Home / AMORE FINITO / Il mio sogno è già finito

Il mio sogno è già finito

Ho solo 33 anni e sono sposata da 5. Tutto sembrava come nei sogni più belli che avevo da bambina. Un uomo fantastico da amare, una casa, un matrimonio da favola, una meravigliosa bambina. E poi a distruggere tutto è bastata una ventitreenne che frequenta la stessa palestra di mio marito. Giovane, prorompente e sicuramente molto provocante. Lei, da come mi dice, gli sta dando nuove emozioni, lo sta facendo rinascere mentre con me era tutto piatto. Quindi, malgrado non mi avesse mai accennato che tra noi c’erano problemi, l’amore non c’è più da parte sua e vuole la separazione. Un fulmine a ciel sereno! Una catastrofe, un sogno infranto. Come può un uomo che ha costruito una famiglia distruggerla per così poco? Come può mandare tutto all’aria?

Non c’è nulla da fare, ho cercato di riportarlo nella realtà, di fargli capire che oltre a noi c’è nostra figlia, ma lui non riesce più a vivere accanto ad una persona che non ama. Se ne andrà via di casa probabilmente questo weekend, ma la casa è sua, e mi ha dato un mese per trovarmi un altro alloggio che mi aiuterà a pagare. Ci sarà sempre per nostra figlia ma non per me.

Dal sogno all’incubo in una sola settimana, non riesco a credere a ciò che sta succedendo alla mia vita.  Come posso riprendere in mano la mia vita? Può lui tornare ad essere l’uomo di sempre? E’ solo una sbandata questa?  Grazie a chi mi aiuterà!

Da: Sabina

11 Commenti

  1. Mia cara, il mio consiglio è di rimanere in quella casa, d’altronde avete un figlio quindi anche se casa è sua, per la legge dovrai restarci tu.
    In secondo luogo fagliela pagare cara. Cosa vuoi farci con uno che scappa con la prima ragazzina che incontra, che futuro pensi potrà darti?
    Anche se torna con te vivrai sempre con la paura che scappi di nuovo alla prima occasione.
    Forse, se lo rovini economicamente, avrà il vantaggio economico di non separarsi…per quanto squallida questa è l’unica soluzione che vedo nel tuo caso.

  2. No, scusa “rovini economicamente”???!!!!…..lascia stare, da una vicenda così ci manca che tu ti faccia trasformare in una stronza.
    Certamente, vista la sua risolutezza, prenditi un avvocato IMMEDIATAMENTE, la casa è per legge tua e lui, che ha deciso di andarsene, non ha nessuna voce in capitolo da questo punto di vista.
    Lui va a star bene, tu starai male…..è lui che ha forza e risorse per cercare altro, oltre che la responsabilità di non arrecarti altro danno.
    Detto ciò, se vuoi rispettare il tuo amore, l’investimento morale più che concreto che ci hai messo, non diventare vendicativa, tanto la legge ti tutela.
    Dovrà altresì pagarti per mantenere tua figlia ma non può in alcun modo mandarti via di casa.
    Prendi davvero subito un avvocato e se lui si rivedrà dalla “sbandata” tanto meglio, se riuscirai a perdonarlo. Il consiglio però, visto il tipo abbastanza cinico, curati di te stessa, di tua figlia e ricostruisci…..anche se ora tutto ti sembrerà impossibile!
    Ma NON diventare come lui!!!!!…..questa è una responsabilità che hai verso te stessa!

  3. Davvero bel consiglio il tuo Lia. Quindi se un uomo non è più innamorato e lascia la moglie bisogna fargliela pagare, bisogna rovinarlo in tutti i modi, anche economicamente. Quando invece è una donna a lasciare il marito ci sono tutte le giustificazioni del mondo.
    Poi, a quanto pare quest’uomo si preoccupa di aiutarla economicamente anche per l’acquisto di un appartamento, quante donne farebbero lo stesso quando mollano il marito?
    E terzo, scusami Sabina ma tu parli del tuo sogno distrutto, ma sei sicuro che fosse anche il suo sogno? Non dico che uno sposato non possa avere attrazione fisica per una ragazza, ma da qui a lasciare la moglie con una figlia c’è ne passa! Non è che non ti sei accorta che il vostro rapporto non funzionava già da un po’?

  4. “Come può un uomo che ha costruito una famiglia distruggerla per così poco? Come può mandare tutto all’aria?”

    Perchè è la moda degli anni 2000. Una volta erano casi più rari. Una volta si diceva “del doman non c’è certezza”, mentre oggi l’incertezza è all’ordine del giorno poichè i valori si sono quasi del tutto volatilizzati.
    Forse l’essere umano non è fatto per essere monogamo…

    Ha senso continuare per tutta la vita a preservarsi individualmente, per limitare i danni, in caso di abbandono del partner?
    Una volta si costruivano LE FAMIGLIE come obiettivo finale della propria vita. Oggi invece le famiglie sono fatte solo per essere distrutte.
    Dove vogliamo arrivare, mi chiedo? A sposarci e fare figli tramite facebook?

  5. Lia, il tuo è il classico consiglio da persona ignorante e che alimenta un sistema DISTRUTTIVO E NON EDUCATIVO per le famiglie e i rapporti interpersonali.
    Rovinare economicamente un uomo? Ma dico, e questa mossa come qualificherebbe la signora in questione?
    Sarebbe una gara a chi è più stronzo. Mi sembra proprio un consiglio non solo sbagliato, ma distruttivo per la propria dignità di persona.
    Vendicarsi significa perdere due volte, perchè colei che si vendica non è superiore e non riesce a superare il problema.

  6. Siete degli ottimi moralisti, ma mettetevi voi a perdere tutto all’improvviso con una figlia da far crescere e vedrete che anche voi diventerete molto più realisti!

  7. Certo, realisti….come no! Ma svegliati e torna sulla Terra!!! 😀
    Chi in età matura esercita una vendetta di questo genere, non si pone in una posizione certamente migliore del proprio carnefice, anzi. Non si pretende che una persona accecata dalla rabbia capisca questo…ma almeno preservare la vita innocente di una figlia mi sembra il minimo del dovere di un genitore!! Esercitare una vendetta recherebbe un danno alla propria figlia, inevitabilmente.

  8. Mi sono svegliata già da tempo, quando mi sono ritrovata in una situazione simile. Il mio caro ex convivente mi ha mollata per una ragazzina, malgrado avessimo un figlio. Non gli ha importato come potevo stare io dopo che avevo dedicato la mia vita alla famiglia!
    Pensi davvero che basta il sostentamento economico per uscire da tutto questo dolore? No, a volte c’è bisogno di altro!
    C’è bisogno di rispetto verso i sentimenti degli altri, e se lui non li ha avuti nei miei riguardi perché mai dovrei averli io nei suoi. Ho provato e provo tutt’ora a prendere ciò che posso da lui. Sono vendicativa? Forse una stronza? Non lo so, etichettatemi come volete, so che non ha avuto rispetto per me ed adesso, dopo aver sofferto come un cane, non ne ho per lui.

  9. “Sono vendicativa? Forse una stronza? Non lo so, etichettatemi come volete, so che non ha avuto rispetto per me ed adesso, dopo aver sofferto come un cane, non ne ho per lui.”

    Ecco, allora se sei perfettamente consapevole che la tua è una reazione sbagliata, è inutile che vieni a dare dei moralisti a noi, ma soprattutto è inutile che dai dei consigli SBAGLIATI a chi sta chiedendo un sostegno.
    Tutti abbiamo avuto le nostre esperienze sentimentali negative e di sofferenza, ma questo non significa che dobbiamo continuare a vivere la nostra vita alimentando un odio infinito.
    Se la persona tradita è in buonafede, diventando vendicativa si porrebbe automaticamente in malafede.
    Ognuno ha il diritto di ricorrere alla legge in questi casi, e a quello dovrebbe limitarsi, applicando buonsenso nei confronti di TUTTE le parti coinvolte. Se il tuo lui è stato uno stronzo, comportandoti anche tu da stronza fai decadere qualsiasi accusa. Vendicarsi ti qualifica come una persona esattamente identica al tuo carnefice.
    Contenta tu…

  10. C’è da dire che se l’altro non ha rispetto per te almeno puoi averlo tu. Ok la casa, ok, per quanto possibile gli alimenti, ma vendicarsi è scorretto e non è rispettoso nemmeno per chi agisce la vendetta, poiché condanna quella persona alla posizione di chi non potrà mai tornare a comportarsi alla pari dell’altro.
    Se non ci fossero figli di mezzo, ai quali peraltro (concordo con J.Bad) si insegnerebbe il rancore verso il padre, di cui invece hanno bisogno, confondendoli, ognuno sarebbe responsabile del proprio dolore, per quanto ingiusto esso sia…..è lo è sempre ingiusto.
    La vendetta priva le persone della loro dignità e la rabbia guida le nostre scelte e contamina quelle educative, portando i nostri figli a credere ad un mondo sbagliato e a costruirsi solo paure e difese.
    Casa, alimenti e poi torni responsabile del coraggio che devi avere nel costruire la tua serenità e quella di tuo figlio, senza scuise, senza rabbia, senza distogliere lo sguardo e perdere energie.

  11. Sai Lia perché non condivido il tuo pensiero? Perché vivere nella vendetta non ti fa dimenticare quella persona o la sofferenza provata dopo l’abbandono. Vivere nel rancore non ci fa superare l’ostacolo e alimenta sempre di piu il pensiero nei confronti di quella xsona. È giusto pretendere quello che ci spetta economicamente perché è un diritto ma questo non deve diventare un accanimento.
    Sabina quello che mi stupisce di questa storia è la mancanza di rispetto e di tatto che lui ha avuto nei tuoi confronti, ti dice di andare via di casa e cosa vorrebbe fare? Vivere nella casa che ha condiviso fino a poco tempo fa con sua moglie e sua figlia con un’altra donna?? Sensibilità zero.
    Mi stupisce “l’altra” che invece di tacere sottolinea il fatto che tuo marito con lei prova emozioni forti e con te il piattume.. Provo pena per queste “donne” che si leccano i baffi al pensiero di aver portato via l’uomo ad un altra e che non si rendono conto che in realtà hanno fatto un pessimo acquisto.
    Tu ora speri che lui possa tornare sui suoi passi e tornare con te, ma vorresti davvero al tuo fianco un uomo cosi? Un uomo che ti ha buttata via come fossi un paio di pantofole vecchie? Non ti conosco ma sono sicura che ti meriti qualcosa di meglio che un uomo che ha avuto il coraggio di lasciarti solo quando ha trovato “di meglio”, e che ti vorrebbe cacciare di casa dandoti il contentino che ti pagherebbe l’affitto.
    Io provo compassione per lui, perché nel momento in cui non ti rispetta in realtà non rispetta nemmeno se stesso, d’altra parte ti aveva scelta come madre di suo figlio o no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *