Home / SOFFRIRE PER AMORE / Che fine ho fatto?

Che fine ho fatto?

Salve a tutti. Mi chiamo Luca e ho 20 anni. La mia storia è complicata e credo che sia la prima volta che la racconto a qualcuno. Ad Ottobre del 2014 ho conosciuto una ragazza e ci siamo piaciuti reciprocamente. Lei aveva da poco rotto col ragazzo con cui stava da circa 6 mesi e si sentiva pronta ad andare avanti. Chiaramente non era così, visto che dopo un paio di settimane di frequentazione (ci tengo a precisare che in questo periodo non c’è stato nulla tra di noi, nemmeno un bacio, solo conoscenza), lui è tornato da lei e lei lo ha perdonato. Lei mi ha chiesto se mi andava di mantenere i rapporti in amicizia e io non ho esitato ad accettare perché quando trovo una bella persona cerco di non farmela scappare.

Ovviamente non è stata un’amicizia facile la nostra. Lei ha provato a parlare di me al ragazzo ma lui ha avuto una reazione molto negativa e le ha chiesto di chiudere i rapporti con me. Lei ha detto che lo avrebbe fatto ma in realtà continuavamo a sentirci ogni giorno. Prima solo per messaggi, poi anche al telefono. Parlavamo per ore. Mi diceva tutto quello che le succedeva giorno per giorno e io facevo lo stesso. I nostri incontri erano praticamente inesistenti perché lei non voleva farsi scoprire e mentre era col ragazzo non potevo nemmeno pensare di mandarle un messaggio perché sarebbe successo un putiferio. Ma non mi importava. Mi faceva piacere sentire la sua voce e sentirmi integrato nella sua vita.

Per farla breve, nel corso dei mesi il rapporto tra i due si è deteriorato. Io le sono stato vicino e, credetemi, l’ho fatto in maniera disinteressata. Tutti i miei consigli erano finalizzati a farli stare insieme. Una volta l’ho pure chiamato (non vi racconto con quale stratagemma, altrimenti non finisco più di scrivere) e sono riuscito a farli rappacificare per l’ennesima volta. Dopo quest’episodio, lui ha manifestato il desiderio di conoscermi ma lei era abbastanza restia perché il ragazzo aveva il vizietto di accaparrarsi le amicizie di lei facendole terra bruciata. Così ho finto un viaggio per posticipare il più possibile quest’incontro. In realtà la scusa è stata inutile perché dopo una settimana esatta si sono lasciati. Lei era a pezzi. Per tre mesi sono stato a sua totale disposizione: quando si svegliava la chiamavo perché mi diceva che quelli erano i momenti più duri, mi tenevo reperibile 24 ore su 24, stavo con lei tutte le sere, organizzavamo dei fine settimana fuori quando potevamo. Sottolineo ancora una volta che facevo tutto questo per lei, perché la vedevo a pezzi e mi sarei tolto gli occhi dalle orbite pur di sentirla ridere.

Il tutto era aggravato dagli sporadici messaggi di scuse del suo ex, messaggi a cui lei voleva costantemente credere ma che poi (grazie a vie traverse) abbiamo scoperto essere più falsi che mai. Così la svolta a fine giugno: cambia numero, taglia i rapporti con lui e con altri amici in comune e prova a risollevarsi. E’ stato difficile e straziante, ma a poco a poco la vedevo stare meglio. Passavano le settimane e io capivo di provare qualcosa di forte per lei. Mi ero annullato, vivevo solo per lei. Lei ha un carattere particolare. Mi è sempre stata grata per quello che facevo ma non è la classica ragazzina tutta baci e carezze. Delle volte potrebbe sembrare anche insopportabile ma io ormai so che è una questione caratteriale la sua, ma che a me ci tiene e tanto. Solo, non come vorrei. La mazzata è arrivata quando mi ha detto “Sono pronta, voglio conoscere altri ragazzi”. Mi sono sentito morire. E morivo sempre un po’ di più quando lei incontrava altri ragazzi, quando ci scappava il bacio o il messaggio della buonanotte. Ben presto mi resi conto che i miei consigli non erano più disinteressati. Enfatizzavo difetti ed elargivo critiche giusto per farla disinteressare al belloccio di turno.

Lei non è il tipo che si fa manipolare, ma in effetti ha sempre trovato un fondo di verità nelle mie parole tant’è che nessuno dei ragazzi in questione l’ha mai convinta del tutto. Intanto noi continuavamo a vederci e a sentirci giornalmente. Abbiamo fatto una vacanza insieme quest’estate ma poi ho rovinato tutto. Un giorno riesumai un cellulare con una scheda che avevamo acquistato dopo i continui messaggi che le mandava il suo ex, e per gioco le scrissi un messaggio pensando che mi avrebbe riconosciuto. Quando mi chiese “Chi sei?” ebbi un lampo di “genio”. Misi in atto una recita colossale. Mi finsi il ragazzo dei suoi sogni. Le dissi che avevo avuto il suo numero con un complesso passaparola e le mandai qualche foto di un ragazzo trovato su internet. Intanto lei mi raccontava questa storia passo dopo passo, mi chiedeva consigli, voleva sapere cosa rispondere e io portavo avanti la recita, senza farle capire che ero io in realtà quello con cui messaggiava. Mi sentivo davvero male per quello che stavo facendo. Sono stato un mostro egoista, lo so, ma almeno così la tenevo occupata e la trattenevo dal conoscere altri (ora che rileggo questa frase mi sento ancora più orribile, ma era questo quello a cui pensavo). Alla fine ha scoperto tutto. Era sconvolta. Voleva interrompere ogni forma di rapporto con me. Scoppiai a piangere come un bambino. Le chiesi scusa e le dissi che avevo fatto tutto questo perché le voglio “un bene eccessivo”. Questa frase la illuminò e mi chiese se mi fossi innamorato di lei. Ovviamente non sono riuscito a negare e lei mi ha detto semplicemente “Lo sai che se nascesse qualcosa tra di noi, poi finirebbe e staremmo male entrambi”. Mi sono limitato ad annuire e poi abbiamo provato a piccoli passi a ricostruire la nostra amicizia. Ogni giorno le sono grato per avermi dato questa possibilità ma ciò non cambia che la amo. Lei continua a vedere dei ragazzi saltuariamente, me ne parla, vuole consigli e io mi sento male. La persona che ero è scomparsa. Penso solo a lei e so che tutto questo è sbagliato e tossico. Ma da solo non riesco a superarla. Perché non posso essere io il ragazzo perfetto che cerca disperatamente? Non so davvero come comportarmi…
da: Luca

7 Commenti

  1. Ciao Luca, non considerarti orribile per quello che hai fatto, sei un ragazzo innamorato che ha dovuto subire il dolore ogni giorno è normale che tu sia arrivato a tanto il dolore non può essere domato prima o poi ti fa fare queste cose, tu vuoi sicuramente sapere come poter fare per riacquistare la tua serenità e la tua vita, sei giovane,magari è la prima volta che stai cosi, prima di tutto devi capire che ci sono persone a questo mondo che non prendono molto sul serio i sentimenti altrui ci giocano, fanno gli indifferenti, mentre tu soffri e non vedono i grandi sacrifici che fai solo per fargli fare un sorriso.
    Per te ho due consigli, ma come ogni medicina che si rispetti non sarà facile da mandare giù, il primo non usare più stratagemmi questo non perché è orribile ma ti sentirai più leggero con te stesso, il secondo se non vuoi più soffrire allora devi dimenticare questa persona, cancellala dalla tua vita, posso darti questo consiglio perché ci sono passato, inizialmente sarà insostenibile, se ti arriva un messaggio sii forte non rispondere ogni risposta sarà una sofferenza maggiore.
    Prendilo come un allenamento di spirito, alla fine del percorso starai meglio, quanto tempo? Dipende da te è soggettivo, forse sei stato troppo buono con lei quando capirà che non ci sei più per lei saprà cosa ha buttato via, Luca segui il mio consiglio sei sprecato per una così , sei giovane un ragazzo come te merita una ragazza che gli dia infinito amore non infinito dolore. Buona fortuna e che tu possa ritrovare in futuro la felicità che meriti .

  2. Mi dispiace tu stia così. Non ho grandi consigli da darti, anche se effettivamente se alla fine stare con lei è una sofferenza forse meglio tagliare i ponti. Vedi l’amore non si accende quando lo vogliamo noi, anche se tu pensi di essere perfetto per lei. Magari per lei sei perfetto, ma come amico.

  3. Ciao Massimo, grazie per le belle parole. Lo so, la soluzione migliore sarebbe quella di eliminarla per sempre dalla mia vita ma al solo pensiero mi manca il respiro. Ci vediamo praticamente ogni giorno da Aprile. Ma è vero. Ci vuole una svolta. Odio il modo in cui sono quando le sto vicino. Quando si decide di andare al cinema, faccio scegliere a lei il film perché l’unica cosa che mi interessa è stare con lei; se andiamo a prendere un panino, io ne ordino uno con i suoi gusti “standard” così da poterglielo cedere nel caso in cui quello che ha scelto lei per “sperimentare” non le piaccia (si, è patetico lo so); quando squilla il telefono e leggo il suo numero, la richiamo subito lasciando perdere quello che sto facendo. Non voglio essere così. Non voglio essere il leccapiedi. Sono tante altre cose! Con la mia precedente ragazza ero diverso. Si decideva insieme, si stava insieme con leggerezza, si scherzava e si parlava con schiettezza. Non avevo paura di perderla e infatti non l’ho persa nemmeno dopo la fine della nostra storia. Ora è tutto diverso. La paura di perdere questa ragazza mi fa fare cose stupide. Il suo carattere poi non aiuta. Come ho detto, è un po’ particolare. E’ una persona intelligente, di cuore e altruista ma spesso può risultare pesante. Cerca sempre un capro espiatorio (ruolo che, ultimamente, ho interpretato con regolarità), è molto permalosa e dopo una discussione spegne il cellulare o interrompe ogni forma di rapporto. Non vorrei che vi faceste un’idea sbagliata di lei. E’ davvero una persona splendida con qualche difetto caratteriale (come tutti). Un’altra cosa che mi ha fatto male e che ho scordato di scrivere nel messaggio principale è che, dopo avermi perdonato per la storia del cellulare, mi ha detto che avrei dovuto aiutarla a trovare qualcuno per lei. Come ha potuto chiedermi una cosa simile, sapendo quello che provo per lei? Ancora una volta specifico che non l’ha fatto per farmi soffrire, ne sono sicuro. Lei non è mai stata sola. Ha sempre avuto un fidanzato e quindi questa situazione di stallo la agita. Devo chiudere con lei, lo so, ma il pensiero mi distrugge.

    • Quanto affetto e quante premure fai per lei… , non è stupido ciò che fai perché lo fai con amore, ma chiederti di trovargli un ragazzo…. senza cuore ! Non ha il minimo rispetto per la tua sensibilità, Luca , si è difficile lasciarla , tu hai amore vero nel cuore e mi sento male per te a sentire come ti tratta… ma se ti vuoi bene se vuoi stare meglio devi dimenticarla , si comporta da parassita con te, se ci teneva veramente sapeva di farti del male e avrebbe tagliato i ponti lei , invece sa che ti fa male ma non gli importa nulla ti usa , Luca arriva sempre un momento nella vita dove si prendono decisioni difficili e quelle giuste sono sempre le più difficili credimi ma fare la cosa giusta è ciò che ci rende speciali, tu sei troppo innamorato di una che ti usa che se ti vede soffrire non gli fa ne caldo ne freddo, ho imparato che una persona che tiene veramente a te sta molto attenta hai tuoi sentimenti e lei quindi ti considera alla stregua di un oggetto di una cosa, non è giusto per te e non è giusto che tu dia così tanto amore a chi non lo merita. Ti fa male lasciarla? domandati se è meglio soffrire grandemente o soffrire grandemente in agonia …. non è che lei non ti vuole ma è che lei NON TI MERITA fai la scelta giusta per il tuo cuore.

  4. Victoria, hai ragione. Io non credo di essere perfetto per lei, vorrei essere perfetto per lei. Ma evidentemente non è così..

  5. In un passato recente mi sono trovato nella tua situazione e non ho vent’anni da un pezzo. Ho fatto follie: convincerla di essere la persona adatta a lei è stata una delle imprese più toste della mia vita, motivo per cui averla persa brucia ancora parecchio ma, credimi, col tempo tutto si mitiga.
    Oltretutto ti GARANTISCO che hai tante esperienze pazzesche che ti aspettano; così intense che ripenserai alla situazione attuale col sorriso .Morale della storiella: se davvero ti piace così tanto non vale la pena non tentare ancora una volta, CORAGGIO. Nella peggiore delle ipotesi ti manderà a quel paese, elaborerai il rutto (burp… ) e potrai passare oltre.
    E comunque sì, con quella storia della identità fasulla hai fatto davvero una gigantesca st***zata, il raggiro è la più bassa forma di interazione tra esseri umani, non mi interessa quali siano i moventi . D’altro canto … HAI VENT’ANNI DIOBONO!!!!!
    Stammi bene Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *