Home / PROBLEMI DI CUORE / Problemi di Cuore

Problemi di Cuore

Altro che pene dello spirito o sofferenza emotiva: un amore finito fa davvero male e da origine a Problemi di Cuore da cui non si sa come uscirne.  E si tratta di un vero e proprio dolore fisico. Non importano le ragioni della rottura ne da quando durava la storia. Fa un male cane. Lo hanno dimostrato gli scienziati americani, dando così ragione a tutte le persone che almeno una volta nella vita, quando sono state lasciate, hanno provato quella indescrivibile sensazione di spasmo nel corpo che nulla aveva a che fare – e anzi si aggiungeva ad esso- con il tormento del cuore e dell’anima. Diventa quindi un dolore dell’anima e del corpo.

Lo studio, condotto da Ethan Kross dell’Università del Michigan e pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, ha evidenziato che in caso di rottura di una relazione si attivano le stesse aree del cervello che si accendono in caso di un dolore fisico come quello causato da una scottatura. Per la ricerca sono stati esaminati 40 tra uomini e donne le cui storie d’amore erano finite di recente contro la loro volontà.

Attraverso la risonanza magnetica i cervelli dei volontari sono stati studiati mentre i cuori infranti guardavano alcune fotografie degli ex partner e poi mentre subivano uno stimolo di calore molto forte simile a quello che si sperimenta quando si afferra una tazza di caffè bollente. Risultato: identico. Durante l’esperimento il cervello si attivava nelle stesse regioni solitamente collegate al dolore fisico. Chi soffre per amore, soffre anche col corpo, dunque, e non solo con il cuore. Allora diventa necessario porvi rimedio attraverso ogni forma d’aiuto possibile. Amici, uscite, letture, sport, viaggi, passatempi, ogni cosa purchè la vostra mente ed i vostri pensieri possano trovare un momento di pace. E si, perchè il dolore fa dormire poco o nulla e non fa altro che abbassare la stima già provata. I Problemi di Cuore non sono mai da sottovalutare, ma occorre parlarne, discuterne e sopratutto uscirne per ricominciare a vivere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *