Home / SOFFRIRE PER AMORE / Il problema è che non voglio dimenticarla

Il problema è che non voglio dimenticarla

Ho 47 anni e sono sposato da 17 anni con due figli di 17 e 15 anni. Ho voluto molto bene a mia moglie, ma circa 8 anni fa – dopo un rapporto intimo – già mi notificò che fare l’amore non le interessava più, siamo grandi diceva, la passione con il tempo diventa affetto e così via. Rimasi ovviamente di stucco. Da quel tempo sono sempre io che mi faccio avanti, lei spesso rifiuta e quando le va bene mi sembra di farlo con una bambola, io porto i baci e le carezze e lei subisce passiva, neanche il bacio alla francese restituisce. Niente rapporto orale. Sono distrutto. Per un po’ ho subito in silenzio, abbiamo passato anche un anno senza rapporti e a lei sembrava tutto ok. Premetto che in casa è prodiga con tutti e si dà da fare, credo ci voglia bene, ma parla, parla, parla, mai una carezza, mai un abbraccio, mai un bacio neppure con i ragazzi: sono io quello che li bacia o li abbraccia da dietro quando studiano e dà loro le pacche sulle spalle, lei no. Parla, ordina….Non ne posso più.
Ovvio dunque che mi sia innamorato di nuovo di una mia ex compagna di liceo, Paola. E’ bastato rivederla in foto su Fb che tutto è ripartito. Era una ragazza mora, carina, non una bomba sexy ma molto dolce, curve dolci e non volgari, cortese, di sani principi, molto seria. Per un po’ ho tenuto a bada questa passione, non volevo infilarmi in un casino.
Poi un bel giorno la moglie torna dal sua dentista e mi dice che Paola è la nuova segretaria del dottore (lei sa che mi era piaciuta molto).
Un ciclone improvviso si abbatte su di me, e stavolta non riesco più a trattenermi. Fuori di testa, mando a Paola un bel mazzo di rose rosse con un messaggio tenero e struggente con le mie iniziali come firma. Dopo qualche giorno, con immenso dolore scopro che mi ha tolto l’amicizia su Fb. Le telefono per darle delle spiegazioni e scusarmi, mi dice che aveva capito benissimo che ero io, che i fiori le hanno fatto piacere quello sì, che non si era mai accorta della mia passione (vero: timido come ero non le avevo mai fatto capire la mia passione, avevo paura anche di essere preso in giro dalla classe con cui, essendo un po’ secchione, non avevo un buon rapporto: ma sarò idiota? In pratica la vedevo lassù irraggiungibile e ci avevo rinunciato senza neanche provare) e che sperava che la cosa finisse lì, che aveva paura perché oggi se ne sentono di tutti i colori, ecc. ecc. Inoltre mi fa notare che sono sposato e ho dei figli: me lo aspettavo, è una ragazza seria e di sani principi, come ho detto, e mi piaceva da morire anche per quello, ma proprio questa sua qualità me la trovo contro adesso, non ci passo per niente bene: soffro una marea di rimorsi. Le chiedo dell’amicizia su Fb mi dice che me l’ha tolta in accordo con il suo compagno (il suo matrimonio è finito circa 4 anni fa, lo avevo saputo ma avevo avuto timore di cercarla per non finire nei casini come sono finito adesso. E poi la scintilla non era ancora scoccata di nuovo): le chiedo di prendere un caffè con lei, lei mi dice di no in modo secco e infastidito, che non è il caso vista la situazione e di stare sereno il più possibile, ecc. ecc.. Insomma un disastro totale.
Ma cosa mi è venuto in mente di mandarle dei fiori? E senza informarmi prima…si può essere più cretini di così? E’ vero, con le donne non ci ho mai – dico mai – saputo fare, oltre ad essere fisicamente niente di chè, infatti la moglie è l’unica che in vita mia mi abbia mai detto di sì.
Mi faccio coraggio e un pomeriggio la vado a trovare al lavoro, portandomi dietro mia figlia per non farle temere discorsi inopportuni. I soliti discorsi di circostanza, un po’ di tensione da parte mia, ma lei è lì un po’ sul chi vive, ma è sempre lei dopo 30 anni è ancora bellissima, gentile, uno sguardo stupendo e un sorriso dolcissimo, resto del tutto rapito. Non noto neanche qualche ruga nel viso che invece vede mia figlia. Ci stringiamo la mano e ci salutiamo. Uno struggimento enorme pensare che sia nelle braccia di qualcun altro. Del tutto sconfortato e disperato e con il timore che lei davvero potesse temere che le facessi dello stalking, le mando una lunga lettera scusandomi dell’invio dei fiori, che non voglio farle stalking, che mi faccio da parte, che non mi farò più vivo, ecc.ecc.
Altro errore, ovviamente.
Lei non mi ha mai risposto, mai, un silenzio assordante e terribile, pesantissimo. Ovvia la deduzione che non ne vuole sapere di me, da ragazza seria com’è sta coltivando il suo nuovo rapporto e non ne vuole sapere di incasinarsi con un uomo sposato, anche se le piacessi (e non credo proprio). Tutto è contro di me, anche un fortissimo rimorso che provo per quello che sto provando.
E siamo ad ora. La penso in ogni momento, giro in moto come un ossesso e sotto il casco mi immagino un dialogo con lei ogni giorno che Dio manda in terra, mi fa molta tenerezza e dolcezza ma poi sopravviene il dolore e la disperazione, piango spessissimo sia sotto il casco che a casa, quando tutti sono a letto. Un inferno. Non sono riuscito a vederla più, ho promesso che non le avrei più dato disturbo. Mi sono solo permesso di mandarle un bigliettino di auguri per il suo compleanno, con su scritto semplicemente “Buon compleanno, Paola”. Mi sono riproposto in futuro di mandargliene uno per Natale, Pasqua e compleanno. Non credo riuscirò a fare altro. Ma non mi basta, sento un bisogno fortissimo di scriverle e di parlarle, addirittura nello sconforto ho tirato giù due semplici tenere poesie e qualche scritto che vorrei leggesse. Vorrei dirle che ci sono sempre, che se un giorno volesse darmi una opportunità io ci sarò, che per me è una donna indimenticabile…ma temo sia tutto inutile. Fra l’altro che pretese ho, se dopo tutto sono 30 anni che non ci frequentiamo e non ci conosciamo più?
Che devo fare?
Devo desistere e chiuderla lì, o posso fare altro? Voi che avete più esperienza, ditemi cosa devo fare. Ho una paura terribile di costringerla a incavolarsi e a riempirmi di contumelie, in una parola a umiliarmi. Da lei non lo sopporterei davvero.
Il dolore aumenta giorno dopo giorno, davvero temo che nella mia vita lei sia il mio amore più grande. Ripensandoci bene, nelle ragazze che ho inseguito nella mia vita ci ho sempre trovato uno o più caratteri che aveva lei, sembra davvero che lei sia l’originale dei cloni a cui sono sempre stato dietro!
Questa cosa davvero non riesco a togliermela dalla testa: il problema è che NON VOGLIO dimenticarla, anche perché questa è la seconda volta che me ne innamoro, a quel tempo era una cotta giovanile, ma adesso è una cosa seria, vorrei davvero averla accanto per il resto della mia vita. Sarei disposto a dare la mia vita per lei, adesso, in questo stesso momento in cui scrivo, senza esitazione. Non me la immagino in una vita spensierata e allegra, ma di averla accanto a me nelle faccende di tutti giorni, a fare la spesa, a caricare l’auto per le vacanze, a consolarla nelle serate tristi, a ridere davanti alla tv, a piangere per qualcuno, a pagare le bollette, a trepidare per una preoccupazione comune, a difenderla da qualcuno, a litigarci per spese inutili…..
Forse l’unica cosa da fare è mandarle gli auguri per tutte le feste, come a notificarle che ci sono sempre, ma in modo elegante e riservato, senza frasi d’amore dirette…..forse.

da: Giorgio

5 Commenti

  1. Fai una bella cosa Giorgio, dimenticala. Ti sati facendo solo del male. Molto probabilmente questa tua enorme cotta per lei è dovuta al rapporto che hai con tua moglie. Hai soli 47 anni e con lei ti senti un vecchio. Niente rapporti ed è normale alla tua età chiedere di più.
    Ma se le vuoi bene a questa ragazza lasciagli vivere serenamente la sua storia d’amore e tu…se proprio non c’è la fai più con tua moglie, lasciala e rifatti una vita.

  2. Lascia perdere questa ex, il vero problema non è lei ma tua moglie. Inoltre con quello che si sente in giro, anche se agisci correttamente lei potrebbe spaventarsi e potrebbe denunciarti per stalking.
    Il punto vero è tua moglie. Cosa vuoi fare? Rinsaldare il rapporto con lei oppure vivere questa forma di limbo?
    Non dovresti però prendere questa decisione solo se hai la sicurezza di avere accanto un’altra donna, bensì la devi prendere se pensi davvero di non amarla più.
    Quando uno è innamorato pensa solo in funzione della persona amata. Sono dell’opinione che l’amore non ha età, però con l’età sopraggiunge una maggiore saggezza. Ricostruisci la tua vita indipendentemente da tua moglie o dalla ex!

  3. Grazie delle risposte a entrambi.

    Mi ha colpito Kekko quando dice “…Ma se le vuoi bene a questa ragazza lasciagli vivere serenamente la sua storia d’amore…”.
    Sì farò così, le voglio davvero bene ed è quello che le ho anche scritto, ovvero di farmi da parte. Sì, tutto è dovuto al rapporto con mia moglie, nasce tutto da lì: mi sono messo nella condizione di essere disposto ad innamorarmi di nuovo e l’occasione è stata proprio la notizia del lavoro di Paola dal dentista di mia moglie, oltre a non averla del tutto dimenticata.

    The Love mi ha fatto riflettere sulla questione dello stalking: anche secondo me potrebbe spaventarsi, anzi in un certo modo me lo ha già detto.
    Il problema è che è davvero difficile dimenticarla, mi sembra di essere un bambino, mi pare non ci siano alternative a lei, è tutto durissimo, temo di cadere nella depressione, anche perché nella mia vita – a parte mia moglie – ho ricevuto solo dinieghi dalle donne, mai un sì o qualcuna che mi avesse manifestato un interesse reale. Non ci ho mai saputo fare, ed è davvero dura.

    Effettivamente il consiglio di azzerare tutto potrebbe essere la miglior cosa da fare…però è una sofferenza enorme, già a suo tempo aver dovuto rinunciare a Paola è stato per me catastrofico, ma almeno avevo “tutta la vita davanti” per rifarmi; adesso non è più così, il suo diniego appare tombale. Ma d’altronde non vedo vie d’uscita, e non voglio essere d’inciampo per lei e per la sua storia che sta vivendo.
    Magari speravo di mandarle gli auguri per le feste senza frasi particolari o altro, così, tanto per farle vedere che la tengo ancora presente, chissà…che ne dite?

  4. Caro Giorgio, ti stai focalizzando se mandargli uno o più messaggi, ma pensi sia davvero importante? Il punto è un altro, tu ne sei innamorato ma a quanto pare questo amore è impossibile. L’unica alternativa se un giorno ti cercherà lei, visto che sa del tuo interesse. Fino ad allora concentrati su ciò che ti fa stare bene, questa è l’unica cura per gli innamorati.

  5. Qualche giorno fa ho rischiato di farla finita una volta per tutte, ma meno male ho desistito.

    Sono distrutto.

    Oggi stesso ho preso appuntamento da uno psichiatra per vedere di poter fare qualcosa, davvero non riesco a dimenticarla e credo davvero di dover approfondire le motivazioni che mi hanno portato a mettere il naso in una relazione non mia, alla ricerca di una donna che neanche forse si ricordava più di me.

    Devo riprendermi in tutti i modi, non posso rischiare di fare pessime figure come questa di nuovo e voglio vedere se della mia vita si può fare ancora qualcosa di buono.

    Devo farcela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *