Home / CRISI DI COPPIA / Cosa manda in crisi una coppia

Cosa manda in crisi una coppia

Domanda forse retorica ma le risposte saranno molto utili. Cosa manda in crisi una coppia? C’è un aspetto più rilevante di altri? Una coppia va in crisi quando non era dall’inizio ben assortita?  Perché non si fa più sesso? A causa dei figli? E soprattutto, come riconoscere una crisi di coppia in tempo per poter scongiurare il peggio?

Mi piacerebbe conoscere il vostro pensiero.

Da: mindshare

13 Commenti

  1. La mia personale idea che oggi la coppia va in crisi quando non comprende che la coppia attuale non ha nulla a che vedere con quella del passato, come quella dei nostri genitori.
    Sono cambiati molti aspetti, il ruolo della donna si è evoluto, i ritmi della vita moderna sono aumentati e con essi lo stress individuale.
    Cambiare prospettiva può salvare molte coppie in crisi.

  2. Sto con lui da 7 anni e da 4 conviviamo. Agli occhi di tutti siamo una coppia perfetta, in perfetta sintonia. Anche io mi ero illusa che la nostra unione fosse perfetta, ed invece non è così.
    Lui è cambiato negli ultimi mesi, attribuisce tutto ai suoi numerosi impegni ed alle scadenze dei pagamenti da rispettare.
    So che la stabilità in un coppia fissa porta anche ad un calo delle emozioni, ma fa parte della vita questo. Ed invece lui dice di sentirsi piatto, come se sta vivendo una vita priva di vere emozioni.
    Dice che la causa sono anche io che non lo capisco, ma allo stesso tempo che non mi lascerà perché non immagina una vita senza di me.
    Dall’altra parte ci sono io, spiazzata completamente dal suo nuovo atteggiamento. Ho paura che ci sia dell’altro, anzi, che ci sia un’altra che lo sta confondendo e queste paure aumentano ogni giorno.
    So solo che ormai parliamo il meno possibile, esce senza dirmi quando rientra, non facciamo sesso da mesi.
    E’ come se lui non avesse la forza di lasciarmi e fa di tutto perché sia io a staccare la spina.
    Per rispondere alla tua domanda, su quali sono le ragioni della crisi di una coppia non so che risponderti.
    Se le mie paure sono vere la causa della mia crisi è un’altra ragazza nella sua vita. Ma vedi, la sua scelta non è dipesa dal fatto che siamo in crisi, ma viceversa, lui sta creando una crisi a causa di un’altra.
    E davvero, non so come uscirne da tutto questo!

  3. Le ragioni possono essere tantissime e spesso non possiamo farci nulla; al massimo possiamo intralciare il normale svolgimento degli eventi, ma se una relazione è finita c’è poco da fare.
    Io non credo all’amore eterno, credo che si possa però vivere con una persona per tutta la vita.
    Molte coppie si lasciano perché dopo anni dicono che non c’è più amore. Ma ciò che dovrebbe legare una coppia nel tempo non è solo l’amore, ma il rispetto, la comprensione e la condivisione. Una volta che si costruisce un progetto di vita non lo si può distruggere perché manca l’amore, perché non è così. Se l’amore c’è stato, ed è quello vero, una coppia resta unita nel bene e nel male.
    Alla base delle innumerevoli crisi di coppia vedo un unico comune denominatore: ci si è illuso che ci fosse vero amore, ma uno dei due evidentemente bleffava.

  4. Caro Pietro, non consideri un altro aspetto: l’evoluzione.
    Pensare che molte coppie si lasciano perché qualcuno in realtà non ha amato davvero penso sia molto riduttivo. Credo sia più realistico pensare che con il tempo le persone cambiano, adeguandosi alle nuove realtà che vivono in ambito famigliare, lavorativo e sociale.
    Ci sono coppie che si adeguano hai cambiamenti, sono più flessibili per così dire. Altre no, o uno o l’altro partner non accetta la trasformazione delle dinamiche di coppia, e questo irrimediabilmente sancisce la fine di una relazione.

  5. Sono completamente d’accordo con Pietro.

    Ma vorrei capire meglio il discorso di Lidia, che non ho ben capito.

  6. Grazie Bad, visto che mi chiami in causa tenterò di spiegare meglio il mio concetto.
    La società si è evoluta nel tempo e così anche le relazioni interpersonali. Non sta a me giudicare se il cambiamento è stato positivo o negativo, ma indubbiamente c’è stato.
    Di conseguenza anche le relazioni di coppia sono cambiate. Prima la donna era prevalentemente in casa, oggi lavora e non ha tempo per la casa. Una volta si conosceva e ci si sposava con il vicino di casa, oggi si ha il mondo a disposizione. Una maggiore indipendenza, televisione, Intenet, telefonini, viaggi, sono tutti aspetti che ci hanno modificato e che nel bene e nel male ci condizionano.
    Tutte queste novità si riflettono nella coppia, in bene ma nella maggior parte dei casi, in male. I ritmi di vita sono aumentati e lo stress di conseguenza.
    Ma l’idea di coppia resta quella di sempre, e per questo non è adeguata hai nostri tempi. Molte rotture sono frutto di stress, di insoddisfazioni, di voglia di realizzarsi al di fuori della coppia.
    Con questo voglio dirti J. Bad che io non ho la ricetta per le crisi di coppia, anche se mi piacerebbe. Semplicemente rispondo alla domanda fatta da mindshare ed ho detto quello che penso.

  7. Cio che sostieni è interessante.

    Però quel che mi lascia perplesso è quando dici che l’idea di coppia non sia adeguata ai nostri tempi.
    Il concetto di “coppia” inteso come “rapporto amoroso longevo tra due persone” per me non va assolutamente adeguato ai nostri tempi. éerchè l’amore è estemporaneo. Altrimenti, secondo il quadro che descrivi, la conseguenza logica sarebbe la scomparsa delle coppie.
    Invece secondo me ci sono cose radicate nell’uomo, come i sentimenti, la vecchiaia, che vanno al di là delle mode e delle abitudini dei tempi. I sentimenti in età matura, se sono REALI E SENTITI, per me non muoiono mai. Se muoiono non è questione di coppia non adeguata ai tempi moderni, ma semplicemente di SUPERFICIALITA’ delle singole persone che non sono in grado di provare un sentimento reale e sentito. La prova è che, come hai detto tu, riescono a bruciare questo presunto sentimento solo grazie ad uno stile di vita rinnovato e differente. E usano questo alibi come giustificazione valida!
    Per me l’errore dei nostri tempi è proprio questo atteggiamento.
    Non a caso citavo la vecchiaia, perchè quando non ci fregherà più niente di tutti gli aspetti superficiali e passeggeri che tu hai elencato, per via della sopraggiunta anzianità, sarà solo il sentimento per le persone care ad avere la priorità. A sopravvivere.
    A quel punto le storie che lungo il corso della vita abbiamo buttato via si divideranno al 50% in rimpianti (=vero amore) e al 50% in simpatici ricordi (=semplice passione).

  8. Senza contare che ritengo proprio una conseguenza di questi tempi moderni il fatto che ci sia fin troppa gente che scambia un “bisogno egoistico di una tipologia di persona” per amore.
    Sono convinto che non siano le coppie a doversi adeguare ai tempi moderni, poichè le coppie che vivono un sentimento SANO sono gia pronte per affrontare un qualsiasi ostacolo temporaneo.
    Solitamente sono coloro che vivono solo di sentimenti egoisti (nulla a che fare con l’AMORE VERO) che prima o poi si stufano…
    E questo egoismo, individualismo, è proprio tipico dei nostri tempi.

  9. Sono d’accordo con quello che dici BAD. Ma anche tu in un certo senso condividi il mio pensiero, quando dici che questo individualismo è tipico dei nostri tempi.
    Nella mia sintesi alla domanda potrebbe emergere che io accetti questa situazione, ma niente affatto!
    Non piace nemmeno a me la “coppia moderna”. Valori, principi ed amore sembrano avere i giorni contati.
    credo però che l’egoismo di cui parli è frutto di questa società nel suo insieme. Credo che anche i nostri genitori, se avessero vissuto i nostri tempi, avrebbero vissuto le stesse problematiche delle coppie di oggi.
    Per me le cause della crisi di coppia sono da ricercare tutte in riferimento al nuovo contesto sociale in cui viviamo, sicuramente più ricco sotto molteplici punti di vista, più povero per ciò che conta davvero.

  10. Sì, la penso allo stesso modo tuo.

    La cosa che mi dispiace è che dinamiche simili avvengono putroppo anche in coppie di età matura o, ancor peggio, con figli.
    Il problema di questa società è che sempre meno persone riescono a distinguere la linea di confine che separa il “gioco” dalla “serietà”, e così ci troviamo a prendere decisioni “adolescenziali” anche quando non potremmo più permettercelo.
    Se smettessimo un po’ di giocare e cominciassimo a prendere certe responsabilità seriamente…altrimenti pagheremo tutte le conseguenze di questa superficialità.

  11. Tu in un certo senso parli di maturità, ed è forse questo l’aspetto che manca. Ma tu sai che io attribuisco molti dei mali attuali alla società capace di plasmarci a proprio piacere.
    Non credo che quando ci si mette in gioco in amore lo si faccia per gioco, probabilmente manca la consapevolezza dell’impegno preso. La nostra è una società prettamente egoistica che plasma ognuno di noi. Basta poco in una coppia per far saltare tutto, anche ad una certa età e quando ci sono i figli. Ognuno giustifica la propria scelta, ma è proprio attraverso le giustificazioni che si comprende la distanza tra ciò che vuole oggi una persona per essere felice e quello che volevano, ad esempio, i nostri genitori.
    E come ti ho già detto BAD, per me se i nostri genitori avessero vissuto hai nostri tempi … avrebbero vissuto le stesse problematiche.

  12. per me la coppia finisce quando in una storia si punta tutto sulla passione come forza primaria, come collante! pochi riescono ad evolversi veramente e guardare oltre…si vuole vivere sempre “infuocati”! e quando ciò non è più possibile…si cerca “il fuoco” altrove! oh si!!! …rimane il bene ma è poca cosa (anzi neanche lo si considera e se ne da una valenza quasi impercettibile!), vuoi mettere lo sconvolgimento ormonale che un “extra” può suscitarti??’…per me è questo il vero motivo che porta alla crisi! l’Amore oggi è visto solo come turbolenza dei sensi!…il resto sono scuse!!!

    • Secondo me una coppia va in crisi quando entrambi non si comprendono non si rispettano non si apprezzano non c’è collaborazione e quando si e egoisti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *