Home / SOFFRIRE PER AMORE / Dolore d’amore e di vita

Dolore d’amore e di vita

Ciao tutti, sono un ragazzo di 30 anni, in questo momento insicuro su tutto, chiedo aiuto per un consiglio a voi; circa 1 mese fa è finita la storia più litigata ma che speravo mi portasse al matrimonio, a giugno conobbi una ragazza, vive a 150 km da casa mia, forte delle mia paure del mio passato feci tutti gli errori che un uomo possa fare in un rapporto, la esclusi dai suoi amici, tentai di manipolarla, la criticavo su tutto, cercai di cambiarla minacciandola settimanalmente di lasciarla, è pur vero che però mi sono trovato una persona non proprio propensa alla famiglia ma tanto al divertimento e agli amici, la feci conoscere ad un mio amico e alla mia famiglia, tutti pensarono che era una poco di buono, intanto mi sono innamorato perso, ad agosto le regalai un viaggio a Parigi.

Ho corso troppo anche se cosciente di dover avere i piedi a terra, solo dopo 2 mesi però già parlavo di matrimonio, ero innamorato pazzo, a novembre si inizio ad allontanare non accettando più i miei discorsi e non cercandomi più, ogni fine settimana dopo 60 ore di lavoro partivo pernottavo li e domenica sera tornavo, il 23 dicembre mi disse che se i suoi amici la invitavano per qualche giocata non se la voleva perdere e mi lascio. Provai in tutti i modi di recuperare facendogli capire che volevo cambiare ed avevo paura di perderla, niente, dopo 1 settimana era già tornata alla vita di prima con gli amici e le uscite/discoteche, e su Facebook un amico gli dice ora che sei single allora uno al giorno e lei vedremo che possiamo fare, poi lui ora sei arrivata a 5 e lei ahahah smettila. Io invece solo con paura di starci, mi manca e non riesco a fare nulla. Non riesco neanche a lavorare bene. Sono un bel ragazzo alto bella presenza con un cuore enorme ma con tanto dolore e rabbia dentro. Ho anche una posizione lavorativa discreta ma che non serva a far vedere quanto c’ho ma che faccia vedere i fondamenti che ho. Non riesco a stringere amicizie ne tanto meno conoscenze femminili e il mio pensiero e sempre a lei da un lato perchè mi manca e dall’altro per la rabbia che ho. Vado da un psicologo ma non vedo nessun beneficio. Grazie a tutti.

da: Antonio1984

4 Commenti

  1. Ciao Antonio, io credo che quando una persona ha un carattere chiuso, cioè non riesce a fare amicizie ed ha un carattere chiuso, si attaca morbosamente quando si innamora, ma alla base c’è proprio una sorta di chiusura verso il mondo.
    Se riuscissi a sentirti bene con te stesso e avessi più fiducia nelle persone sicuramente si risolverebbero molti problemi nella tua vita.
    L’idea stessa che hai di lei, che le piace uscire con le amiche e discoteca, ti da fastidio…perchè? Hai un guìudizio negativo di situazioni abbastanza normali.
    Liberati di questo peso e vedrai che anche lei tornerà a volerti vedere, perchè era innamorata di te e può torare ad esserlo.

  2. Sono d’accordo con Francesco. Io credo che quando critichiamo la nostra ragazza e cerchiamo di dirgli quello che dovrebbe fare…già qualcosa non funziona.
    A meno che di mezzo non ci sia un tradimento o un modo di comportarsi ambiguo con gli altri ragazzi, ogni forma di correzione corrisponde a dirgli…così come sei non mi piaci, ma se fai questo o quello mi piacerai.
    Ma ognuno è fatto in un determinato modo, è solo frequentandosi, conoscendosi meglio e infine vivendo insieme che le cose si aggiustano da sole.
    Devi prendere coscienza di questo, liberarti del peso che senti dentro di voler modificare gli altri e vedrai che ti sentirai libero.
    Ognuno è quello che è, e se ci incontriamo e ci piacciamo è proprio perché ognuno è unico nel suo genere.

  3. Antonio, non lo so se è recuperabile questa storia, però a quanto pare stavate bene insieme. A te non piaceva il suo modo di fare e a lei il tuo modo di essere e di criticarla.
    Non vorrei ti fossi fatto molte illusioni solo perché sei un tipo chiuso che ha rapporti sociali limitati.
    Comunque fossi in te mi riavvicinerei come amico, gli dimostrerei che non sono quel ragazzo che pensa. Vuole andare con gli amici? Ben venga, accetta le sue scelte e fale come amico, se son rose fioriranno

  4. Io credo che tu speravi che lei ti cambiasse, che lei riuscisse a tirare fuori la parte migliore di te.
    Tu la criticavi per il suo stile di vita ma in realtà quello che non ti piace sei te! Non ti piaci, vorresti essere diverso e non riuscendoci vuoi che le persone si adattino a te, ma evidentemente non funziona così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *