Home / AMORE FINITO / Amore Perso

Amore Perso

 

 

Amore Perso

[typography font=”Cantarell” size=”24″ size_format=”px” color=”#0f0d0f”]Come superare la sofferenza in amore[/typography]

 

 

Ed è così che l’amore può trasformarsi dalla più grande gioia al più grande dolore.

Vivi l’amore immensamente ed a un tratto senti una ferita al cuore perché lui o lei ti ha detto: non ti amo più!

Piangi e pensi sempre quel momento che ti fa soffrire atrocemente, desideri non vivere più, stare da sola con te stessa. Questa è la sofferenza. Non puoi sfuggirgli perché ti segue anche se non la vedi. Puoi distrarre la tua mente ma alla prima occasione ti si ripresenta più forte di prima. L’immagine di lui è ancora più bella da quando ti ha lasciato, l’unico capace di comprenderti e di tirarti fuori da questo incubo. Ma capisci che lui non c’è più.

La mia esperienza e quella di tantissime altre persone mi posta a dirti che per superare la sofferenza in amore non devi negarla, ma viverla, attraversarla, uscirne trasformata.
Il negare, il rimuovere,  il proiettare all’ esterno le cause di questa sofferenza, ed in molti casi trovare in essa una zona di comfort in quanto ci si sente al sicuro al suo interno, da eterne vittime, non fa crescere psicologicamente, né spiritualmente.
Saper soffrire per un amore significa dunque saper stare nella sofferenza per saperne uscire trasformati. Non negare o fingere di stare bene se il cuore è a pezzi. Non bisogna dimostrare a nessuno che siamo più forti di quello che loro credono, che superiamo con facilità il dolore dell’amore negato. Che vuol dire però non fingere? Semplice, se ti va di piangere…fallo! Se ti va di startene a casa solo racchiusa nei tuoi pensieri…fallo! Fai tutto ciò che ti senti di fare anche se questo significa startene rannicchiata abbracciata ad un cuscino.
So che molte persone non sono d’accordo, non vorrebbero mai soffrire, vorrebbero eliminare la sofferenza e la morte stessa.
E questa è la causa di tante nevrosi e di tanti peccati.
Saper soffrire significa saper stare nella sofferenza per poi uscirne.
Il negare, il rimuovere, il proiettare all’esterno le cause della sofferenza, soprattutto psicologica e spirituale, o, al contrario, il rimanere dentro la sofferenza, da vittime sacrificali, senza elaborarla, non fa crescere.
Non trasforma. La sofferenza appartiene alla vita.
Per definizione.
E’ meglio metterla in conto, fin da subito.
Siamo qui, sulla terra, per compiere un viaggio.
Un viaggio eroico.
Dove ci si trasforma.
Seguendo la propria vocazione, i propri carismi. Dalla sofferenza rinascerai e ti sentirai così bene…che adesso non riesci a crederci.

Allora capirai che tutto questo dolore era necessario ed è stato importante viverlo e non negarlo. Un Amore Perso può diventare una grande opportunità di cambiamento.

 

un commento

  1. I’m not easily ipmrsesed. . . but that’s impressing me! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *