Home / RIFLESSIONI / La sofferenza dei figli

La sofferenza dei figli

Salve a tutti mi descrivo in due parole per poi raccontare la mia storia ho 20 anni non credo di essere stato voluto sono “capitato” ho una mamma di 40 anni  e un padre di 42.
Da quando ho memoria ho vissuto sempre tra litigi. I miei litigavano in continuazione per un solo motivo. Mio padre tradiva mia mamma.Oggi era la collega, domani era una conosciuta sul posto di lavoro, poi un’altra conosciuta in palestra. Mia mamma scopriva sempre tutto ed erano litigate furiose. Tante volte da bambino chiedevo a mio padre di non far piangere la mamma ma lui se ne infischiava. A 15 anni ho chiesto io a mia mamma di separarsi, lei in un primo momento non era d’accordo poi gli ho fatto capire che un figlio è più sereno senza litigi. Sono stato affidato a mia mamma in teoria dovevo vedere mio padre il fine settimana ma questo capitava raramente. Mia mamma fessa fino alla fine non ho mai voluto nulla e lui non ci ha mai dato nulla. In tre anni l’avrò visto 10 volte. Il giorno del mio 18º compleanno ho chiuso tutti rapporti con lui e lui da quel giorno sta soffrendo. Nel frattempo mia mamma ha iniziato una nuova relazione con un uomo fantastico la riempie di attenzioni ed ha un buon rapporto con me, questa cosa mio padre non riesce a digerirla. Ha anche cercato di riavvicinarsi con mia mamma ma ha trovato una porta chiusa … finalmente!
Mi sono un po’ dilungato nel raccontare la mia storia e capisco che è una storia fuori luogo su questo blog.
Assodato che il marito o la moglie ad un certo punto non si ama più ma si pensa al dolore che si provoca ai figli? Secondo me non si dovrebbe tradire anche per amore dei figli oppure in alternativa avere il coraggio di chiudere una relazione assumersi tutte le responsabilità, le conseguenze delle proprie azioni. Non è vero che i figli crescono meglio in una famiglia. Crescono bene in una famiglia unita. Io ricordo solo liti, urla, cene saltate,feste rovinate.
Da due anni non parlo con mio padre (mia mamma che continua a dire che dovrei parlare con lui). A 42 anni si ritrova solo, ha perso il lavoro, le sue amanti naturalmente non vogliono avere a che fare con un disoccupato. A 42 anni è iniziato la sua parabola discendente. Ed a me non dispiace nemmeno un pò. Da due anni anche i miei nonni paterni hanno chiuso i rapporti con me.

da: Carlo

un commento

  1. Carlo, hai introdotto un argomento interessante, perche’ volenti o nolenti i figli contribuiscono alle dinamiche familiari quando le cose vanno bene fra i coniugi, immaginiamoci quando il rapporto si e’ gia’ incrinato.
    Nel mio caso hanno funzionato da ritardante, sono certo che mia moglie abbia atteso anni il momento giusto per tradirmi per evitare di perdere la custodia, nel suo mondo lontano dalla realta’ questo sarebbe dovuto bastare per mantenere il suo ascendente sul figlio consentendole nel frattempo di fare i suoi comodi.
    Nel mondo reale il ragazzo aveva gia’ scelto me, perche’ in questi 20 anni e’ a me che si e’ rivolto quando qualcosa non andava bene, sono io che ho cercato di coprire per quanto e’ stato possibile il comportamento spregevole di quella donna perche’ lui non si rendesse conto delle qualita’ morali indegne di sua madre.
    Purtroppo per lei e’ sveglio come la maggior parte dei giovani della sua eta’, ha capito tutto, lo vedo che alla sera mi raggiunge sul divano per 2 parole mentre guardiamo la tv, soffre come hai sofferto tu, perche’ vede qualcuno che ama che non sa come tirare avanti.
    Credo tu abbia fatto bene, in questo momento, a troncare ogni rapporto con tuo padre, sono convinto che l’unico modo per conservare la propria dignita’ sia mantenere ad ogni costo alcuni valori cardine come l’integrita’ morale, il rispetto per il prossimo e l’onesta’.
    Fra qualche anno, se vorrai concedergli una seconda opportunita’, potrai farlo con la mente completamente sgombra, ma dal mio punto di vista l’occasione se la deve guadagnare mettendo in campo le qualita’ che ti ho menzionato sopra.
    Dubito che un traditore seriale possa cambiare col tempo, cosi’ come dubito che mia moglie abbia compreso il dolore immenso che ha creato a due familiari che diceva di amare, sta a noi lasciarci alle spalle certe persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *