Home / SOFFRIRE PER AMORE / Mi fa soffrire la sua indifferenza

Mi fa soffrire la sua indifferenza

Ciao a tutti, io sono stato lasciato tre settimane fa. Ho richiamato, ho parlato ho scritto e ovviamente non è cambiato nulla. Sto idealizzando, sto pensando, sto rimpiangendo, mi sto pentendo di errori fatti, nonostante tutto quello che leggo nel post purtroppo faccio fatica a non addossarmi tante colpe anche se è vero che la colpa è sempre di entrambi.
Il problema è che lei lavora dove sono io e che la cosa mi sta facendo odiare il mio lavoro che invece amavo, l’azienda è grande e se voglio posso non vederla, appositamente non sto andando in mensa per non incrociarla.
Oggi è il primo giorno che sto provando a non scriverle ne chiamarla, non so ancora se ce la farò ma vorrei tanto.
La cosa che mi fa più soffrire è tutta questa indifferenza, mi chiedo come sia possibile cancellare così una persona, io non sono così, a suo tempo quando io avevo dei dubbi e avevo paura di soffrire e mi ero allontanato sapevo come si sentiva e la cercavo comunque per consolarla e poi un po’ alla volta ho finito per innamorarmi veramente di lei.
Ho tanta paura di finire in depressione, ho perso l’interesse per tutto, ho perso peso (tanto), non trovo nulla che mi dia sollievo se non l’idea di poterle parlare, vado da uno psicologo che mi ha consigliato uno psichiatra per prendere dei farmaci antidepressivi La cosa mi spaventa e per ora non lo sto facendo, ma ho tanta paura che questa condizione durerà per sempre e di aver perso quella che invece era la persona giusta e che sarebbe bastato veramente poco per stare bene insieme, certo con il senno di poi sembra semplice ma sono quasi convinto che sia così.
Ho voglia di parlare con persone che si trovano nella mia stessa situazione, quanto meno per sostenerci a vicenda…scrivetemi se ne avete voglia, mi farete felice…

da: Paolo

72 Commenti

  1. Ciao Paolo, non so da quanto tempo stavate insieme ma so quanto fa male. Io dopo 8 anni di fidanzamento l’ho vista andare via indifferente al dolore che mi provocava. Quella persona che aveva condiviso tutto con me se ne è completamente fregata del fatto che soffrissi. Certo, poi sentendo le persone a me vicine c’è chi dice che c’è poco da fare, quando è finita è finita, meglio un distacco netto! Io non la vedo così o forse la mia sensibilità non mi avrebbe mai fatto comportare così.
    Fattene una ragione, cadere in depressione sembra quasi inevitabile ma vedrai che ti alzerai più forte di prima!

  2. Guarda che la sua totale indifferenza può aiutarti a capire che è finita!
    certo che lo fa per se stessa, per non sentire sensi di colpa, ma lo fa anche per te così che non ti fai false speranze.
    personalmente preferisco un taglio netto che forse fa soffrire più all’inizio ma permette di ricominciare una nuova vita in poco tempo a quelle storie che non finiscono mai perché ci si sente e risente

  3. Ciao Paolo, io ho scritto pure la mia storia qui sopra (vero amore o vero incubo) perché mi è successa una cosa molto simile. Sono stata fidanzata per 2 anni ed il mio così detto “fidanzato innamoratissimo” di me, dopo avermene fatte di tutti i colori incluso rubare soldi dalla mia famiglia ed insultarmi e trattarmi generalmente male, io che l’ho perdonato tutto perché pur che sembra banale lo amavo davvero tanto, fin al punto che la mia famiglia non mi parlava più perché dicevano che mi trattava troppo male. Ma me ne fregavo, ho solo dato amore, e lui pure mi dava tanto amore, poi iniziò a trattarmi sempre peggio finché tutto ad un tratto, mi lascia, si mette con un’altra (nell’arco di meno di un mese) e se non bastasse, lei adesso è incinta, lui va a giro felicissimo, ed è come io non fossi mai esistita. Fin a pochi mesi fa stava ancora con me e io ci soffro ancora. So che non era la persona giusta ma mi fa male anche a me la sua indifferenza o il modo che lui va a giro come se non fossi mai esistita. Ti capisco del tutto, però posso dirti come persona che ci ha sofferto davvero tanto che, la cosa che più mi ha aiutata era non sentirlo più. A volte il peggior male è l’unica cura per stare di nuovo bene. Purtroppo questa è la vita e me ne sto facendo una ragione che le cose cambiano ed i rapporti finiscono. Mi dispiace per la tua sofferenza, io in pochi mesi però sto ancora nella fase di recuperare me stessa e star meglio, e pian piano ci sto riuscendo perché sto notando che ogni giorno fa un po’ meno male. Ti auguro anche a te questo ricupero al più presto, so che fa male, ma se hai voglia di parlarne ti offro il mio sostegno morale come persona che ti capisce davvero tantissimo in questo momento

  4. Ciao Paolo,come vedi…magra consolazione,non sei solo! Sto` anche io attraversando un brutto periodo, ho scritto la mia storia poco tempo fa. Non ho capito una cosa della tua storia, ti ha lasciata senza chiarimenti? Tu le scrivi e vuoi parlarle xche` non ti ha dato spiegazioni o perche` non accetti la sua scelta? Se ti va` siamo qui x ascoltarti.

    • Ciao Marilu’, io ho letto tutta la tua storia. Come è finita poi? scusami se torno su un argomento vecchio, ma spero sempre in un lieto fine.

  5. Ciao Paolo,
    La mia storia è finita da otto mesi dopo cinque anni. A volte mi sveglio dicendo che sono solo un ragazzo di 28 anni, altre volte mi sembra che questi 28 anni abbiano le cifre invertite! Non c’è stato minuto che io non abbia pensato a lei, il nome con il quale mi firmo è appunto il soprannome che scherzosamente le ho dato alcune volte! Non accetti quello che è successo perché ti fidavi, perché la amavi e la ami! Non ho soluzioni da darti perché io non ne ho trovate! Sono qui a leggere queste pagine dopo otto mesi alla ricerca di risposte che non ho! Ossessione? Amore? Ricordi? Forse sono la causa, ma la verità è che sto male, sto male come i miei amici non riescono a capire, sto male come la mia famiglia non riesce ad accettare! Probabilmente sto male come lei non riesce ad immaginare! Ma pensi che se qualcuno capisse quello che provi in questo momento cambierebbe qualcosa? Ho maturato alcune idee in questi otto mesi. Non cambierebbe assolutamente nulla se lei sapesse quello che provi in questo momento! Non cambieranno nulla le mi parole! Anche la mia ex ragazza non mi ha più chiamato dopo che mi ha lasciato! Senza che i suoi atteggiamenti fossero cambiati, otto mesi fa, nascondendo le sue paure e i suoi dubbi, mentre io le stavo portando la colazione una mattina come tante, mi ha trattato male e poi mi ha lasciato dopo il litigio inspiegabile che seguì da li a poco! Il giorno più inspiegabile della mia vita! Dopo aver scritto i soliti “ti amo” due sere prima, dopo i “mi manchi” e tutte le dolci parole che si usano! Cinque anni e non una chiamata in otto mesi. Sono una persona solitamente forte, ma la semplicità e la follia di quello che a me sembrava una pazzia di un momento mi hanno letteralmente ridotto uno straccio! Sono quasi sempre in camera, un continui pendolo tra rabbia e dolore! Le cose che sono successe sono tante, l’ho cercata, l’ho chiamata e non volendo allontanata sempre di più. Ho lasciato di me un ricordo che non meritavo perché, Paolo, ogni cosa che farai in questo momento non avrai la tua ragazza a giudicarti ma una persona che non ti sopporta più! Ogni cosa sarà mal vista, anche quando tu penserai di fare del bene! Ho letto ovunque: NON LA CERCARE PIU’, ma non ci sono riuscito e non ti nego che ancora adesso fatico! Se scrivo su facebook è come se scrivessi a lei (anche se ho cancellato il suo contatto), ma sai scrivi pubblicamente magari legge! Ho cancellato il suo numero, che tanto conosco a memoria ma forse un giorno dimenticherò! Frequentiamo la stessa Università che voglio lasciare, ma non riesco perché mi sembrerebbe di aumentare il fallimento di me stesso che sto provando sulla mia pelle! Niente mi fa sorridere, ho fatto un solo esame in un anno, ho preso 30 e lode, il primo nella mia vita e non ho avuto nemmeno un sorriso, non studio da mesi ormai… Paolo ti capisco, davvero, perchè ho la sensazione che tu stai male ma non quanto sto io e probabilmente leggendo queste righe avrai pensato questa cosa anche tu! Ognuno di noi pensa di provare un dolore che altri non hanno provato! Questo un po ci accomuna! Se ha amato una persona più di stesso non troverai conforto in luoghi comuni, nelle frasi di Oscar Wild o di Neruda! Non troverai rifugio nell’orgoglio, non troverai distrazione tale da non farti chiudere gli occhi bagnando un cuscino! Non credere che era una relazione malata, che tu eri dipendente se soffri tanto, che soffri perché non ami te stesso, che forse sei insicuro…. reputo queste frasi di un’enorme superficialità che solo chi non si è ancora innamorato può dire….. Paolo spero che tu ti senta meno solo e ti do solo un consiglio. Nella vita non si può mai sapere (e queste parole sono pericolose e sai perché: perché sono parole di speranza che a volte fa solo male). Ma ti dico non ti negare nessuna possibilità, se riesci lasciala andare… potessi stare al tuo posto in questo momento, ti invidio… non farei niente..perché mi sembra di essermi negato anche la possibilità di tornare insieme…proprio così, tu stai soffrendo ed io ti invidio! Fidati, lasciala andare… ti lascio una frase inutile e significativa: “Che io possa avere la forza di cambiare le cose che posso modificare e la pazienza di accettare quelle che non posso cambiare e la saggezza per distinguere la differenza tra le une e le altre.” ….Io ancora non sono saggio abbastanza… un abbraccio M.

    • ciao possiamo contattarci? ho letto la tua e mail di risposta e mi ha molto

    • Ciao, posso sapere come mai hai cancellato i suoi contatti? Perché io sto vivendo una situazione simile, nel senso che mi ha lasciato e poi dopo non mi ha più risposto, ma non mi ha bloccato né cancellato…e allora perché non rispondere?! Ora sono 3 giorni non le scrivo…

  6. Sciura` sei riuscito a farmi piangere, mi hanno colpito profondamente le tue parole. Ho fatto anche io l` errore di continuare a cercarlo e la speranza non mi solleva.
    Paolo,lasciala andare e se lo vorrà` tornerà`. Purtroppo non sempre si ha la capacita` di rispettare i tempi dell` altro sempre che sia questione di tempi di riflessione, io non l`ho avuta e non ho avuto nemmeno una spiegazione, da gennaio e` andato via di casa e quando viene a prendere la nostra piccola devo trattenermi. Vorrei aprire la porta e abbracciarlo x l`eternità`ma poi mi dico, e` venuto x la piccola non x me…a stento mi saluta e io ogni volta perdo un pezzo di me. Vi sono vicina

  7. Mi dispiace molto Marilù… ogni tanto mi aiuta pensare, che è unico ciò che proviamo per una persona, ma non è unica la persona! Che infondo quel che c’è di bello vive nella nostra testa, nei nostri sogni, nella nostra immaginazione! Forse è un peccato che queste persone non si vedano come sono viste da noi, è ancora più triste che queste persone siano peggiori di quel che immaginiamo, però di una cosa sono certo….voglio essere innamorato di qualcuno che mi sappia risollevare da questi momenti non che ne sia la causa… voglio dare la possibilità a me stesso di dire.. Ah questo è veramente l’amore non quello che adesso credo che sia! Perché voglio sperare che l’amore sia molto di più di quel che ho conosciuto, perché non può essere amore quel che provo in questo momento! Ma questo è un pensiero che è figlio della serata, domani mattina ne ho un altro, domani sera ne ho un altro…. la solita confusione… però Marilù ti sono accanto…Paolo ti sono vicino… forse siamo tutti dietro uno schermo a pensare… forse chiuderemo e ci sentiremo cadere nell’abisso dei sogni che a volte sono troppo lucidi… ma stasera mi piace pensare che tutti abbiamo i nostri momento bui… noi lo stiamo vivendo ora, passerà anche per noi o troveremo il modo di farlo passare… un bacio alla tua bambina… M.

  8. Grazie,chissa` se un giorno ciascuno di noi ritrovera` il proprio equilibrio e benessere,Le tue parole mi riempiono il cuore.Mi sento sola ma e` anche vero che ho allontanato tutti x non essere noiosa e non di compagnia.Sono diventata un` altra persona,ho perso il sorriso e la gioia ,io che ero un vulcano di allegria.Tutti mi dicono di uscire e andare avanti ma al massimo vado al parchetto con il mio angelo di 4 anni,solo lei mi da la forza di andare avanti anche se avrei voluto darle una famiglia.Grazie e un abbraccio a tutti

  9. Non sono stata capace di donare alla nostra “meraviglia”la gioia di vivere in una famiglia con un papa` e una mamma e non riesco a non farmene una colpa.Non avra` una passeggiata mano nella mano,e anche quando vado al parchetto e` una sofferenza vedere le coppie che si divertono con i propri figli ed io li` a un passo dal trattenermi x non piangere a dirotto,cosa che faccio quando lei si addormenta,o quando non riesco a trattenermi do la colpa al trucco,guai a sentire una canzone anche quelle dei cartoni riescono a farmi venire il magone.Scusatemi

  10. E` incredibile quanto il nostro cuore e la nostra mente possano dare in termini di Amore e Sensibilita`.Io ve ne regalo un po`….Amare non costa nulla …e` il Soffrire che non ha prezzo.

  11. “mi chiedo come sia possibile cancellare così una persona, io non sono così”

    Nemmeno io.
    Ma di teste di c. è pieno il mondo, ahimè! Ora lo sai anche tu.

  12. “personalmente preferisco un taglio netto che forse fa soffrire più all’inizio ma permette di ricominciare una nuova vita in poco tempo a quelle storie che non finiscono mai perché ci si sente e risente”

    blablabla…i soliti luoghi comuni che vanno benissimo prima dei vent’anni, ma dopo…in termini pratici significano solo: USARE LE PERSONE COME FOSSERO OGGETTI CON UNA SCADENZA

    Poi magari si scopre che Paolo e la sua ex sono stati insieme per tanti anni, e che tra un po’ di tempo lei si fa viva con la coda tra le gambe. Vediamo se non sarà così visto che sono tutte uguali ste storie, come una fotocopia.

    Ma finitela con ‘ste paraculate, donne!
    Cominciate a tirare fuori le palle sì, ma quelle di AVER CORAGGIO DI TENERVI L’UOMO CHE AVETE SCELTO E CHE VI AMA.
    Di questi tempi lasciarsi dopo anni per futili motivi va di moda, quindi diventa troppo facile trovare delle scuse per giustificare il gesto. Oserei dire banale. Basta controllare nel Manuale delle Cazzate Femminili.

  13. A me pare che tu sia a dir poco maschilista,guarda la realta.Ogni storia e` una storia a se` e non sempre il Manuale delle cazzate femminili di cui tu pare sia accanito lettore e` cosi lineare.Leggi i racconti e magari soffermati a riflettere.Leggi la mia storia…le mie riflessioni e se ne sei capace,commentala criticamente ma con giudizio!!!!Tu forse non ha MAI conosciuto l` amore.

  14. Ma tu stai scherzando. O sei completamente impazzita.
    Come ti permetti di giudicare chi non hai mai conosciuto prima? Cosa ne sai che io sia veramente un maschilista o che non abbia motivi seri per dire cio che ho detto? cosa ne sai che non abbia conosciuto l’amore nella mia vita?
    Non è possibile scrivere simili sciocchezze, andiamo!
    Il Manuale delle Cazzate Femminili lo conoscono in media tutti gli uomini, fin dai tempi dei primissimi approcci.

    Io mi chiedo piuttosto come sei messa con la tua integrità per giudicare qualcuno con zero elementi per poterlo fare….

  15. E` proprio la mia integrita` che mi ha fatto ribollire il sangue x come ti esprimi sul genere femminile.Io non ho preconcetti sia l` uomo che la donna hanno i propri limiti ,debolezze o chiamali come vuoi…e ci sono storie dove e` l` uomo che scappa x non avere le capacita` di affrontare le difficolta e i momenti di criticita` che in una coppia possono manifestarsi tanto quanto le donne.Ho ritenuto il tuo un accanimento unidirezionale.Tutto qui.

  16. Paolo sta male e pian piano dovra` accettare e andare avanti,e per esempio anche io sto sempre piu realizzando che non puoi costringere l` uomo che ami alla follia e con il quale hai costruito una famiglia ad amarti…Mi ha amato e adesso non piu`,dobbio farcene una ragione e imparare a rispettare le decisioni dell` altro.E` doloroso ma nom c` e` soluzione,io continuo a dirmelo e forse un giorno trovero` il mio equilibrio,vome spero che cio` avvenga x tutti coloro che in questo momento stanno vivendo il proprio dolore.

  17. Io ho 27 anni , è già la terza volta che rimango scottata da una storia d amore .. Ci metto l anima e se ne vanno .. Ci siamo lasciati il 31 luglio , era un ragazzo d oro , avevamo progetti sul futuro ma ora totale indieffernza (da parte sua) l ho lasciato io per uno sbaglio che lui ha commesso ( e anche grande) ma l ho lasciato solo per fargli capire che aveva sbagliato , ma nella sostanza mi ha lasciata lui perchè da quel giorno si è fatto sentire solo il giorno dopo per ribabire che gli facevo schifo e altri insulti .. Un paio di hiorni fa gli ho mandato un messaggio per dirgli che mi manca .. Ma nessuna risposta .. L ho chiamato ma nulla .. È proprio indifferente .. Dopo un anno in simbisiosi ha ripreso la sua vita in mano .. Amici , ragazze e discoteca .. Credo che non mi abbia mai amata e forse è questo che fa più male .. Ma anche l indifferenza è una risposta .. E non so se riuscirò ad accettarlo ( a vbreve termine) sto comunque cercando di non farmi più sentire anche se è dura

  18. Ciao Paolo come stai?!

  19. sciurà hai epresso tutto il mio stato d’essere con parole migliori rispetto a quelle che avrei potuto trovare. Dopo un anno io sto ancora così… e non servono psicologi e antidepressivi…vorrei solo dimenticare

  20. delle volte indifferenza e solo una difesa per i dolori subiti, in una storia o eè un accumulo di tante storie,non solo d’amore.. ci si impara essere indifferenti,per chi è una persona sensibile ed emotiva è unica arma e unica forza…in altri casi indifferenza si applica , perché è indifferente per davvero.. non glie ne frega niente.. a me ora per esempio frega eccome.. ma per la sua sparizione non ho fatto una piega.. niente di niente..semplicemente non si è presentato per appuntamento e nemmeno mi ha avvisato.. e io niente… rimango cosi.. indifferente e fredda.. devi imparare essere duro e forte.. in ogni istante nella vita..se sai che non ti meriti il trattamento simile non reagire.. rispondi con il tuo silenzio e con il tuo non fare niente.. indifferente.. aria.. con tempo il dolore passa..e ti resta indifferente davvero..

  21. sciurà..leggo te e leggo me stessa..sono due anni che vivo questo incubo..

  22. Io sono dovuto arrivarci all’indifferenza ed è la seconda volta. Ci provi a non far finire tutto e a mantenere nonostante tutto qualcosa di bello per non buttare tutto e per non soffrire il silenzio più brutto che esiste, quello della persona che vorresti sentire e vivere ogni attimo della tua vita ma stavamo arrivando a distruggerci attimi di infinita dolcezza in cui bastava dire la parola sbagliata che diventavano litigi furibondo in cui vince la rabbia tanto da aver capito che la mia presenza ormai per lei era più un dolore che una gioia.Non posso essere io a guarirla da un dolore che le ho causato io stesso sentendomi dire di continuo che io non soffro sto bene e cattiverie di tutti i generi che mi farei anche dire se servisse ma la vedo quanto sta male e si trattiene perchè mi ha chiesto di rimanere solo amici ma ogni tanto si lascia andare per poi riprendersi subito con immani sofferenze da parte di entrambi e io no riesco a dirle di no quindi ci sto male e vedo lei stare male perchè vuole resistere ma ogni tanto non ci riesce(senza arrivare a chissà cosa già il pensarmi in certe situazioni che non ci sono più) e non ha senso sentire quella sua falsa freddezza composta che no so a cosa la possa portare quindi l’ultima volta che abbiamo litigato ho reagito cosa che normalmente non faccio e l’ho trattata male nella speranza che ci aiuti ,soprattutto a lei, a staccarsi da me visto che è quello che diceva sempre di voler fare.
    Volevo solo far capire che quando si sta malissimo l’indifferenza non è altro che una protezione che si fa a se stessi e anche a chi si vuol bene per farla uscire dal vortice in cui si finisce.