Home / PROBLEMI DI CUORE / Amo due uomini

Amo due uomini

Buonasera a tutti
Premetto che è il mio primo post su questo sito, non so cosa potreste pensare di me, ma ho proprio bisogno di un consiglio da parte vostra, perché sono sicura che qui potete capirmi e darmi un giusto aiuto.
Brevemente vi spiego la mia storia:
Circa quattro anni fà, nell’ufficio dove lavoro, arrivò un nuovo capo, apparentemente schivo e antipatico. Nel tempo mi assegnarono come sua segretaria e per questioni di lavoro ho passato tanto tempo a suo fianco.
Piano piano mi sono ricreduta su di lui perché non era affatto come sembrava, imparai a conoscerlo e capire che quello che aveva addosso era solo una maschera, e che dietro si nascondeva una persona buona e gentile. Ora non vi scrivo tutto per intero, cercherò di essere breve.
Negli anni la nostra affinità aumentò e cominciammo a sentirci anche fuori dagli orari di lavoro.
Il problema è che mi sono innamorata di lui, ma siamo tutti e due sposati con figli, io ho una figlia grandicella e un figliolino più piccolo e lui due figli maschi ormai ragazzi.
Mi sento una vigliacca verso la mia famiglia e soprattutto verso  mio marito perché lui è stato sempre onesto con me e io invece sto tradendo la sua fiducia e ora la cosa mi pesa da pazzi, non riesco più a far finta di niente. Ma io amo tutti e due e vorrei vivere con entrambi ma so benissimo che non è possibile.
Anche lui mi ama e per questo vuole lasciare sua moglie, ma non voglio passare per una rovina famiglie.
Come posso fare? Non so più che fare, amo entrambi e voglio essere la donna di tutti e due.

da: Rebecca

21 Commenti

  1. Ciao Rebecca,
    è facile essere criticata ma io in realtà posso comprenderti. Credo che la verità sia però piuttosto diversa. Tu non ami entrambi gli uomini, se ne ami uno è l’ultimo. Tuo marito non credo lo ami più, gli vuoi un gran bene, sei abituata a lui ma di certo se ne fossi innamorata non ameresti l’altro.
    Non perché non si possano amare due persone ma perché dici che tuo marito è sempre stato onesto, quindi ti senti in colpa verso di lui.
    Cosa puoi fare? Prenderti una pausa dal’altro, vedere se ti manca, capire dentro di te quanta paura dovrai affrontare se decidessi di lasciare tuo marito, prospettarti il futuro in una o nell’altra situazione.
    Una cosa è sicura, prima o poi (spero molto prima) dovrai scegliere.
    Un abbraccio

    • Ciao Francesca,
      Mi sembra strano che tutto quello che provo è solo del “bene” e non amore. Perché per me io li amo d’avvero….ho il cuore che sussulta quando sono con loro,è una sensazione indescrivibile.
      l’idea della pausa è buona ma come faccio a staccarmi dal mio “capo”?! Sono stata con lui fino a poco tempo fà e voleva andare a prendere qualcosa da bere insieme dopo il lavoro. Io ho rifiutato usando la scusa dei miei figli,e già mi manca! Spero che posso trovare una soluzione,tu hai ragione,devo decidermi!!
      Grazie tanto del tuo consiglio e per non avermi giudicata male!
      Un abbraccio

  2. Un consiglio: se domani tuo marito scoprisse tutto e decidesse di lasciarti come reagiresti?
    Penso che immaginare questa situazione possa aiutarti a decidere.
    A volte finché una relazione non diventa solida, normale..è perfetta.
    Ma poi, quando cambia la scenografia tutto può cambiare.
    Potresti scoprire che dentro di te non vuoi che questo accada, non vuoi rinunciare alla tua famiglia, ed a quel punto hai due scelte. O lui amante per sempre o finisce qui

  3. In queste situazioni cerca di cambiare prospettiva: come la prenderesti se un bel giorno tuo marito si presentasse con una bella figa sui trenta e dicesse “Tesoro, lei è Samantha, mi sono reso conto di amarla almeno quanto amo te! Resterà con noi ma non ti preoccupare , nel matrimoniale continui a dormirci tu. Ora, ci sarebbe da liberare la stanza dove tieni cavalletto, tavolozze e tutto il materiale da pittura”.

  4. Buonasera!
    Cercherò di rispondere a tutti e due!
    Alla situazione che dice Matt sinceramente non ci avevo mai pensato…mi sentirei sbalordita..cioè…non me lo aspetterei da mio marito.
    Voi avete ragione,anche Rado,non ha tutti i torti…ci rimarrei malissimo sopratutto per i miei bimbi.
    Pensare che posso essere io la causa della sofferenza della mia famiglia,mi fa sentire male. Io capisco benissimo quello che mi volete dire, ma voi,come fareste a lasciare una persona che amate tanto??Il problema mio è questo… So benissimo che quello che facciamo è sbagliato,ma nonostante tutto non riesco a staccarmi da lui,di cercarlo…
    Voi che dite,se mi faccio forza e comincio ad andare su questo argomento con il mio “capo”? Per capire se,anche per lui,questa situazione deve cambiare.
    Come sempre grazie per i vostri consigli!! Un abbraccio a tutti e due!!

    • Rebecca, è questione di scelte. Io sono il primo che vorrebbe la botte piena e la moglie ubriaca ma, parte alcuni “fortunati”, noialtri esseri umani abbiamo il dovere di prendere decisioni ed assumerci responsabilità. Cerca di mettere sul piatto della bilancia tutto il possibile e di fare una scelta ponderata tenendo contro delle controparti (parlo anche della fantomatica “moglie di lui” e dei di lei figli) e dei loro sentimenti. Puliti non se ne esce, qualcuno rimarrà raschiato : come al solito soluzioni facili non ce ne sono e come al solito l’ “amore” si rivela per la brutta bestia che in realtà è . In bocca al lupo

  5. Rebecca io sono del parere che non si è mai innamorati di due persone. Io penso che tu non ami più tuo marito. Magari sei cambiata dal tempo che vi siete sposati o siete cresciuti in maniera diversa, o lui ti ha deluso in qualche modo, ma di sicuro se fossi ancora innamorata di lui, quel tuo capo non lo vedresti nemmeno. Vedi si vacilla o ci si guarda in torno quando qualcosa non va, quando si sente che con la persona con cui si vive qualcosa non funziona.
    Quindi quell’amore che dici di sentire per tuo marito è solo affetto e riconoscenza per gli anni felici e per i bambini che avete (contaci anche la serenità e l’abitudine di una vita a due e magari anche il fatto che tuo marito è un uomo buono e gentile).
    Per quel che riguarda l’amore per questo tuo capo, magari è solo un fuoco di paglia. Lavorare insieme, stare a contatto per tante ore (spesso si sta più a lavoro che a casa e quindi si vive con i colleghi più tempo che con il marito), avere un progetto comune (il lavoro) vi ha portato ad avere una certa confidenza e a pensare di poter essere fatti l’uno per l’altra.
    Di solito in questi casi però è quasi sempre un amore che ha la data di scadenza sopra e che vive e si alimenta anche dal fatto che è un “amore impossibile”.
    Ti racconto un caso che successe a un mio zio. Lui sposato con due figli e lei (una collega anche lei sposata con figli). Tanti anni fa era uno scandalo una separazione e dopo vari ripensamenti, mio zio e quella signora optarono per la famiglia e si lasciarono. Anni dopo si sono incontrati di nuovo. Lui orami era vedovo e lei separata con i figli ormai grandi. Ormai liberi si sono messi insieme, ma sono durati solo pochi mesi. Il grande amore, quello per cui avrebbero mandato all’aria i loro matrimoni e così anche la serenità dei loro figli, si era rivelato quindi sono un fuoco fatuo.
    Ora quello su cui mi vorrei soffermare è che dovresti chiederti più cosa c’è nel tuo matrimonio che non va. Certo che il fatto che tu stia sempre a contatto con questa persona non è una delle situazioni più ideali. Rado ha ragione quando parla di mettere sulla bilancia tutto quel che perdereste e il casino che fareste in nome del vostro amore, perché per fare ciò il vostro dovrebbe essere un amore davvero molto grande. E statisticamente, come è successo a mio zio, è difficile che il vostro sia così grande da reggere il peso di aver fatto uno sfacelo simile.
    A meno che, ma questo dovrebbe essere un problema a se stante, il tuo matrimonio vada così male da non consentirti più di vivere serenamente con tuo marito, escludendo quindi il fatto che tu sia o non sia presa dal tuo capo.

    • Scusa Daniela, ma forse ti appelli un po’ troppo alle statistiche e all’analisi centellinata delle storie, perdendo la palpabilità che emana la storia di Rebecca. Come fai a sapere che lei non sia innamorata di entrambi? A me sembra che tu ci sia passata, che ti sia convinta di questo per non soffrire, e che tu stia cercando di mostrare a Rebecca questa via come quella decisiva. In più, pur di non smuovere questa tua teoria apparentemente logica, credi di sapere cosa stia provando veramente lei.

      Rebecca SA se li ama entrambi o meno. Ed è per questo che chiede aiuto. Perché non possono essere entrambi amori, entrambi forti, ma diversi? @Rebecca, devi avere dentro di te davvero tanto amore se riesci ad amare così ed essere ricambiata. Si capisce che sei una donna sensibile e quando si ama non sempre si è così lucidi. Ho visto donne sposate fare il filo a uomini sposati davanti a tutti, tanto da far veramente schifo. Tu, invece, stai realmente cercando di non fare la sfascia famiglie senza pretendere troppo dagli altri. Hai una profonda consapevolezza, mi piace. Ti consiglio, se ti va, di leggere qualche libro di una terapeuta italiana che si chiama Umberta Telfener. Lei sì che riesce a dare una visione chiara delle relazioni, senza imporre agli altri un modo di sentire i rapporti. Un abbraccio, Monica

      • Monica, a volte parlo per statistiche è vero, ma quel che dico è sentito e sincero, e sono una persona che i sentimenti li mette sempre al primo posto. Comunque se dico che non si può essere veramente, e sottolineo veramente, innamorati di due persone contemporaneamente è perché ci sono passata anche io, anche se la mia storia è molto diversa da quella di Rebecca. Anche io all’inizio comunque ero molto confusa, e mi facevo un sacco di domande, ma poi piano piano ho capito come stavano davvero le cose.
        In ogni caso se hai dubbi, vai al link che Paolo R.R. ha messo qua sotto e vedrai che una psicoterapeuta ha detto in maniera molto più esaustiva di me, quel che sto dicendo adesso.
        In ogni modo posso assicurarti che quando si è veramente innamorati e soddisfatti in coppia non si hanno occhi che per la persona del cuore (certo gli altri li vedi ma non ti interessano più che tanto perché sei felice e appagata dall’uomo che hai) e ci si guarda intorno solo quando c’è qualcosa che non va. La cosa però non è così semplice e non si capisce subito. Si hanno grandi momenti di incertezza, paura, ci si crede mostri ecc. Poi però la nebbia si dissolve e finalmente si comprende. Quel che volevo dire con la storia di mio zio, è che spesso però non è oro tutto quel che riluce. Cioè a volte si lascia una persona per un grande amore, ma a volte purtroppo il grande amore è solo un’illusione o nella nostra testa. La questione è che ci manca qualcosa nel nostro rapporto e ci aggrappiamo i a qualcuno che sembra apparire la persona ideale e che sopperisce con la sua presenza alle mancanze dell’altra. Può essere l’amore della tua vita ma può anche non esserlo perché il giudizio e il cuore viene offuscato dalla situazione che si vive in casa (di cui come detto all’inizio, non ti accorgi che non ti fa sentire più bene).
        Comunque io cerco solo di dare un consiglio, in base all’esperienza. Poi i suggerimenti possono essere seguiti oppure no. Ognuno di noi qua cerca di aiutare come può, e le opinioni sono tante. Se la mia a Rebecca non piace, può benissimo non prenderla in considerazione.

      • Ah io non ho mostrato nessuna via a Rebecca. Non ho detto affatto che debba rimanere con suo marito e lasciare il suo capo, né ho detto che deve tenere tutti e due, oppure che deve andare con il suo capo e lasciare il marito. Ho solo detto che sicuramente, se si è innamorata del suo capo è perché nel suo matrimonio qualcosa non va. Su questo sono abbastanza sicura, perché altrimenti il suo capo l’avrebbe visto come uno dei tanti capi o colleghi di lavoro e basta.

      • Sul link, hai letto lucidamente l’ultima domanda? Quando dice di lasciar perdere i manuali e dire cosa pensa lei intimamente? Non dice che non si amano entrambi… ma che non si è sinceri, con entrambi aggiungerei. Questo è diverso. Ecco, negare questo, allora, diventa anche non essere sinceri con se stessi. E qui, magari, noi possiamo essere d’accordo sulla “crisi”.

      • @Daniela, comunque sono d’accordo con te quando dici che a volte lasciamo le persone che magari ci hanno amato con l’anima per inseguire “un grande amore”, che poi si rivela in realtà una situazione di sofferenza o di perenne insoddisfazione, nella speranza che, prima o poi, Lui… ecc., “copioni” (per dirla con Telfener). Ma queste storie le conosciamo, e quella di tuo zio è una grande storia che insegna.

        Però se leggo il link, anziché vedere le due relazioni come due relazioni contemporaneamente insoddisfacenti, qui Rebecca cerca di comporle. Cioè, in lei, mi sembra di capire che siano come una grande Anima, però divisa in due corpi diversi… poi… boh…

      • Monica io ho parlato per esperienza. Per questo dicevo che non si può parlare di amare due uomini contemporaneamente. Mi spiego meglio: io ho avuto un marito che è stato meraviglioso per parecchi anni, poi con la morte di sua madre è come impazzito. Due dei suoi fratelli soffrono di disturbi neurologici e, probabilmente a causa di una predisposizione genetica, il trauma della morte di sua madre ha fatto venire a galla qualcosa che viveva in lui latente. Ti dico questo perchè per otto anni quest’uomo è stato altalenante tra l’essere: ora l’uomo meraviglioso che avevo sposato, ora una persona che sembrava lui, ma non lo era. Questo stato mi ha fatto stare malissimo. Non riuscivo più a capire con chi avessi a che fare e speravo, e mi illudevo, che prima o poi lui sarebbe stato in grado di superare il lutto. Posso dirti che nel periodo in cui siamo stati felici io non ho mai guardato nessun altro uomo. Ma dopo tanti anni di incertezza in cui io ero comunque ancora convinta di essere innamorata di lui, senza rendermene conto ho cominciato a guardarmi intorno. E così, senza capire come, mi sono rirovata a essere innamorata di un’altra persona. Ovvio che mi sentissi un mostro, che non riuscissi a comprendere come potessi amare due uomini contemporaneamente. C’è stata grande confusione in me, fino a che ho capito che tutti quegli anni di incertezza mi avevano sfinito e che non amavo più mio marito. Se vuoi sapere per curiosità come è finita la mia storia posso dirti che con quello che credevo fosse il nuovo grande amore, non c’è stato mai niente. Perchè? Perchè conoscendolo meglio mi sono accorta che l’avevo idealizzato troppo e che non era affatto come avevo creduto. E penso che mi sia innamorata di un altro, e di non essere stata lucida neanche di vederlo per come era veramente, perchè mi mancava qualcosa e non ero più felice.
        Alla fine ho gettato la spugna e mi sono separata, perchè ormai in casa avevo un altro uomo di cui non ero innamorata. Ma non ho nessun altro e ora sono single.
        Per questo esortavo Rebecca a scoprire cosa non andasse con suo marito, perchè lei (almeno per la mia opinione ed esperienza) forse non si rende conto ma se si è innamorata di un altro è perchè in qualche maniera non lo è più di suo marito. E scambia il bene con l’amore. Se poi il capo sia l’uomo giusto o il grande amore che ha sempre sognato, questo non lo so (mica tutte le storie vanno a finire male come la mia, per fortuna). Magari è così, ma per me la cosa certa è che con suo marito c’è una crisi che lei non ha voluto vedere o ha soffocato per il bene della famiglia e perchè comunque è affezionata molto al suo coniuge. Ma si può soffocare fino a un certo punto: infatti Rebecca alla fine si innamorata del suo capo.
        Spero di essermi spiegata. Un caro saluto Monica e auguro anche a te, come a Rebecca, serenità e felicità.

      • Si forse è vero Rebecca cerca di comporre le due relazioni perchè forse per lei è la solluzione migliore per non fare del male a nessuno, non turbando l’equilibrio della sua famiglia nè quello del suo capo. Ma questa è una cosa difficile da tenere su. La puoi tenere per un po’ ma è complicato protrarla a lungo, sia per i problemi emotivi sia perchè potrebbe essere scoperta (o da suo marito o dalla moglie del suo capo).

  6. Ciao Rebecca, lo sai perchè accadono queste situazioni? Perché non sappiamo bene cosa vogliamo dalla vita. Può darsi che un giorno vogliamo bianco e l’altro nero. E’ la nostra indecisione a creare questo casino.
    Forse ami entrambi, forse non ami nessuno. Chiarisciti le idee, cerca di vedere in futuro con quali dei due potrebbe svolgersi la tua vita, poi tutto sarà più chiaro e sarà meno complicato decidersi

  7. A proposito, ti rimando ad un articolo letto sul web che mi ha in parte chiarito questo quesito, cioè se “si possono amare due uomini” contemporaneamente:

    http://www.margherita.net/salute_donne/psicologia/amare-due-persone.html

  8. Buonasera a tutti!!
    in anticipo vi ringrazio tantissimo dei vostri consigli…ora non mi sento sola ad affrontare questa situazione…
    Prima di tutto mi scuso per non avervi risposto prima ma sono stata molto impegnata…
    voglio rispondere a tutte e due, Monica e Daniela.

    Rispondo sia a Daniela che a Monica
    Anche io ho sempre pensato che non si possono amare 2 persone contemporaneamente, per questo la cosa che mi sta succedendo mi ha sconvolto. Perché pensavo che queste cose sono non succedono e sopratutto non avrei mai pensato che sarebbe successo a me. Anche io penso che a volte che per mio marito provo affetto e non amore..ma quando sono intimità con lui mi rendo conto che quello che provo non è sono affetto, ma è sempre lo stesso amore.
    Perciò la cosa mi fa pensare che anche il discorso di Monica,in un certo senso può legarsi alla mia vicenda. Comunque io con lui gli ho parlato di questo discorso e sul da farsi..per lui possiamo continuare a vederci come sempre senza dover far tutto il casino di lasciare le nostre famiglie.
    La cosa mi ha lasciato ancora più confusa, ma sinceramente non sono abbastanza lucida e infatti,dopo aver continuato a parlare,lui a cercato come sempre, di sedurmi….e purtroppo non ho resistito.
    Ecco..il mio problema è questo…non riesco ada essere obbiettiva.
    Il problema sono io….e no sono come dice Monica…mi sento una brutta persona, comunque come posso leggerò quell’articolo!!
    Però con lui (capo) il discorso non finisce qui. Voglio capire se le cose che provo io, le prova realmente anche lui.
    Grazie tantissimo,buona serata a tutti voi. Un abbraccio forte

  9. Cara Rebecca vorrei cercare in qualche modo aiutarti a chiarire meglio quel che provi o senti.
    Intanto fare sesso con una persona ci fa sentire più uniti alla persona con cui lo facciamo. E’ per questo che quando lo fai con tuo marito, ti sembra di amarlo e non di volergli solo bene. Contaci pure il fatto che avete ormai un’intimità ormai collaudata, che siete sposati da tanto, che vi siete amati molto e che avete dei figli.
    Ma di sicuro non ami due uomini contemporaneamente. Sono certa che c’è qualcosa che con tuo marito non va. Forse ti ha delusa, forse dopo tanti anni hai scoperto che non era proprio l’uomo adatto a te. Forse non avete grandi progetti in comune. Sicuramente è un brav’uomo, una persona affidabile, uno cui non vorresti mai fare del male. Ma guardati dentro bene, vedrai che qualcosa che non va la trovi.
    L’altro è una conseguenza della situazione che ti trovi dentro casa. Ti esorto, ma ho visto che già sei decisa su questo e fai bene, a capire bene, se il tuo capo sia preso da te come tu lo sei di lui. Non è per pensare male, ma sai spesso è facile che un capo approfitti della sua posizione (essere un leader è una componente che attira una donna esattamente come la bellezza attira l’uomo) per sedurre una collega.
    In più vorrei farti riflettere sulla soluzione che hai adottato per il momento: cioè tenere tutti e due per fare il minor male possibile sia alla tua famiglia che a quella di lui. Ricorda di fare molta attenzione. Non sono certo per il tradimento, ma visto che per il momento stai messa così, cerca di non farti scoprire perché come avrai letto qui in questo forum relativamente ai tradimenti, se la cosa venisse a galla, otterresti proprio quel che stai cercando di evitare con tanta cura: e cioè la distruzione totale della tua famiglia.
    Capisco che da una parte ti senti euforica e dall’altra un mostro, con forti sensi di colpa. Proprio per questo cerca di fare chiarezza al più presto dentro di te, valutando ben bene le varie possibilità. Ti auguro presto tanta serenità.

    • Ciao Daniela e scusami se in questi giorni non sono stata presente quì.
      Però sono stata impegnata perché ho fatto la cosa giusta! Ho lasciato il mio capo!!!!!
      Avevo letto il tuo messaggio e mi ha convinto…poi tra tutto il trambusto non ho avuto modo di dirti della mia decisione.
      È stato difficile per me lasciarlo ma penso che per lui io fossi solo la sua “sottomessa” e la cosa mi ha fatto male perché per me lui,non era solo un divertimento. Però mi ha fatto capire che stavo sbagliando…a lui non ha importato più di tanto…e questo mi ha convinta ancora di più che ho fatto la cosa giusta.
      Ora mi concentro solo sulla mia famiglia e su mio marito! Grazie a tutti per i consigli e la pazienza che avete avuto. Siete stati gentili e grazie ancora,spero che vada tutto bene! Un abbraccio a tutti voi

      • Ciao Rebecca. Sono contenta che hai preso una decisione. Che era poi quella più giusta visto che il tuo capo non era nemmeno preso come te. Fai bene a concentrarti sulla tua famiglia e su tuo marito. Anzi con quest’ultimo cerca di ritrovare un po’ i bei momenti di quando eravate fidanzati. Senza esagerare troppo, perché altrimenti potrebbe sospettare qualcosa, ma cerca di ritrovare voi stessi e quel che vi unisce. Perché così non corri il rischio di incappare magari in un altra relazione. Sono convinta infatti che se una persona è felice e appagata con la persona con cui sta, non ha certo bisogno di cercare altrove quel che ha già in casa. Almeno per me ha sempre funzionato così.
        Ti auguro davvero tanta armonia e serenità.

  10. Salve, volevo sapere a distanza di piu’ di un anno come e finite, io vivo una storia simile ed è devastante, sono devastat dentro, e per lo piu’ il secondo uomo che mi ha preso il cuore bhe’ riderete ma tra noi nenanche un bacio solo discorsi e lettere, soffro come una bestia e mi sento una carogna nei confronti del mio compagno che ho da due anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *