Home / RINASCERE / Catene del passato

Catene del passato

Ciao a tutti. È da diverso tempo che penso di scrivere ma non l’ho mai fatto…pensavo che il tempo avrebbe potuto migliorare il mio stato (il tempo guarisce tutto, si dice) ma forse lo sta peggiorando.
Tutto inizia 8 anni fa… Sono sempre stato uno sfigatello in termini sentimentali, un po’ per carattere forse, forse ho sempre temuto il rifiuto delle ragazze ma per lo più mi sono sempre chiesto “sarei davvero felice di stare con una ragazza”? Sono sempre stato un ragazzo un po’ insicuro, nel tempo sono migliorato, credo che questo sia anche dovuto alle passate esperienze con i coetanei, sono sempre stata una persona sensibile anche se dall’aspetto forse non si direbbe, un classico capricorno di ghiaccio, focalizzato sugli obiettivi (studio/lavoro) e poco altro…

All’ultimo anno di liceo conosco la mia prima e unica vera ragazza. Ha iniziato a provarci lei con me, mi mandava sms, alla fine siamo usciti ed è scoccato l’amore. Per intenderci, non è che non ci ho provato io perché non mi piacesse, ma per il mio carattere, lo so è una cosa stupida ma che ci potevo fare?

La storia va avanti quasi due anni, ma eravamo due persone completamente diverse, le cose non andavano davvero male, il sesso andava bene e tutto sommato anche altre cose. Ma lei era una creatura della notte, molta più esperienza sessuale e sentimentale di me, espansiva, festaiola, discotecara e amante del ballo. Io una frana! Classico bravo ragazzo, un po’ insicuro, molto pacato e tranquillo, nient’affatto festaiolo, non ballerino e tantomeno discotecaro.

Alla lunga il rapporto si logora e lei mi fa parecchio pesare il fatto che non ballassi, che non fossi espansivo, in sostanza che fossi quello che ero…alla fine mi tradisce con un ragazzo della sua classe (con cui penso stia insieme ancora e se ne sia innamorata). Le tiro fuori queste rivelazioni via sms.
Ovviamente per me è una doccia ghiacciata. Ero così orgoglioso poi…io così bravo…tradito così dalla ragazza che amavo. Nel tempo mi sono accorto che ho fatto molti errori nel rapporto, questo lo riconosco.

Purtroppo un giorno fissiamo un appuntamento, lei doveva portarmi alcune cose mie (non regali) che avevo lasciato a casa sua quando ero andato a trovarla tempo prima. Appena è arrivata sul posto ho visto rosso… e le ho tirato uno schiaffo. Lo so, è sbagliato usare la violenza, sono il primo ad essere contro queste cose, non solo contro le donne ma a livello generale. Solo non sopportavo il fatto che lei dicesse “caro paio di scarpe vecchio, mi hai stufato e per rimpiazzarti ne ho trovato uno nuovo con cui divertirmi…sai sei stato importante, perché sei il primo ragazzo davvero buono e dolce con cui sono stata, ma quanto eri palloso! Beh ora devo andare, il mio nuovo paio mi aspetta, a mai più!”
Lo schiaffo devo ammettere che è stata un’escalation di rabbia nei suoi confronti…quando ho scoperto che mi aveva tradito sono partiti attacchi rabbiosi da me verso lei e viceversa…il tutto è culminato quando alla richiesta da parte mia di riportarmi le mie cose lei ha domandato ironicamente se dovesse anche pagarmi i danni morali. I giorni dopo ha provato a dirmi che le dispiaceva ma io non ci credevo…sapete, mi sembrava un dire da parte sua “forse ho tirato troppo la corda, meglio scusarsi e tentare di ammansirlo, così me ne libero meglio e più in fretta”. Sbagliato….io non ho mai dimenticato la sua arroganza.

La rabbia fa fare tante cose purtroppo, le ha fatte fare anche a me e me ne dispiaccio, ma neanche troppo per la sua guancia arrossata, quanto per il fatto che io abbia perso il controllo della mia persona. Come posso rimproverare un tradimento se non posso controllare me stesso? Ovviamente mi sono scusato con lei con un messaggio subito dopo (si ok è da stupidi), ma non prima di averle detto di non farsi mai più vedere né sentire. Ero in lacrime quando le ho detto rabbiosamente questo, ma comunque non ho cambiato idea… spero davvero di non rivederla mai più, un po’ perché non saprei cosa dirle dopo ciò che ci siamo fatti, un po’ perché credo mi farebbe davvero male rivederla.

Non so se lei stia ancora con questo ragazzo o no, so solo che se per caso un giorno vedessi in giro per caso i manifesti con le foto di questa coppia neosposa morirei. Ma sapete, non perché la voglia ancora con me (sono una persona molto orgogliosa e non torno indietro quando chiudo qualcosa), ma perché mi si spezza il cuore al pensiero che una vigliaccata come un tradimento dia luogo alla sua felicità mentre io cornuto sono ancora solo ed infelice. Non credo che lei abbia mai capito cosa significhi venire traditi, ecco tutto, forse lo schiaffo glielo tirai anche perché non credo abbia mai capito quanto lei fosse importante per me.

Così eccomi qua…sono single da una vita. E mai me la sono spassata, non ho avuto mai più relazioni dopo di lei, di alcun tipo. Ho amici, certo, non moltissimi ma alcuni molto fedeli. Sono tutto sommato un bel ragazzo, mi tengo in forma, ho appena finito l’università con buoni voti e tra poco inizierò un lavoro interessante (stage ovviamente, ma interessante). Ma non sono più quello di un tempo. Sono sempre stato insicuro e come dicevo sono migliorato parecchio anche, ma dal punto di vista sentimentale 0. Non sono mai più riuscito ad andare avanti da quel lato, ho sempre evitato come la peste le relazioni e non mi sono mai più messo in gioco. Mi sono detto che potevo e dovevo essere felice anche da solo, che l’amore può essere una gran cavolata, e che abbiamo bisogno di ossigeno per vivere, non di amore. L’amore è diventato debolezza che non bisogna mostrare, meglio lasciar perdere ed essere felici in altro modo. Alcuni di voi magari penseranno che questa è la giusta punizione per aver tirato quello schiaffo. Può essere, ma io sono davvero stufo di essere infelice. Vorrei solo andare avanti, non dico innamorarmi, vorrei essere libero da quei vecchi fantasmi che avvelenano il mio presente…vorrei liberarmi di questa solitudine che mi sta mangiando giorno dopo giorno, o quantomeno imparare a conviverci. Pensavo di riuscirci dopo quasi 5 anni, ma nulla è cambiato. Vorrei riuscire a vivere la mia vita serenamente, essere felice, senza continuare a nascondermi nello studio o nel lavoro. Non vorrei svegliarmi un giorno pieno di rughe, dandomi dell’idiota perché degli stupidi ricordi mi hanno tenuto in catene per troppo tempo mentre le persone intorno a me riuscivano a godersi la vita. Qualcuno di voi è in questa situazione?

Scusate per la lunghezza, avevo queste cose dentro da molto tempo.

da: K.K.

5 Commenti

  1. Ciao, capisco bemissimo il tuo dolore, questo posso dirlo perché sono passato nella tua stessa situazione, se ancora stai male è perché nel cuore avevi amore vero che non potrà mai finire o essere dimenticato, so come ti senti quando magari prima di dormire passi ore a distrarti per non pensare a lei , magari ti svegli stanco e con poca voglia di andare avanti , ma fatti dire che eri sprecato per una del genere, certo lo schiaffo è stato un errore ma di certo non l’hai mica linciata… (ci mancherebbe..) tu non puoi vedere le cose chiaramente dato che il tuo amore per lei ti offusca il giudizio, ma non vedi ? Sono passati 5 anni e tu ancora la ami nel cuore… lei ti ha trattato male ti ha offeso, ti ha fatto presente difetti e come cosa peggiore ti ha tradito non ci vuole un mago per capire che non ti amava per niente, e tu ancora la ami … si il tempo guarisce ma come ho sempre scritto qui , prima devi dimenticare… dipende da te riuscirci, comunque una ragazza così non sa cosa ha perso… se ti amava non gli fregava nulla di quello che non sai fare ma solo di te non merita il tuo pensiero e il tuo dolore. Ti sono vicino e ti auguro tutto l’amore che ti è stato portato via da quest’essere… in fine non scusarti per aver scritto tutto quello che hai dentro, qui sarai sempre il benvenuto e sempre compreso .Buona fortuna

    • Grazie davvero per il commento Massimo. Sai forse mi ha amato, almeno all’inizio della storia, poi evidentemente non è più stato così. Sarà come dici tu, ci tenevo davvero tanto a lei ma dovrei essere realista. Non la rivoglio indietro, alla lunga saremmo scoppiati comunque, come ho detto eravamo troppo diversi, anche se è stato comunque bello ed importante (almeno per me) finché è durato. Hai ragione comunque, devo capire questa cosa ed andare avanti, cercare di liberarmi di questa catena che continua a gravare sul mio presente. Grazie della comprensione Massimo.

  2. Rifletti sulla tua ultima frase: Non vorrei svegliarmi un giorno pieno di rughe, dandomi dell’idiota perché degli stupidi ricordi mi hanno tenuto in catene per troppo tempo mentre le persone intorno a me riuscivano a godersi la vita!
    E’ proprio così, prima accetti che è finita e prima tornerai a goderti la vita. Certe persone, malgrado il male che ci hanno fatto, non riusciamo a dimenticarle e viviamo di ricordi, di e se….
    Ma non serve a niente, devi solo prendere una decisione con te stesso, devi decidere: da oggi ricomincio a vivere! Prima lo fai prima la tua vita te ne sarà grata

  3. Mi è piaciuto questo “racconto di vita”: mi immedesimo molto in te, caratterialmente penso che siamo simili… eh, lo so, è difficile conoscere persone un pò “particolari”, che magari si divertono di più con un libro in mano, che non attorniandosi di gente ipnotizzata da suoni impetuosi e grevi… però ti posso dire che nella mischia qualcuno interessante c’è (o almeno spero) e magari questo qualcuno si può interessare a te. Sta tutto nel cercare di conoscere gente nuova, rimanendo sempre se stessi. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *