Home / Matrimonio in crisi / L’amore fa male anche quando è sbagliato

L’amore fa male anche quando è sbagliato

Ciao a tutti. prima di spararmi addosso. Perché so che lo farete. Leggete tutto quello che ho scritto, per favore. Magari sparerete lo stesso. ma almeno saprete tutto. Ho 46 anni. Sposato da 12 e con un bambino. Per cinque anni ho avuto una specie di relazione (dico specie perché non ho mai capito se lei era la mia amante o meno) con una collega. Lei era fidanzata con una persona da oltre vent’anni con cui, a detta di lei, non aveva più alcun tipo di rapporto sessuale. Ho conosciuto questa donna al lavoro in uno dei tanti periodi in cui il mio rapporto con mia moglie andava male. Francamente il nostro rapporto non va bene da quando ci siamo sposati! La verità è che non dovevamo farlo. Ci siamo sposati dopo oltre dieci anni di fidanzamento, proprio quando ormai il nostro rapporto era già logoro.

Da perfetti stupidi abbiamo pensato che sposandoci le cose sarebbero andate nel verso giusto. niente di più sbagliato. Ricordo ancora le mie lacrime dentro la doccia in un hotel di New York in pieno viaggio di nozze. Dopo tre anni dal matrimonio però è nata la cosa più bella della nostra vita, nostro figlio. Bello, sano, figlio unico, ma soprattutto dolcissimo e attaccato ad entrambi. Ma non solo, lui vuole sempre che io e mia moglie stiamo vicini, che ci teniamo per mano. Non so da quanto non facciamo l’amore, nel vero senso della parola.

Io non riesco nemmeno a sfiorarla. Ecco, la mia “amante” si è inserita in tutto questo. Però giustamente, lei mi ha detto di scegliere, ovvero o lasciare mia moglie o perdere lei. Io non me la sono sentita di fare del male a mio figlio e le ho detto di no. lei mi ha lasciato. Sono passate poche settimane e mi sento tremendamente solo. triste. So di non aver alcun diritto né a parlare ne a pretendere nulla. Ma l’amore fa male anche quando è ingiusto o sbagliato. Io questa donna la amavo. Ma amo anche mio figlio. Eppure mi sento a pezzi, non ho più voglia di niente e di nessuno. non ho nemmeno qualcuno con cui posso parlare di questa storia. nessuno lo sa.

Ovviamente a casa mia moglie mi vede triste ma essendo molto diversa da me la cosa non la percepisce. io sono una persona sensibile (sembra strano vero?) lei invece è molto concreta, pratica, poco propensa a romanticherie varie. Per lei fare l’amore il sabato sera è un biglietto da staccare, che si deve fare. io non sono cosi. Certamente le nostre enormi differenza caratteriali ci hanno portato a questo. Anche se sono certo che se lei leggesse tutto questo la parte che non capirebbe sarebbe proprio il nostro apporto che sicuramente per lei non ha mai avuto alcun problema se non il carattere un po’ chiuso del sottoscritto. Scusatemi se mi sono dilungato troppo. La verità è che stò male e non so come uscirne anche perché sono conscio che sia giusto cosi. Del resto lo sapevo fin dall’inizio che sarebbe finita così. ma non riesco ad accettarlo..

da: Claudio

3 Commenti

  1. Io non me la sento di giudicarti, d’altronde se sei qui perché cerchi una soluzione o quantomeno un punto di vista diverso.
    Prendilo come un consiglio per smuoverti.
    Parto da un presupposto, trovo ipocrita quelle persone che dicono di non lasciare una moglie che non amano per il bene dei figli. Conosco molti figli di genitori separati che crescono bene e felici, soprattutto quando c’è il rispetto tra ex.
    Sarebbe più corretto dire che se avessi avuto coraggio avresti lasciato tua moglie, ma non c’è l’hai fatta. Allora la colpa del tuo malessere non è in un amore impossibile, sei tu che lo hai reso impossibile per mancanza di coraggio.
    Cmq mi sfugge anche l’altra donna, capace di stare con un uomo, fidanzata da 20 anni, senza lasciarlo.

  2. Credo che chi frequenti questo forum lo faccia non per giudicare ma in primis per capire se stessi ed alle volte poter esprimere un consiglio, non avrebbe senso giudicare perchè in fondo con poche righe di racconto cosa si potrebbe dire?
    Io non condivido il titolo del tuo post, l’amore quando fa male è sbagliato perchè quando definiamo un amore sbagliato, non ci rendiamo conto che questo non è amore!
    Mi spiace molto percepire la tua sofferenza, non saprei davvero cosa consigliarti per riuscire a risalire. Credo che dedicarti a tuo figlio, potrebbe essere un gran toccasana, in fondo in tutta questa storia che hai raccontato, l’unica persona che puoi dire di amare veramente e che ricambia il tuo sentimento è proprio tuo figlio e fidati che funziona perchè io da una triste storia sono uscito proprio grazie all’affetto del mio nipotino di 2 anni che stravedeva per lo zio. In bocca al lupo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *