Home / PROBLEMI DI CUORE / Non ho il coraggio di prendere una decisione

Non ho il coraggio di prendere una decisione

Sono 5 anni che sto con il mio ragazzo, ci sono sempre stata bene, ma ormai ho constatato che mi annoia. Stare con lui o meno non cambia poi molto la mia giornata, ad una cena da soli preferisco una bella birra al pub con gli amici. Gli voglio molto bene, ho paura di ferirlo e per questo sto ben attenta a non far trapelare il mio disagio, quelle poche volte che mi sono lasciata scappare qualche parola in più ci è rimasto molto male.
Perché non lo lascio?
Perché ho paura di rimanere sola dopo, ho paura di come potrebbe essere la mia vita senza una persona con cui contare SEMPRE e per qualunque cosa, ho paura di non ritrovare più una persona con cui stare bene, perché diciamocelo, con lui sto bene, è gentile, accorto, ed anche lui mi vuole un gran bene. Se io lo lascio, chi mi garantisce che starò meglio? Ma allo stesso tempo, è giusto vivere una relazione con poche emozioni e tranquilla (come quella di due nonnini) alla mia età (24)? Sono combattuta da mesi e mesi, oltre a sentirmi una grande egoista!

da: Anna

8 Commenti

  1. Sai Anna, hai solo 24 anni ma parli come se fossi più vecchia. Alla tua età ti spaventi di restare sola? O che non troverai un altro buono come lui?
    Il punto è che stai insieme ad una persona perché la ami altrimenti come fai a viverci una vita insieme? Accetta le conseguenze della tua mancanza d’amore e chissà, forse una volta che lo avrai lasciato capirai che lui invece è il vero amore…o viceversa incontrerai un altro da amare…è la vita

  2. Lo “ami” ma ti annoia ? Prendi in mano la situazione e cerca di dare una ravvivata alla relazione. Onestamente, la mancanza di iniziativa e la perenne ricerca di scuse mi fa roteare le gonadi .
    Non lo “ami” e ti annoia? Che ce stai a fare insieme ? Non è un fondo pensionistico o L’ACI o chessoio e tu hai tutte le carte in regola per poter badare a te stessa . L'”altro” dovrebbe essere la ciliegina sulla torta
    Peace

  3. Cara, il tuo caso è IDENTICO a quello che ho vissuto io in prima persona 10 anni fa: avevo esattamente la tua età, guarda un po’ che coincidenze, solo che io e il mio ex stavamo assieme non da 5 ma da poco meno di 2 anni. Quando l’ho conosciuto ero in un periodo difficile della mia vita, ero vulnerabile e avevo bisogno di qualcuno che mi facesse sentire importante, benvoluta, protetta. S.M. si è innamorato di me al punto che mi vedeva e mi trattava come un angelo, come una creatura celestiale più che come una vera ragazza in carne ed ossa. D’altra parte lui stesso era un tipo tutto casa e chiesa, dedito al lavoro e alla mamma, niente vizi, niente stravaganze, un tipo calmo, posato, dolce, sollecito, servizievole… davvero troppo. Mi idealizzava e mi riempiva di regali, complimenti e attenzioni anche in presenza dei miei genitori… io ero lusingata,rata, trovavo mi sentivo tranquilla, rassicurata, trovavo in lui un rifugio e una spalla su cui piangere, un compagno devote e affettuoso, generoso e premuroso. Già però anche io come te sono arrivata al punto di rottura, ero stufa della sua mancanza di iniziative, mancanza di volontà, di carattere, di verve, di grinta, di mordente e poi non mi piaceva neanche fisicamente, non c’era patos, non c’era libido. La molla che ha fatto scattare in me la decisione di lasciarlo è stato l’incontro con un ragazzo straniero a dir poco stupendo, il mio ideale maschile fatto persona… tra me e lui non c’è stato nulla a parte due o tre incontri fugaci ma tanto è bastato a farmi capire che avevo bisogno anche di quello, eccitazione, sensualità, emozioni, bellezza. E stata dura perché lui ormai si era fatto mille illusioni, castelli in aria, progetti: era sul punto di regalarmi l’anello di fidanzamento ufficiale e di sicuro di lì a qualche tempo mi avrebbe persino chiesto di sposarlo! Eppure l’ho lasciato, sapendo che ne avrebbe sofferto, che io non avrei più avuto il suo appoggio, ma dovevo farlo, mi sentivo prigioniera, prigioniera di una gabbia dorata ormai troppo stretta. Dopo ho iniziato un’altra vita, nuovo lavoro, nuove frequentazioni, nuove esperienze, gioie e dolori. Lui invece si è fermato là, non ha più fatto niente di nuovo, è rimasto single, non ha smesso di soffrire. Io questo lo so sia per averlo visto con I miei occhi sia per testimonianza di alter persone tra cui una sua vicina di casa che ha parlato con mia madre senza sapere che la ragazza in questione ero io. MI rincresce moltissimo per lui, ma non avevo altra scelta… prima o poi sarebbe finita e allora è stato meglio chiudere a quel punto piuttosto che trascinare avanti una relazione senza senso, almeno per me, peggio sarebbe stato se si fosse arrivati alla vigilia delle nozze o peggio se ci fossimo davvero sposati!!!! NOn sarei mai stata felice e penso neanche lui perché si sarebbe comunque accorto che non lo ricambiavo più, per quanto potevo fingere. Q
    Quindi, morale della favola, prendi il toro per le corna, sii sincera con te stessa e con lui, dai ad entrambi la possibilità di cambiare vita, di seguire un’altra strada perché questa non vi porta da nessuna parte. Io pensavo che si sarebbe potuti restare amici, ma mi sbagliavo … non può esistere amicizia se uno dei due è ancora innamorato. Non farti scrupoli di coscienza… hai diritto di vivere una vita felice e la felicità è una emozione forte… la serenità, la sicurezza, la tranquillità possono aspettare!
    In bocca al lupo

  4. Non sei egoista, tranquilla, sei solo indecisa e tu almeno metti in discussione la tua mancanza di vero amore, molte persone nemmeno lo fanno, stanno insieme solo per abitudine.
    Mi sento di dirti che se non lo ami…allora lascialo, non ha molto senso questa relazione. Lui soffrirà? Certo, anche molto, ma questo succede sempre quando un amore finisce, chi viene lasciato soffre da cani. Ma è anche vero che questa sofferenza lo farà diventare più forte con il tempo e tu ti sentirai pulita dentro, avendo ftto quello che sapevi fosse giusto.

  5. Se già a 24 anni vivi questa situazione non hai molte scelte, lascialo e basta! Egoisticamente hai tutte le paure del mondo se lo lasci ma in fondo non sei più felice con lui, io credo che non lo ami, quindi a cosa ti porterà questa scelta rimandata? Ulteriori sofferenze, dubbi, paure?
    Affrontale una volta per tutte!

  6. Permettimi di dirti che sei una forte egoista. Perchè alla fine illudi una persona che in questo momento ti ama solo per non rimanere da sola e magari tra qualche mese, dovessi incontrare un ragazzo interessato a te e tu a lui non avresti remora di chiudere la tua storia. E’ il caso di pensare bene se lui merita di essere trattato così. Forse dovresti provare a chiudere e renderti conto una volta da sola se veramente lui è importante per te oppure è solo una compagnia per supplire al tuo bisogno di non essere sola

  7. Bah, sinceramente per me non ci sono più valori a sto mondo.
    Chi cavolo vi costringe a stare con qualcuno per anni? Sto con lui ma mi sento sola…e allora stai da sola!!
    Altrimenti finisce al 100% che lo lascerai solo quando conoscerai un altro uomo.
    E come l’hai fatto con lui lo farai anche col prossimo.
    Ma tanto che ci frega? stiamo insieme per anni con qualcuno e poi lo abbandoniamo per noia, però c’è sempre qualcuno che giustificherà tutto questo schifo poichè l’ha fatto anche lui. Eppure nessuno ti ha obbligato a scegliere il tuo fidanzato, forse dovevi esserne un po’ più convinta. Ma oggi ci si mette insieme e ci si lascia dopo anni con una superficialità disarmante.
    Fatto sta che io con una donna come te non ci starei mai. Piuttosto meglio solo.

  8. Sai Anna, mi trovo in una situazione simile alla tua, con in più una aggravante. Ho iniziato una storia segreta e parallela con un uomo più grande di me, poi sono stata scoperta, l’ho interrotta. Ho recuperato il mio rapporto col mio fidanzato, siamo andati a convivere e adesso – a distanza di pochi mesi – ho ricominciato a fare una doppia vita parallela con lo stesso uomo. Io ho qualche anno più di te, ho comprato casa (i miei me l’hanno comprata) e sono andata a vivere con il mio fidanzato con cui sto insieme da più di 10 anni. Eppure qualcosa tra di noi non va, sennò non mi sarei rifugiata in questa storia infernale. Il consiglio che ti posso dare è di parlare col tuo ragazzo, cercare di fargli capire le cose che non vanno, cercare di “scuotere” lui e anche la vostra relazione. Se nonostante tutto le cose tra voi continuano a non funzionare, lascialo. Lascialo, come io non ho il coraggio di fare, lascialo ora che sei giovane. Arriveranno nuove persone, nuove sensazioni e nuove emozioni da vivere. Ti auguro tutto il meglio, Sonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *