anni precedenti.
Lei a casa è distante ma non agguerrita.Parliamo poco anche perchè entrambi lavoriamo e tre bambini da gestire non sono semplici.
Li accompagno a scuola, in piscina, li vado a riprendere e cerco di stare con loro il più possibile lavorando la sera al pc da casa fino alle ore piccole.
Vacanze di natale, pasqua, settimana bianca.
Luglio si va in vacanza al mare.
Vacanza fantastica, mai avuto una vacanza cosi bella con i figli partecipi, disponibili al dialogo ed alle alle confidenze.
Lei è un pò fredda ma non vuole parlare di nulla.
La sera del rientro trovo una telefonata sul suo cellulare a notte inoltrata mentre lei dormiva.
Non guardo mai le telefonate di lei, mi fido. io addirittura non ho nessun codice sul mio cellulare non avendo nulla da nascondere.
Meccanicamente leggo il messaggio e ….. scopro centinaia di messaggi che da settembre a Fine giugno lei ed il suo amante si erano scambiati.
Potrete non crederci ma ho avuto un dolore al cuore cosi forte che temevo l’infarto.
da 9 mesi mi tradiva con un conoscente che faceva con me l’amicone ogni volta che lo vedevo.
Ho preso e me ne sono andato di casa.
Per  un mese non riuscivo a pensare , a dormire , a parlare .
Il dolore che ho provato lo può capire solo che è stato tradito dalla persona che si è amata perdutamente, anche più dei miei figli.
Ora provo anche grande delusione e grande tristezza per miei figli.
Li guardo e non riesco a credere che abbia gettato alle ortiche una famiglia per uno che,vista l’aria di tempesta, si è prontamente defilato scomparendo dalla sua vita.
Che ironia?
Le ho sottoposto la migliore separazione che abbia mai redatto in questi anni, senza alcun desiderio di vendetta ma la più equa possibile nell’interesse dei figli.
Lei si dichiara pentita, che è stata una sbandata, una relazione di solo sesso ….come se ciò potesse sminuire quanto accaduto.
Ho letto con attenzione i commenti precedenti e credo che una volta che l’amore si è rotto, è inutile provare a ricomporlo. Non sarà mai lo stesso.
Inizieranno le domande ma è il solo? con quanti prima? mi devo fidare se va a fare la spesa? A chi sta inviando il messaggio? Con chi sta parlando?
Non esiste  un perdono tombale per cose del genere.
Può essere di convenienza per non soffrire più o per i  figli. ma dentro di me so che non voglio più stare con questa donna e che qualunque cosa faccia non cambierà l’immagine che ora ho di lei.
Non merito di soffrire in questa maniera.
In 22 anni di fidanzamento e matrimonio  posso dire con fierezza che non l’ho mai tradita.
mi ritengo una persona seria ed ottimista.
Sono sicuro che seppur dura, la vita mi riserverà delle piacevoli sorprese e nuove conoscenze.
La mia morale, siamo nati per essere felici e se una relazione finisce con il tradimento, ricomponendola non ci sarà più la felicità che meritiamo e che invece potremmo trovare altrove.
Con affetto a tutte le persone tradite.
L’importante nella vita non è essere amati ma amare, solo così si potranno vivere quelle sensazioni che solo chi ha amato può capire.

da: ottimista

6 Commenti

  1. Ciao Ottimista,anche mio marito come ho scritto ha fatto un periodo di uscire quando la bimba dormiva e rientrare la mattina,ma e scusa se te lo chiedo…e` x capire meglio anche la mia di storia.Io non capivo il sup allontanamento e il fatto che fosse presente nella vita di nostra figlia mi faceva stare bene ma mi addolorava il suo distacco da me.Non l` ho Mai tradito e ad oggi mi chiedo perche` allontanarsi….tu non provavi piu` nulla xlei? Per questo dormivi fuori casa?Io non mi spiego come si puo` allontanandosi cercare di non perdersi.Non vuole essere un attacco anzi tu hai fatto davvero tanto x amore della tua famiglia e non 6 stato compreso.Quanto avrei voluto una presa di coscienza da parte sua su quanto stiamo “buttando” per non avere la capacita` e la forza di vedere il Bene.Al contrario di te io non me ne faccio una ragione e Spero di riuscire un giorno a capire cosa ha scatenato tutto questo.

  2. Solo grazie ed ancora grazie delle tue parole. Non riesco ad immaginare il tuo dolore ma sapere come sei riuscito a superarlo ti rende una persona speciale!

  3. Credo deve essere stata davvero dura scoprire che tua moglie ti tradiva con il tizio che con te faceva l’amicone. Entrambi ti accoltellavano alle spalle. Non credo in linea generale nella tua teoria, che cioè un amore rotto non possa rinascere (e dico rinascere e non ricomporre), ma nel tuo caso la vedo davvero dura. Comunque il tuo ottimismo ti porterà a gioire di nuovo, ne sono sicuro!

  4. A marilù.

    Sono uscito di casa per tre mesi perchè sono stato uno stupido.
    Non avevo capito che ero ancora follemente innamorato di mia moglie.
    Il problema era che non riuscivamo più a comunicare ed io non avevo capito quanto fosse difficile essere madre,occuparsi della casa e lavorare contemporaneamente.
    Non mi sono mai perso in quei tre mesi perchè cercavo Lei e nessun altro.
    Ora è finita nel peggiore dei modi, ma sto trascorrendo delle vacanze stupende con i miei tre figli ai quali ho spiegato che per quanto dolorose certe scelte devono essere prese.
    C’è molta differenza tra quello che volgiamo fare e quello che dobbiamo fare.
    Affrontare la vita a testa alta e guardare sempre al futuro con ottimismo.
    Quando la vedo, sola triste e disperata penso a quanto debba essere brutto sapere di aver gettato un matrimonio per …nulla.
    Il mio consiglio è quello di aprirti con lui e dirgli quanto lo ami.
    Bloccalo in un angolo e fagli capire quello che vuoi , che la figlia non ha tolto nulla al rapporto ma anzi lo ha arricchito eche questa ricchezza è a portata di mano
    L’allontamento spesso è un momento per guardarsi dentro.
    Non devi dar troppa importanza al fatto che sia uscito, ma a quello che ne seguirà
    Prova a proporgli di fare una terapia di coppia.
    due anni sono tanti ma sono nulla di fronte all’immensità dell’amore.

  5. Ho 47 anni. Ed ho avuto una relazione con una donna di 28 durata un anno circa. Lei per stare con me ha mollato il suo fidanzato “storico” ma si è reinfilata nel suo letto tre mesi dopo. Ha ciesto scusa ed io ci sono cascato. Altri 4 mesi e di nuovo… Poi lui si è fidanzato con un altra e la tiritera è finita. Se non chè questa persona che per dodici mesi ha urlato ai 4 venti che non voleva perdermi con questi ed altri atteggiamenti mi ha fatto capire esattamente il contrario. Perché una persona se non vuole stare con te non te lo dice apertamente? qual è lo scopo di una vicenda di questo genere che io non riesco a capire? Perché continuare a tenere accanto a se una persona per poi ferirla, tradirla ed umiliarla? ma il problema vero è che alla fine dopo furiose litigate io non riesco a togliermela dalla testa e sto peggio che male… Che fare? Insistere o mollare? E soprattutto come si fa a voltar pagina?

  6. Per tutti.

    Volevo condividere e completare quanto mi è accaduto in quest’anno.
    Credo e spero che sarà un motivo di riflessione per gli altri come lo sono stato per me i post di tutti.

    La vita è bellissima.

    Oggi a distanza di un anno dalla scoperta del tradimento non sono certamente n uomo felice ma sono un’uomo migliore.

    Non ho voluto dimenticare i fantastici anni con la persona che è stata la cosa più importante della mia vita, che mi ha dato tre splendidi figli.

    Ho voluto gelosamente conservare quei momenti.
    Ho affrontato la paura del dolore nel rivedere le foto e le riprese fatte negli anni passati perchè non volevo permettere a nessuno di azzerare la mia vita.
    HO sofferto come solo chi ha amato perdutamente ed è stato tradito può capire.

    Ma poi mi sono concentrato su me stesso continuando a frequentare la mia psicoterapeuta.
    Lo consiglio a tutti, da soli non credo sia possibile superare un lutto come è il tradimento.

    MI sono concentrato su me stesso e sul rapporto con i miei figli e non sul lavoro. Credetemi i soldi non danno la felicità.
    Sono i figli che mi hanno dato la forza per un cambiamento cosi radicale che mai mi sarei aspettato.

    Essendo conscio che mai avrei potuto perdonare il tradimento ho intrapreso e portato a termine la via della separazione, senza rancore ed astio ma con una presa di coscienza dei fatti accaduti.
    Non volevo passare il mio tempo a pensare a cosa avevano fatto, dove, perchè, ma come e cosi via.
    Ho dato un taglio….chi non mi vuole non mi merita. Chi non vi vuole non vi merita.
    Con la mia ex moglie ho un rapporto molto civile ed anche affettuoso direi.
    Lei è li che mi cerca e mi supplica di tornare insieme ogni volta che ci vediamo.
    Mentre prima soffrivo a queste infantili richieste, ora mi fanno sorridere.

    Vedo una donna invecchiata, triste e sola che ha buttato tutto via per nulla.

    Le sue uniche amicizie sono rimaste delle donne separate ed arrabbiate con la vita….che tristezza.

    Il tizio con cui mi tradiva, una volta mi ha visto e pensando che lo volessi menare è scappato come un coniglio,
    a momenti lo investivano mentre cercava di attraversare la strada.
    Ho pensato.. ma davvero mi ha lasciato per uno del genere, dovrà avere altre qualità nascoste 🙂 e sono scoppiato a ridere.

    E’ stata una risata liberatoria.

    Come concludere, il passato fa parte della nostra vita, ma la via continua .

    A tutti in bocca al lupo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *