Home / SOFFRIRE PER AMORE / Mia moglie mi ha lasciato

Mia moglie mi ha lasciato

Innanzitutto mi presento, sono Carlo e probabilmente la mia storia non è poi così diversa da molte altre, cioè anche mia moglie mi ha lasciato. Probabilmente nel mio caso c’è però qualcosa di originale. Sono sposato felicemente da 7 anni con una santa donna. Così santa che non mi ha cornificato una volta sola, ma più volte. Non ha mai fatto segreto che il sesso le piacesse ma mi ha sempre ritenuto all’altezza delle sue aspettative.  Come dire, finché lo facciamo bene perché dovrei tradirti. Mi ha sempre tenuto sul filo del rasoio facendo allusioni, sempre reiterate, che mai comunque mi avrebbe tradito. Pensavo che ha 39 anni i suoi bollenti spiriti si fossero quanto meno placati, ed invece scopro che se la fa con un ragazzino di 25 anni.

Non solo, ma lei è talmente innamorata che mi ha lasciato!!!  Una volta ripreso dallo shock ho cercato di farla ragionare, gli ho fatto capire che non è più una ragazzina e lei ferita nell’orgoglio (forse si sente ancora un’adolescente) mi ha raccontato tutto, su come, dove e quando lo fanno, che come riesce a godere con lui con me se lo sogna (ma posso competere con i miei 44 anni con un ragazzino di 25?). Penserete che è meglio perderla una donna così, è sono d’accordo. Ma allora perché mi manca? Perché una parte di me la vorrebbe ancora mentre all’altra parte fa letteralmente schifo? No, tranquilli, per quanto mi manchi non ci tornerò mai più!

Devo mettermi il cuore in pace e ricominciare a vivere lo so, intanto va avanti la causa di divorzio, che al momento non è consensuale, perché non ci troviamo d’accordo su nulla. Lei vuole la casa (comprata insieme ma il mutuo pagato sempre da me) e un piccolo mantenimento per i primi tempi, perché io guadagno più di lei a lavoro. Io non voglio dargli un cazz (scusate la parola ma in questo contesto è proprio adatta)! Ma temo che la giustizia sarà dalla sua parte, come dire, cornuto e mazziato!

da: Carlo

6 Commenti

  1. Ma ringrazia il cielo che ti ha lasciato! Ma come fai a stare male per una donna così? festeggia, fa salti di gioia, lei tanto farà altri tipi di salti con il ragazzino e preparati, sii forte, perché quando avrà soddisfatto tutte le sue pulsioni sessuali avrà voglia di avere un vero uomo accanto e farà di tutto per tornare con te. Preparati, devi essere forte, devi mandarla a quel paese, cancellarla dalla tua vita, fare come sia mai esistita, altrimenti …..sarai destinato ad essere cornuto, triste e infelice.

  2. Cornuto e mazziato in tutti i sensi! Però scusami, possibile che non ti eri reso conto di chi avevi al tuo lato?
    Non ti ha mai fatto segreto che le piace molto il sesso e ti ha dato anche dei voti, che bel rapporto che doveva essere il tuo. Poi, ciliegina sulla torta si fa sbattere così bene da un ragazzino che se ne innamora, che donna da sogno che è la tua.
    Ma mandala affanc…. e parla con il tuo avvocato che vi siete lasciati a causa sua, e quindi quale casa e alimenti, si faccia sostenere dal suo baby man!

  3. Ciao Carlo, io posso capirti. Lascia stare il modo brutale in cui ti ha detto la verità, ma un tradimento è un tradimento e basta! Non credo sia la quantità e qualità del sesso a definire un tradimento. Il tradimento nasce prima nella testa, nei propri pensieri, nella consapevolezza che un altro possa darti più del tuo partner.
    Il tradimento oscura tutto ciò che c’è stato, le belle parole, le promesse, tutto gettato al vento perché…nel tuo caso perché tua moglie si è invaghita di un ragazzo, nel mio perché mi ha lasciato per un suo collega di lavoro.
    Le parole poi sono sempre le stesse, lui mi da quello che tu non mi dai più da tempo…sarà, ma credo che la vita sia giusta e che ognuno di noi risponderà dei propri gesti. probabilmente solo con il tempo si renderanno conto di ciò che hanno perso, soffriranno e vorranno tornare indietro, si sentiranno tradite a loro volta.
    Io sono sicuro che questo accade!

  4. Sarebbe davvero divertente questa storia se purtroppo non fosse vera. Non so come fai ad essere triste ad essere lasciato da una putt…. donna così! Come già ti hanno scritto io farei una grande festa.
    PS: ricordati che una donna così tornerà a farsi viva nella tua vita, questa sta con un ragazzino ma sai quanto ci mette a capire che ha bisogno di un vero uomo?! Preparati al suo ritorno per dargli il ben servito!

  5. Salve sono Paolo 50 anni, da un anno vivo spesso fuori da casa per problemi di lavoro, sono sposato da 19 anni ed abbiamo due figli di 16 e 10 anni. qualche giorno fa di ritorno dopo un mese a casa, mia moglie mi ha accolto in maniera freddissima e di li a poco alla mia richiesta di spiegazioni mi ha detto che non mi ama più e che per lei è finita. alla mia richiesta di su quali fossero i problemi, ha tirato fuori veccchi rancori ormai sepolti da tempo, tanto da farmi sentire un mostro, dicendo, dopo anni di apparente calma, che quelle cose le aveva ingoiate e non superate. detto questo dopo aver discusso in maniera tranquilla sono ripartito per non turbare anche i miei figli e da subito ho cercato di essere più attento ai suoi spostamenti e ai cambiamenti di abitudine. l’ho trovata online su whatsapp alle 6, alle 2, alle 3 del mattino, lei che alle 21:30 era già a letto, mi è capitato di chiamarla più volte quando era fuori casa e spesso non mi rispondeva al telefono. Credo mi stia tradendo e credo che mio figlio di 16 anni si sia accorto di qualcosa. cosa faccio con mio figlio, è sbagliato a questo punto coinvolgerlo? Cosa faccio, affronto l’altro per essersi insinuato nella nostra famiglia in un momento nel quale eravamo molto deboli? sono disperato, come mi devo comportare per riprendermi mia moglie e la mia famiglia??

  6. Ciao, sono Enrico, ho 40 anni.
    Mi sono innamorato di una donna di qualche anno più grande, al punto da chiederle di sposarmi.
    Quando lo feci le mie prospettive professionali erano delle migliori, mi sentivo pronto ad intraprendere un viaggio accanto ad una persona meravigliosa.
    Da quando ci siamo conosciuti al chiederle di sposarmi sono passati pochi mesi.
    Per lei cambiai totalmente i miei piani di vita, chiesi uno spostamento della sede lavorativa e lo ottenni.
    Fin quando…persi il lavoro.
    Cosciente della gravità della situazione, ma carico di ottimismo e buoni propositi mi misi a cercarne subito un altro. Nel frattempo ci sposammo.
    Lei lavora, quindi il problema non si sarebbe posto, almeno avrei comunque cercato un altro lavoro con delle condizioni uguali al precedente se non anche migliori.
    Il matrimonio è durato davvero poco.
    Meno di un anno.
    Esattamente otto mesi.
    E dire che mio padre mi avvertì. Aveva il sentore che in lei ci fosse qualcosa di…non so spiegare.
    Iniziammo a litigare per stupidaggini, niente più sesso, niente più affetto, ma solo liti furiose sui soldi. Iniziò a lamentarsi di non poter fare più la manicure settimanale, le ciglia finte, la tinta ai capelli, la dieta da modella, lo shopping. Come se non avessi fatto sacrifici anche io. Mangiando pasta in bianco, non pranzando per settimane, non comprando neanche un paio di calzini. E per carità, sacrifici che anche lei ha fatto.
    Sono tornato a casa dei miei genitori (a 39 anni), umiliandomi, per poterle far risparmiare qualcosa, ho inviato un numero impressionante di curriculum in giro per cercare un lavoro, ma non ho neanche avuto il garbo di una risposta. Io voglio cercare di sanare la nostra relazione ma lei non me lo permette, non vuole. Mi tiene lontano. Ieri la decisione definitiva di lasciarci.
    Perché ogni parola, ogni inflessione di voce, ogni movimento viene interpretato come un attacco personale.
    A ben analizzare tutto, mi sarei dovuto accorgere di tante cose.
    L’ultima telefonata è stata così glaciale e così fredda da raggelarmi il sangue.
    Sono settimane che “mi bevo le lacrime”.
    Mai di fronte a lei, mai di fronte alla mia famiglia.
    Ho un esaurimento nervoso talmente forte da non riuscire a dormire, a mangiare e a concludere nulla di concreto.
    Mi ha distrutto.
    Non so se abbia già un altro, nonostante sia solo una settimana che non viviamo più sotto lo stesso tetto, ma non mi meraviglierei. A parte l’essere una donna molto piacente, con me si è comportata in modo alquanto equivoco.
    Stava da una decina di anni con un uomo che non amava ma che non lasciava. A suo dire era sul punto di farlo da tanto tempo. Diciamo che stava con lui per avere le vacanze estive all inclusive.
    E’ chiaro che forse al momento sta parlando la rabbia, la delusione. Delusione per aver fatto le scelte sbagliate nel momento sbagliato. Non avrei mai dovuto rinunciare alla mia carriera in favore di qualcosa di inconcludente. Avrei forse dovuto conoscerla meglio, lo so. Me ne prendo la responsabilità. Ma soffro.
    Adesso soffro come non ho mai sofferto in tutto il mio passato.
    Non sono mai stato un tipo da tante donne, non sono un amante delle esagerazioni sociali e non amo il caos, quindi non ho un vissuto amoroso fatto di storielle e avventure. Forse è questo che non va. Non ho mai “cercato”. E forse avrei fatto bene a comportarmi come tutti i miei coetanei, cercare solo sollazzo fisico, ‘che i sentimenti, sono una complicazione estremamente dolorosa. Non credo più alle lacrime di coccodrillo di nessuno, ho perso la voglia di vivere.

    Chiedo scusa a tutti per lo sfogo.
    Non c’entra nulla col thread, lo so.
    Ho solo bisogno, forse, di condividere le mie sensazioni con qualcuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *