Home / PROBLEMI DI CUORE / Due anni che non la vedo ed è ancora nella mia mente

Due anni che non la vedo ed è ancora nella mia mente

E’ incredibile! sono due anni che non la vedo e non la sento, ma in quest’ultimo periodo non c’è giorno che non pensi a lei. Mi è bastato rivedere la sua auto parcheggiata ed è subito riaffiorato quel turbinio di sensazioni, emozioni e ricordi, di quando la frequentavo. I momenti passati insieme, le coccole, le risate, lei, la passione.
Credevo di esserne uscito, di essere riuscito a voltare pagina, invece non è così, forse non ne uscirò mai.
L’ho amata moltissimo, di un amore puro ed incondizionato, come mai ho amato nessun’ altra donna.
Spesso mi passa per la testa di rivederla, ma poi subito ci ripenso, pensando a tutti i problemi che ci sono intorno, ed alle sue parole cattive e fredde, alla sua decisione di finirla, di non vedersi più, di non sentirsi più.
Vorrei confrontare con le vostre storie la mia esperienza, per cercare di dare un senso a tutta questa sofferenza.
Grazie, buon fine settimana.

da: Valerio79

14 Commenti

  1. Ti capisco capita lo stesso ame dopo 2 anni

  2. ciao Valerio, ho la tua stessa età. Capitò uguale anche a me, tanti anni fa.
    Avevo 21 anni, e lei mi lascio dopo 3 anni, dove si parlava già di matrimonio e di figli.
    Beh, all’improvviso, diventò gelida, fredda e crudele proprio come la tua ex.
    Ci misi 3/4 anni per voltare pagina, ma il tempo aiuta molto, fidati.
    Un po’ alla volta ne uscirai, e quando succederà sarai forte come un leone!!
    coraggio!!

  3. Ma il fatto che diventino gelide e fredde è un bel motivo per differenziarsi da ‘sta gente…gente poi, per me sono creature anaffettive.

  4. Io ci ho messo più di due anni a dimenticarla, quindi ti capisco benissimo. Cioè, non è che dopo 2 anni pensavo a lei come nei primi mesi dalla rottura, la pensavo con un’intensità minore. però la sognavo ancora.
    Ci vuole tempo e qualche nuova esperienza per dimenticarla del tutto.

  5. Io mi sono lasciato da un po’ di mesi e purtroppo penso ancora a lei. Certi giorni sono sicuro di farcela ma altri no. Anche perché in giro trovo ragazze con cui non mi trovo o con le quali va subito male.
    Probabilmente ho il cuore atrofizzato.
    Davvero non so che dirti se non che mi piacerebbe potermi confrontare più spesso con persone che hanno vissuto o stanno vivendo il mio stesso dolore.
    L’importante però è che non ti fermi. Continua ad andare avanti a fare le cose. Anche se non hanno sapore o non ne hai voglia. Sempre meglio che stare fermi a rimuginare.

  6. si, succede. Soluzioni :
    1) chiavare di più
    2) uscire di più
    3) circondarsi di persone interessanti
    3bis) palestra (o equivalenti: Ju jitsu brasiliano, barca a vela , lancio del giavellotto)
    4) running
    5) lavorare sodo
    5 bis ) concentrarsi sugli altri e sui loro problemi invece che sempre sui nostri cazzi
    6) rendersi conto che l’oggetto delle nostre mitizzazioni è un semplice pezzo di carne semovente , meschino , opportunista e vile almeno quanto lo siamo noi
    7) Profitto

  7. Grazie a tutti ragazzi, speriamo di uscirne, certo, ho capito che è un dolore che porterò fino alla fine dei miei giorni.
    Comunque cercherò di passare serenamente quel che resta della mia vita.

  8. Valerio79 non dire così altrimenti non c’è speranza per nessuno. Anch’io vedo tutto nero ma a volte mi illudo che avesse ragione Antoine de Saint Exupery

    “È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito. È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele, buttate via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto. Ci sarà sempre un’altra opportunità, un’altra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni fine c’è un nuovo inizio.”

    Dobbiamo vivere con questa convinzione. Anche perché il rischio è la solitudine, uno dei più grandi mali di questa società moderna dove tutti parlano ma nessuno condivide sincere opinioni ed emozioni.

  9. Forse bisogna arrendersi all’idea che non si dimenticano le persone che abbiamo amato.
    Col tempo uno finisce per non pensarci più, si torna ad essere estranei da un certo punto in poi, però quel che è stato non lo si può cancellare.

    Io ho amato tempo fa e per anni all’inverosimile un uomo eppure “sticazzi” quando abbiamo deciso di chiuderla definitivamente (ci siamo fatti entrambi del male) non ho annullato nemmeno per un istante la mia esistenza a causa del suo ricordo…sono andata avanti a fottere, a conoscere gente nuova e alla fine entrambi ci siamo fatte le nostre vite, lui si è sposato pochi mesi dopo che io ho messo al mondo mia figlia e adesso, a distanza di qualche anno sono felice per come ci è andata, ma ciò non toglie che ogni volta che prendo il mio amato telescopio e vado a guardar le stelle mi viene in mente lui.
    È tipo un link a fondo pagina su determinate piccole cose della mia vita. Mi verrà sempre in mente finché continuerò a guardar le stelle, però ho accettato passivamente la cosa e mi va bene così.

    Sicuramente non ho turbinii di emozioni, ma il ricordo c’è sempre.

    Ti passerà.

    • Il tuo commento mi a pensare alla mia situazione. Non si dimentica più chi si è amato davvero. C’è rassegnazione non sconfitta nelle tue parole, serenità e naturalmente un fondo di tristezza.

  10. Mi sono molto immedesimata nelle tue parole, la mia storia e’ finita da quasi un anno e ho fatto di tutto per evitare di vedere questa persona perché so che morirei… Io ho 43 anni e questa relazione e’ nata dopo una separazione, ci credevo davvero… Mi spaventa quando sento che il dolore dura ancora dopo anni, mi fa pensare che non supererò mai… Meno male che c’è mio figlio…

    • A me più che altro rattrista, mi sento vuoto, non ho nulla da dare, non voglio sembrare drammatico o negativo, esprimo solo quello che sento, non sono una macchina. Posso fare sesso, posso fare finta, posso ingannarmi ed ingannare, ma sono cambiato. E quello che è perduto, è perduto per sempre.
      Non proverò più quel sentimento, quella passione, quella profondità…forse altro, forse amicizia, forse attrazione.
      Vado avanti, con una serenità amara, con degli obbiettivi importanti.
      Anche io sono terrorizzato all’idea di rivederla, soffrirò sicuramente, nel vederla fredda e spietata, nei miei confronti, ma mi sarà utile, per andare avanti e voltare pagina per sempre.